Apri il menu principale

Arcidiocesi di Teresina

Arcidiocesi di Teresina
Archidioecesis Teresiana
Chiesa latina
Catedral de Nossa Senhora das Dores em Teresina.jpg
Regione ecclesiastica Nordeste 4
Diocesi suffraganee
Bom Jesus do Gurguéia, Campo Maior, Floriano, Oeiras, Parnaíba, Picos, São Raimundo Nonato
Arcivescovo metropolita Jacinto Furtado de Brito Sobrinho
Sacerdoti 126 di cui 104 secolari e 22 regolari
8.616 battezzati per sacerdote
Religiosi 58 uomini, 144 donne
Diaconi 43 permanenti
Abitanti 1.195.485
Battezzati 1.085.625 (90,8% del totale)
Superficie 26.272 km² in Brasile
Parrocchie 65 (10 vicariati)
Erezione 20 febbraio 1902
Rito romano
Cattedrale Nostra Signora dei Sette Dolori
Indirizzo Av. Frei Serafim 3200, 64001-500 Teresina, PI, Brazil
Sito web arquidiocesedeteresina.org.br
Dati dall'Annuario pontificio 2018 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Brasile

L'arcidiocesi di Teresina (in latino: Archidioecesis Teresiana) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica in Brasile appartenente alla regione ecclesiastica Nordeste 4. Nel 2017 contava 1.085.625 battezzati su una popolazione di 1.195.485 persone. È retta dall'arcivescovo Jacinto Furtado de Brito Sobrinho.

TerritorioModifica

StoriaModifica

La diocesi di Piauí fu eretta il 20 febbraio 1902 con la bolla Supremum Catholicam Ecclesiam di papa Leone XIII, ricavandone il territorio dalla diocesi di São Luís do Maranhão (oggi arcidiocesi).

Originariamente suffraganea dell'arcidiocesi di San Salvador di Bahia, il 1º maggio 1906 entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Belém do Pará e il 2 dicembre 1921 dell'arcidiocesi di São Luís do Maranhão.

Il 18 giugno 1920 cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della prelatura territoriale di Bom Jesus do Piauí (oggi diocesi di Bom Jesus do Gurguéia). Il 16 dicembre 1944 cedette altre porzioni di territorio a vantaggio dell'erezione delle diocesi di Parnaíba e di Oeiras e contestualmente assunse il nome di diocesi di Teresina in forza della bolla Ad dominici gregis di papa Pio XII.

Il 9 agosto 1952 è stata elevata al rango di arcidiocesi metropolitana con la bolla Quaemadmodum insignis dello stesso papa Pio XII.

Il 12 giugno 1975 ha ceduto un'ulteriore porzione di territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Campo Maior.[2]

Il 27 febbraio 2008 ha ceduto i comuni di Arraial, Barra d'Alcântara, Francisco Ayres e Várzea Grande alla diocesi di Oeiras.

Cronotassi dei vescoviModifica

StatisticheModifica

L'arcidiocesi nel 2017 su una popolazione di 1.195.485 persone contava 1.085.625 battezzati, corrispondenti al 90,8% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1949 ? ? ? 20 17 3 ? 5 56 14
1966 550.000 600.000 91,7 44 30 14 12.500 19
1968 ? 568.254 ? 49 34 15 ? 18 118 21
1976 653.834 667.042 98,0 52 34 18 12.573 21 111 29
1980 549.000 560.000 98,0 46 30 16 11.934 19 86 24
1990 754.000 775.000 97,3 58 34 24 13.000 56 116 30
1999 986.108 1.183.327 83,3 86 60 26 11.466 1 45 164 47
2000 986.108 1.183.327 83,3 85 59 26 11.601 1 30 168 48
2001 986.108 1.052.564 93,7 88 59 29 11.205 1 33 168 51
2002 957.833 1.052.564 91,0 88 61 27 10.884 1 31 168 52
2003 958.197 1.052.564 91,0 89 65 24 10.766 2 28 168 53
2010 1.018.000 1.195.000 85,2 118 86 32 8.627 19 34 169 59
2014 1.053.000 1.237.000 85,1 114 92 22 9.236 32 47 165 63
2017 1.085.625 1.195.485 90,8 126 104 22 8.616 43 58 144 65

NoteModifica

  1. ^ Elenco dei comuni dal sito web dell’arcidiocesi.
  2. ^ Sia Catholic Hierarchy che GigaCatholic riferiscono che il 28 ottobre 1974 l'arcidiocesi di Teresina cedette porzioni di territorio per l'erezione della diocesi di Picos; l'informazione è errata e non documentata dalla bolla di erezione di quella diocesi.
  3. ^ Il 17 febbraio 1913 fu nominato vescovo Quintino Rodrigues de Oliveira e Silva, ma la nomina non ebbe effetto.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica