Apri il menu principale
Scitopoli
Sede arcivescovile titolare
Archidioecesis Scythopolitana
Patriarcato di Gerusalemme
Sede titolare di Scitopoli
Panorama delle rovine di Scitopoli
Arcivescovo titolare sede vacante
Istituita XVI secolo
Stato Israele
Arcidiocesi soppressa di Scitopoli
Diocesi suffraganee Abila, Capitoliade, Diocesarea, Ecsalo, Elenopoli, Gadara, Ippo, Massimianopoli, Pella, Tiberiade
Eretta IV secolo
Soppressa ?
Dati dall'annuario pontificio
Sedi titolari cattoliche

L'arcidiocesi di Scitopoli (in latino: Archidioecesis Scythopolitana) è una sede soppressa del patriarcato di Gerusalemme e sede titolare della Chiesa cattolica.

Indice

StoriaModifica

Scitopoli, corrispondente all'odierna Beit She'an in Israele, fu una sede metropolitana e capoluogo della provincia romana della Palestina Seconda nella diocesi civile di Oriente e nel patriarcato di Gerusalemme.

Scitopoli diede i natali a diversi illustri cristiani: il martire san Procopio, ricordato nel martirologio romano l'8 luglio, che apparteneva al clero della città; Asterio, commentatore dei salmi del IV secolo, menzionato da san Girolamo; Cirillo, storico della vita monastica in Palestina. Nel VI secolo c'erano quattro chiese a Scitopoli, dedicate ai santi Tommaso, Giovanni, Procopio e Basilio, un altro martire locale. Molti monaci vivevano in città e nei suoi dintorni, come ricorda lo storico Sozomeno. La città cadde in mano araba nel 634.

Inizialmente diocesi suffraganea del patriarcato di Gerusalemme, nel V secolo fu elevata al rango di arcidiocesi metropolitana, con giurisdizione sulla Galilea, sulla piana di Esdraelon e sulla parte settentrionale della Transgiordania. Da Scitopoli dipendevano le seguenti suffraganee: Abila, Capitoliade, Diocesarea, Ecsalo, Elenopoli, Gadara, Ippo, Massimianopoli, Pella e Tiberiade.

Secondo il Moroni, la diocesi inizialmente dipendeva dal patriarcato di Antiochia; fu il secondo concilio ecumenico di Costantinopoli a sottrarre Scitopoli ad Antiochia e a sottoporla al patriarcato di Gerusalemme.

Sono diversi i vescovi noti di questa antica sede metropolitana. I primi tre furono vescovi ariani. Tra questi, il più conosciuto è certamente Patrofilo, che fu amico di Ario e prese parte al concilio di Nicea nel 325 e a diversi sinodi ariani; durante il suo episcopato, Scitopoli divenne luogo di confino di vescovi antiariani, tra cui Eusebio di Vercelli, vessato a più riprese da Patrofilo. Altri vescovi arini, succeduti a Patrofilo, furono Filippo e Atanasio.

Seguono Saturnino, che partecipò al concilio di Costantinopoli del 381; Teodosio, che fu amico di Giovanni Crisostomo e da lui ricevette una lettera attorno al 404; Acacio, amico di Cirillo d'Alessandria e suo corrispondente; Serviano, ucciso dai monofisiti nel 452 circa; Olimpio, che sottoscrisse nel 458 la lettera dei vescovi della Palestina Seconda all'imperatore Leone I dopo la morte di Proterio di Alessandria; succedettero Cosma, Giovanni, che scrisse in difesa del concilio di Calcedonia, Teodosio II e Teodoro. Lequien aggiunge un vescovo di Scitopoli del 1146, metropolita di Besan o Bethsan.

Sede vacante da diverso tempo e ridotta in rovina la città episcopale, nel XII secolo, all'epoca della prima crociata, papa Pasquale II trasferì a Nazareth il titolo arcivescovile di Scitopoli.

Oggi Scitopoli è una sede arcivescovile titolare della Chiesa cattolica; attualmente la sede è vacante.

CronotassiModifica

Arcivescovi greciModifica

  • Patrofilo † (prima del 325 - circa 361 deceduto) (vescovo ariano)
  • Filippo † (? - circa 376/377) (vescovo ariano)
  • Atanasio † (circa 377 - 381 deceduto) (vescovo ariano)
  • Saturnino † (menzionato nel 381)
  • Teodosio I † (? - circa 404)
  • Acacio † (menzionato nel 431)
  • Serviano † (? - 452 deceduto)
  • Olimpio † (? - 466 deceduto)
  • Cosma † (466 - 496/497 deceduto)
  • Giovanni † (circa 497 - prima del 518 deceduto)
  • Teodosio II † (518 - prima del 544 deceduto)
  • Teodoro †
  • Germano † (menzionato nel 1146)

Arcivescovi titolariModifica

  • Giovanni Mozzanigo † (22 ottobre 1621 - ?)
  • Mariano Gavasci, O.F.M.Cap. † (18 marzo 1895 - 9 febbraio 1899 deceduto)
  • Domenico Fegatelli † (17 dicembre 1900 - 23 gennaio 1905 deceduto)
  • Antonio Maria Bonito † (11 dicembre 1905 - 17 giugno 1908 succeduto arcivescovo di Amalfi)
  • John Lancaster Spalding † (14 ottobre 1908 - 25 agosto 1916 deceduto)
  • Americo Bevilacqua † (2 febbraio 1918 - 20 marzo 1926 deceduto)
  • Pranciškus Karevičius, M.I.C. † (23 marzo 1926 - 30 maggio 1945 deceduto)
  • Antonio Tani † (31 dicembre 1952 - 16 novembre 1966 deceduto)
  • Saba Youakim, B.S. † (9 settembre 1968 - 15 ottobre 1970 nominato arcieparca di Petra e Filadelfia dei Melchiti)
  • Eftimios Youakim, B.S. † (21 agosto 1971 - 19 maggio 1972 deceduto)
  • Joseph-Marie Raya † (21 agosto 1974 - 10 giugno 2005 deceduto)

Fonti

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi