Apri il menu principale
Areteo di Cappadocia

Areteo di Cappadocia (... – ...) è stato un medico greco antico.

BiografiaModifica

«La Melanconia costituisce l'inizio della Mania e ne è parte integrante... Lo sviluppo della Mania rappresenta un peggioramento della Melanconia piuttosto che il passaggio a una patologia differente.»

Areteo, probabilmente vissuto in epoca successiva a Galeno, esercitò a Roma nel II secolo d.C.[1][2] A lui si deve la prima descrizione della celiachia e l'invenzione del termine diabete.[3]

Scrisse un trattato generale sulle malattie diviso in otto libri, due intitolati De causis et signis acutorum morborum, due De causis et signis diuturnorum morborum, due De curatione acutorum morborum e due De curatione diuturnorum morborum. Tale trattato è una tra le più autorevoli opere dell'antichità, vantando particolare accuratezza dei dettagli e della disamina dei sintomi.[3]

Areteo utilizzava terapie semplici, sagaci e molto più energiche dei metodici. Somministrava liberamente purganti, non lesinava narcotici né era particolarmente contrario al salasso.

Di lui si può asserire che fu ben poco attaccato a una particolare opinione, e il suo insieme di osservazioni e trattamenti delle malattie costituì un'ottima base per la conoscenza medica del periodo successivo.

Le opinioni mediche di Areteo sono state discusse da Johann Albert Fabricius, Albrecht von Haller, e Kurt Sprengel.

NoteModifica

  1. ^ Areteo di Cappadocia, su treccani.it.
  2. ^ (EN) S. Standring, A brief history of topographical anatomy, in J. Anat., vol. 229, 2016, pp. 32-62, PMID 27278889.
  3. ^ a b (EN) Halil Tekiner, Aretaeus of Cappadocia and his treatises on diseases, in Turkish Neurosurgery, vol. 25, nº 3, 2015, pp. 508–512, DOI:10.5137/1019-5149.JTN.12347-14.0. URL consultato il 12 novembre 2016.

BibliografiaModifica

  • Karl Deichgräber, Aretaeus von Kappadozien als medizinischer Schriftsteller, Berlin, 1971
  • Fridolf Kudlien, Untersuchungen zu Aretaios von Kappadokien, Mainz, 1964
  • Giorgio Weber, Areteo di Cappadocia: interpretazioni e aspetti della formazione anatomo-patologica del Morgagni, Firenze, 1996 (per quanto concerne l'influenza su Giambattista Morgagni, il padre dell'anatomia patologica).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN60528301 · ISNI (EN0000 0000 8140 0030 · SBN IT\ICCU\BVEV\025043 · LCCN (ENn85229153 · GND (DE118650009 · BNF (FRcb13091706p (data) · CERL cnp00397371 · WorldCat Identities (ENn85-229153