Arcinazzo Romano

comune italiano
Arcinazzo Romano
comune
Arcinazzo Romano – Stemma Arcinazzo Romano – Bandiera
Arcinazzo Romano – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio Coat of Arms.svg Lazio
Città metropolitanaProvincia di Roma-Stemma.png Roma
Amministrazione
SindacoGiacomo Troja (lista civica) dal 30/03/2010
Territorio
Coordinate41°53′N 13°07′E / 41.883333°N 13.116667°E41.883333; 13.116667 (Arcinazzo Romano)Coordinate: 41°53′N 13°07′E / 41.883333°N 13.116667°E41.883333; 13.116667 (Arcinazzo Romano)
Altitudine831 m s.l.m.
Superficie28,31 km²
Abitanti1 334[1] (30-4-2017)
Densità47,12 ab./km²
FrazioniAltipiani di Arcinazzo
Comuni confinantiAffile, Jenne, Piglio (FR), Roiate, Serrone (FR), Subiaco, Trevi nel Lazio (FR)
Altre informazioni
Cod. postale00020
Prefisso0774, 0775 (limitatamente alla frazione di Altipiani di Arcinazzo)
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT058008
Cod. catastaleA370
TargaRM
Cl. sismicazona 2B (sismicità media)
Cl. climaticazona E, 2 783 GG[2]
Nome abitantiponzesi
Patronosan Giorgio
Giorno festivo23 aprile
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Arcinazzo Romano
Arcinazzo Romano
Arcinazzo Romano – Mappa
Posizione del comune di Arcinazzo Romano nella provincia di Roma
Sito istituzionale

Arcinazzo Romano è un comune italiano di 1 334 abitanti della città metropolitana di Roma Capitale.

Il nome originario dell'abitato fino al 1891 era Ponza, dalla Gens Pontia, famiglia romana originaria di questi luoghi.

Indice

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

Sita a circa mille metri sul livello del mare, è una località nota per l'unica frazione di Altipiani di Arcinazzo, località di villeggiatura divisa col comune frusinate di Trevi nel Lazio di cui è anche l'unica frazione.

Nel territorio comunale si elevano i Monti Affilani con le cime del monte delle Pianezze, che arriva ai 1.332 metri sul livello del mare, e il monte Altuino, la cui cima arriva ai 1.271 metri sul livello del mare.

ClimaModifica

Origini del nomeModifica

Arcinazzo Romano è un toponimo conferito al paese con il Regio Decreto N° 287 del 29 maggio 1891. Arcinazzo deriverebbe dal nome di una concubina dell'imperatore Claudio, tale Arcinia, che possedeva una villa nella zona; oppure dal nome di un patrizio di Subiaco, tale Narcio, che donò una arx alle falde del Monte Altuino a papa Damaso I, nel IV secolo.

Nel 1872 Vittorio Emanuele II con Regio Decreto N° 1053 del 15 ottobre 1872 cambiò la denominazione del paese da Ponza a Ponza d'Arcinazzo, prima che il sostantivo Ponza venisse definitivamente abbandonato. Tuttavia gli abitanti spesso utilizzano ancora la vecchia denominazione, ma il nome corretto dell'abitante di Arcinazzo Romano è "Narzino".

StoriaModifica

La prima citazione di Ponza risale al 720 d.C., quando la Massa Pontiana viene venduta al titulus di Sant'Eustachio in Roma.

Nel 1087 un tale Ildemondo usurpò il castello di Ponza all'Abbazia di Subiaco, che ne rientrò in possesso poco dopo grazie all'intervento del papa Pasquale II.

Nel 1176 papa Alessandro III concesse Ponza ed Affile all'Abbazia di Subiaco, che la mantenne in possesso feudale fino al 1735, anno in cui il possesso di Ponza passò alla Camera Apostolica, che lo mantenne fino al 1870.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

 
Villa museo di Traiano
 
Interno della chiesa di Santa Maria Assunta

Architetture religioseModifica

  • Chiesa di Santa Maria Assunta[3]
  • Chiesa di San Giorgio
  • Chiesa della Croce
  • Chiesa di Sant'Antonio Abate
  • Cappella di Santa Lucia[4]

Architetture militariModifica

  • Resti della torre medievale

Siti archeologiciModifica

  • In questa zona è collocata la villa dell'imperatore Traiano (98-117), residenza di caccia di una delle figure più importanti del mondo antico. Il sito archeologico, oggetto di indagine scientifica da parte della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio e musealizzato negli ultimi anni, ha un'estensione di circa cinque ettari, distribuiti su tre terrazzamenti. La preziosità dei marmi, delle pitture, degli stucchi e dell'apparato decorativo documentano la magnificenza delle sue sale.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[5]

 

Etnie e minoranze straniereModifica

Secondo i dati ISTAT[6] al 1º gennaio 2016 la popolazione straniera residente era di 31 persone.

CulturaModifica

IstruzioneModifica

MuseiModifica

  • L'Antiquarium comunale è collocato all'interno dell'area archeologica, il museo ospita nelle sue sale la collezione dei reperti più significativi rinvenuti nel corso delle campagne di scavo. La raccolta si compone di elementi architettonici e decorativi, nonché di testimonianze sull'organizzazione del lavoro durante la realizzazione della villa. Inoltre sono esposti oggetti che testimoniano la vita quotidiana all'interno del complesso residenziale. Il museo è dotato di materiale informativo in grado di guidare il visitatore alla migliore comprensione dei reperti.

EventiModifica

  • Sagra del marrone a fine ottobre
  • Festa del patrono il 23 aprile e il 23 agosto
  • Pellegrinaggio al santuario della SS. Trinità a Vallepietra

Persone legate ad Arcinazzo RomanoModifica

AmministrazioneModifica

Nel 1872 Ponza cambiò denominazione in Ponza d'Arcinazzo, e nel 1891 in Arcinazzo Romano.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
9 giugno 1996 15 aprile 2000 Giacomo Troja Lista Civica di Centro Sindaco [7]
16 aprile 2000 29 marzo 2010 Sandro Biferi Lista Civica Sindaco [8][9]
30 marzo 2010 in carica Giacomo Troja Lista Civica Uniti per Arcinazzo Sindaco [10]

Altre informazioni amministrativeModifica

Fa parte della Comunità montana dell'Aniene.

SportModifica

CalcioModifica

Nella stagione sportiva in corso 2016/17, la principale squadra di calcio che insiste sul Comune di Arcinazzo Romano è la S.S.D. Piglio Affile che milita nel girone H laziale di Prima Categoria. L'altra società di calcio che porta proprio il nome comunale, S.S.D. Arcinazzo Romano, milita nel girone D provinciale di Terza Categoria. I colori sociali del Piglio Affile sono bianco e blu. Quelli dell'Arcinazzo Romano sono bianco e azzurro.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica