Apri il menu principale
Arcidiocesi di Uberaba
Archidioecesis Uberabensis
Chiesa latina
Regione ecclesiastica Leste 2
Diocesi suffraganee
Ituiutaba, Patos de Minas, Uberlândia
Arcivescovo metropolita Paulo Mendes Peixoto
Sacerdoti 84 di cui 68 secolari e 16 regolari
6.904 battezzati per sacerdote
Religiosi 30 uomini, 80 donne
Diaconi 44 permanenti
Abitanti 724.000
Battezzati 580.000 (80,1% del totale)
Superficie 26.548 km² in Brasile
Parrocchie 60
Erezione 29 settembre 1907
Rito romano
Cattedrale Sacro Cuore di Gesù
Indirizzo Praça Dom Eduardo 56, 38060-280 Uberaba, MG, Brazil
Sito web www.arquidiocesedeuberaba.org.br
Dati dall'Annuario pontificio 2018 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Brasile

L'arcidiocesi di Uberaba (in latino: Archidioecesis Uberabensis) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica in Brasile appartenente alla regione ecclesiastica Leste 2. Nel 2017 contava 580.000 battezzati su 724.000 abitanti. È retta dall'arcivescovo Paulo Mendes Peixoto.

TerritorioModifica

L'arcidiocesi comprende 20 comuni nella parte occidentale dello Stato brasiliano di Minas Gerais: Água Comprida, Araxá, Campo Florido, Comendador Gomes, Conceição das Alagoas, Conquista, Delta, Fronteira, Frutal, Nova Ponte, Pedrinópolis, Pirajuba, Planura, Prata, Romaria, Sacramento, Santa Juliana, Tapira, Uberaba e Veríssimo.

Sede arcivescovile è la città di Uberaba, dove si trova la cattedrale del Sacro Cuore di Gesù. A Sacramento sorge la basilica minore del Santissimo Sacramento (Basílica do Santíssimo Sacramento Apresentado pelo Patrocínio de Maria).

Il territorio si estende su una superficie di 26.548 km² ed è suddiviso in 60 parrocchie, raggruppate in 9 regioni pastorali: Uberaba, Araxá, Conceição das Alagoas, Frutal, Nossa Senhora da Abadia, Nossa Senhora das Graças, Ressurreição, Romaria e Sacramento.

Provincia ecclesiasticaModifica

La provincia ecclesiastica di Uberaba, istituita nel 1962, comprende 3 suffraganee:

StoriaModifica

La diocesi di Uberaba fu eretta il 29 settembre 1907 con il decreto Romani pontifices della Congregazione Concistoriale, ricavandone il territorio dalle diocesi di Diamantina (oggi arcidiocesi) e di Goiás. Originariamente era suffraganea dell'arcidiocesi di Mariana.[1]

Il 18 luglio 1918 cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Aterrado (oggi diocesi di Luz).

Il 1º febbraio 1924 entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Belo Horizonte.

Il 1º marzo 1929, il 5 aprile 1955 e il 22 luglio 1961 cedette altre porzioni di territorio a vantaggio dell'erezione rispettivamente della prelatura territoriale di Paracatu (oggi diocesi) e delle diocesi di Patos de Minas e di Uberlândia.

Il 14 aprile 1962 è stata elevata al rango di arcidiocesi metropolitana con la bolla Qui tanquam Petrus di papa Giovanni XXIII.

Il 16 ottobre 1982 ha ceduto un'ulteriore porzione di territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Ituiutaba.

Il 10 novembre dello stesso anno per effetto del decreto Concrediti gregis della Congregazione per i vescovi ha esteso la sua giurisdizione alla parrocchia di Desemboque nel comune di Sacramento, che prima era appartenuta alla diocesi di Luz.

Il 9 novembre 2002 si è ulteriormente ampliata con il comune di Araxá già appartenuto alla Diocesi di Patos de Minas.[2]

Cronotassi dei vescoviModifica

StatisticheModifica

L'arcidiocesi nel 2017 su una popolazione di 724.000 persone contava 580.000 battezzati, corrispondenti all'80,1% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1948 635.000 660.000 96,2 106 33 73 5.990 86 270 42
1961 ? 220.000 ? 39 23 16 ? 17
1970 ? 340.000 ? 54 22 32 ? 38 227 21
1973 281.055 330.653 85,0 60 19 41 4.684 49 218 26
1980 379.000 423.000 89,6 59 20 39 6.423 56 160 31
1990 363.000 401.000 90,5 50 26 24 7.260 33 145 32
1999 343.135 527.930 65,0 55 37 18 6.238 28 160 40
2000 378.868 597.837 63,4 68 42 26 5.571 26 85 40
2001 377.470 568.967 66,3 68 42 26 5.551 45 143 41
2002 483.565 585.641 82,6 74 54 20 6.534 25 55 40
2003 442.787 692.184 64,0 71 58 13 6.236 1 21 136 46
2004 444.081 693.185 64,1 75 62 13 5.921 1 26 121 47
2010 539.000 746.000 72,3 78 65 13 6.910 21 35 146 53
2014 565.000 782.000 72,3 77 66 11 7.337 21 26 222 59
2017 580.000 724.000 80,1 84 68 16 6.904 44 33 80 60

NoteModifica

  1. ^ Parte del testo della bolla, tradotta in portoghese, si trova sul sito web dell'arcidiocesi.
  2. ^ (LA) Decreto Quo aptius, AAS 95 (2003), p. 278.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica