Arcidiocesi di Esztergom-Budapest

(Reindirizzamento da Arcidiocesi di Strigonio-Budapest)

L'arcidiocesi di Esztergom-Budapest (in latino: Archidioecesis Strigoniensis-Budapestinensis) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica in Ungheria. Nel 2021 contava 1237000 battezzati su 2059500 abitanti. È retta dall'arcivescovo cardinale Péter Erdő.

Arcidiocesi di Esztergom-Budapest
Archidioecesis Strigoniensis-Budapestinensis
Chiesa latina
EsztergomBasilica-South.jpg
 
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Collocazione geografica
Collocazione geografica della diocesi
Diocesi suffraganee
Győr, Székesfehérvár
 
Arcivescovo metropolita e primatecardinale Péter Erdő
AusiliariGábor Mohos[1],
Levente Balázs Martos[2]
Presbiteri365, di cui 219 secolari e 146 regolari
3.389 battezzati per presbitero
Religiosi199 uomini, 303 donne
Diaconi40 permanenti
 
Abitanti2.059.500
Battezzati1.237.000 (60,1% del totale)
Superficie1.543 km² in Ungheria
Parrocchie158
 
ErezioneXI secolo
Ritoromano
CattedraleSanta Maria Assunta e Sant'Adalberto
ConcattedraleSanto Stefano
IndirizzoMindszenty hercegprimas tere 2, Pf. 25, H-2501 Esztergom, Magyarorszag;

Uri utca 62, H-1014 Budapest; Pf. 1, H-1250 Budapest, Magyarorszag.

Sito webwww.esztergomi-ersekseg.hu
Dati dall'Annuario pontificio 2022 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Ungheria
La basilica concattedrale di Santo Stefano a Budapest.
La basilica minore dell'Assunzione di Maria a Máriaremete.
Il palazzo arcivescovile di Esztergom-Budapest.

L'arcivescovo di Esztergom-Budapest è primate d'Ungheria.

TerritorioModifica

Sede arcivescovile è la città di Esztergom e comprende, oltre a Esztergom e gran parte di Budapest, il territorio tra le due città.

A Esztergom si trova la cattedrale di Nostra Signora e di Sant'Adalberto. A Budapest si erge la concattedrale di Santo Stefano. A Máriaremete, quartiere di Budapest, sorge la basilica minore dell'Assunzione di Maria.

Il territorio si estende su 1.543 km² ed è suddiviso in 157 parrocchie.

Provincia ecclesiasticaModifica

La provincia ecclesiastica di Esztergom-Budapest comprende due suffraganee:

StoriaModifica

L'arcidiocesi di Esztergom fu eretta nell'XI secolo, nel contesto della cristianizzazione dell'Ungheria all'epoca del re santo Stefano, e ben presto i suoi prelati assunsero un ruolo predominante nella giovane Chiesa ungherese, che varrà loro in seguito il titolo di primati d'Ungheria.

Tra i primi vescovi di Esztergom sono da segnalare: Lukács Bánfi (1161-1181), difensore del cattolicesimo contro i tentativi di Manuele I Comneno di inquadrare la Chiesa ungherese nel patriarcato di Costantinopoli; nel 1227 l'arcivescovo Róbert, insieme con il re Andrea II d'Ungheria, fondò la nuova diocesi di Milcovia a oriente del territorio ungherese, nella regione storica della Moldavia, allora abitata dai Cumani; la diocesi sarà soppressa nel XVI secolo; l'arcivescovo Mátyás, che assieme ad altri vescovi ungheresi trovò la morte sul campo di battaglia contro i Tartari nel 1241.

Il vescovo László Szalkay trovò la morte assieme ad altri 7 vescovi ungheresi nella battaglia di Mohács del 1526 contro i Turchi, i quali conquistarono Esztergom nel 1543. L'arcivescovo Pál Várdai fu costretto a trasferire la sede a Trnava, nell'attuale Slovacchia.

In un momento difficile per la Chiesa ungherese, con i Turchi padroni del Paese e il luteranesimo che si faceva strada tra i ceti medio alti della società ungherese, emerse la figura di uno dei più grandi arcivescovi di Esztergom di questo periodo, Miklós Oláh (1554-1568), umanista, che seppe riformare la sua arcidiocesi secondo i decreti del Concilio di Trento, non disdegnando di utilizzare il braccio secolare per difendere il cattolicesimo. La sua preoccupazione principale fu quella della formazione del clero: chiamò i gesuiti (1561), a cui affidò il seminario arcivescovile fondato nel 1566; nel 1560 indisse un sinodo con lo scopo di mettere in pratica i dettami del concilio tridentino.

Un gesuita divenne cardinale-arcivescovo di Esztergom, Péter Pázmány (1616-1637). Uomo di grande cultura e proficuo scrittore ecclesiastico, seppe contrastare il pensiero e la teologia luterana con il rigore scientifico della sua esposizione dottrinale, ma anche con la semplicità del linguaggio, capace di attrarre tutti i ceti della società ungherese. Grazie alla sua azione, numerose famiglie dell'alta società abbandonarono il luteranesimo per ritornare al cattolicesimo. Pázmány fondò a Trnava un altro seminario e un'università, trasferita a Budapest nel 1777; fondò anche un seminario ungherese a Vienna, il Collegium Pazmanianum; per primo, inviò i migliori elementi del suo clero a Roma a perfezionarsi nelle università pontificie.

Il 13 marzo 1776 i territori settentrionali dell'arcidiocesi diedero origine alle nuove diocesi di Banská Bystrica, di Rožňava e di Spiš.

L'arcivescovo József Batthyány tra il 1778 e il 1781 fece costruire a Presburgo, l'attuale Bratislava, l'imponente Palazzo Primaziale, in stile neoclassico, su progetto dell'architetto Melchior Hefele.

Nel 1820 Alexander Rudnay riportò la sede dell'arcidiocesi, il capitolo dei canonici e il seminario arcivescovile a Esztergom. Nel 1822 dette avvio ai lavori di costruzione del nuovo seminario e della nuova residenza arcivescovile.

L'8 giugno 1912 cedette la parrocchia di rito bizantino di Budapest a vantaggio dell'erezione dell'eparchia di Hajdúdorog.

Dopo la Prima guerra mondiale l'arcidiocesi si trovò divisa tra Ungheria e Cecoslovacchia. Il 29 maggio 1922 i territori cecoslovacchi dell'arcidiocesi furono costituiti in amministrazione apostolica di Trnava (oggi arcidiocesi di Trnava). In questo modo Esztergom perse oltre 370 parrocchie delle 481 che aveva prima della guerra.[3]

Nel secondo dopo-guerra emerse la figura del cardinale József Mindszenty (1945-1973). Arrestato dalle autorità comuniste del Paese, fu condannato all'ergastolo nel 1948; venne liberato durante la rivolta ungherese del 1956, ma fallito il tentativo degli insorti, si rifugiò nell'ambasciata americana di Budapest, dove rimase fino al 1971, non potendo così partecipare al concilio Vaticano II.

Il 31 maggio 1993 con la bolla Hungarorum gens di papa Giovanni Paolo II furono rivisti i confini delle diocesi ungheresi. La sede di Esztergom acquisì quasi tutti i distretti che costituiscono la città di Budapest, appartenuti alle diocesi di Vác e di Székesfehérvár, e al contempo cedette alcune parrocchie a queste stesse due diocesi e a quella di Győr. Contestualmente assunse il presente nome di Arcidiocesi di Esztergom-Budapest.

Rito strigonienseModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Rito strigoniense.

Fino all'edizione del Messale post-tridentino di San Pio V nell'arcidiocesi era in uso un rito proprio, il cui Messale, che trae origine da un Sacramentario della fine del XII secolo, fu stampato nel 1484. Le rubriche liturgiche erano raccolti nell'Ordinarius Strigoniensis che ebbe otto edizioni fra il 1493 e il 1520.[4] Gli stessi libri liturgici erano utilizzati anche nelle diocesi suffraganee. Dopo il Concilio di Trento, il Messale strigoniense rimasero in uso fino al sinodo del 1629 in cui fu votato all'unanimità l'accoglimento del Messale Romano di Pio V, con l'aggiunta però delle feste dei santi del Regno d'Ungheria, due dei quali furono inserite anche nel calendario romano generale: santo Stefano d'Ungheria e sant'Adalberto.[5] Anche dopo l'introduzione del Messale Romano, nell'arcidiocesi fu in uso un Rituale proprio, che sebbene si richiamasse al Rituale Romanum del 1614, accoglieva le consuetudini proprie del Regno d'Ungheria. Il Rituale Strigoniense fu stampato per la prima volta nel 1625 come erede di libri liturgici precedenti stampati nell'arcidiocesi nel 1560 e nel 1583. Ebbe poi numerose riedizioni fino al 1909 e rimase in uso fino alla metà del XX secolo.[6] Altro libro liturgico che rivela dati interessanti sulla liturgia e sulla pastorale, anche perché destinato alle chiese di borghi e villaggi, è il Cantionale Rituale; fu stampato nel 1681: oltre a canti in latino, ne raccoglie altri in slovacco.[7]

Cronotassi dei vescoviModifica

Si omettono i periodi di sede vacante non superiori ai 2 anni o non storicamente accertati.

 
Jusztinián György Serédi (arcivescovo 1927-1945) in cappa magna

StatisticheModifica

L'arcidiocesi nel 2021 su una popolazione di 2.059.500 persone contava 1.237.000 battezzati, corrispondenti al 60,1% del totale.

anno popolazione presbiteri diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per presbitero uomini donne
1948 818.773 1.236.392 66,2 1.191 520 671 687 453 2.451 167
1970 750.000 1.710.000 43,9 632 512 120 1.186 130 20 162
1980 798.000 1.920.000 41,6 402 402 1.985 20 20 158
1990 949.115 1.541.973 61,6 405 308 97 2.343 167 39 154
1999 1.258.000 2.094.000 60,1 461 267 194 2.728 13 280 714 149
2000 1.258.000 2.094.000 60,1 388 269 119 3.242 14 241 768 149
2001 1.258.000 2.094.000 60,1 359 239 120 3.504 15 255 723 149
2002 1.258.000 2.930.000 42,9 358 234 124 3.513 17 173 699 149
2003 1.258.000 2.094.000 60,1 369 245 124 3.409 17 173 699 151
2004 1.258.000 2.094.000 60,1 370 260 110 3.400 16 155 664 151
2006 1.264.867 2.100.000 60,2 398 230 168 3.178 19 224 551 152
2013 1.254.000 2.088.000 60,1 443 262 181 2.830 23 254 480 188
2016 1.249.000 2.078.000 60,1 377 224 153 3.312 28 216 394 155
2019 1.238.900 2.061.200 60,1 382 231 151 3.243 38 211 319 157
2021 1.237.000 2.059.500 60,1 365 219 146 3.389 40 199 303 158

NoteModifica

  1. ^ Vescovo titolare di Iliturgi.
  2. ^ Vescovo titolare di Treba.
  3. ^ Szalay, Dictionnaire d'histoire et de géographie ecclésiastiques, vol. XV, col. 1097.
  4. ^ Ján Dubina, I riti peculiari del Triduo Pasquale in Slovacchia, Romae, 2012, pp. 31-37
  5. ^ Ján Dubina, I riti peculiari del Triduo Pasquale in Slovacchia, Romae, 2012, pp. 39-41
  6. ^ Ján Dubina, I riti peculiari del Triduo Pasquale in Slovacchia, Romae, 2012, pp. 44-45
  7. ^ Ján Dubina, I riti peculiari del Triduo Pasquale in Slovacchia, Romae, 2012, pp. 46-47
  8. ^ In questa data ricevette il pallio.
  9. ^ In questo periodo ci furono due vescovi eletti in competizione fra loro, Benedek e Miklós, non confermati dalla Santa Sede.
  10. ^ Vescovo inserito nella cronotassi da Gams; secondo Eubel probabilmente questa nomina non ebbe effetto, poiché il 12 ottobre 1551 fu creato cardinale.
  11. ^ In questo periodo si trovano due vescovi: Miklós Telegdy, amministratore apostolico dal 1580 alla sua morte il 22 aprile 1586; e István Fejérkővy, nominato dal re d'Ungheria il 7 giugno 1596, ma morto il 20 novembre successivo senza ricevere la conferma della Santa Sede (Eubel, Hierarchia catholica, vol. IV, p. 322, nota 2).
  12. ^ In questo periodo è indicato come amministratore apostolico István Szuhay.
  13. ^ Già amministratore apostolico dal 5 febbraio 1974.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN153322567 · BNF (FRcb123435048 (data) · WorldCat Identities (ENviaf-153322567