Arghilofono

L'arghilofono è uno strumento musicale aerofono labiale. È un flauto globulare — ovvero che non ha una struttura a tubo aperto, ma a cassa chiusa — in argilla. È uno strumento affine alla più nota ocarina.

Arghilofono
Xunfront.jpg
Uno xun cinese
Informazioni generali
Origine Estremo oriente, america centrale
Invenzione Antichità
Classificazione Aerofoni labiali
Famiglia Flauti globulari
Uso
Musica dell'antichità
Musica asiatica
Musica dell'America Centrale

StoriaModifica

 
Gemshorn raffigurato nel Musica Getutscht di Sebastian Virdung (1511)

Flauti e strumenti a fiato globulari di diverse forme sono nati e si sono sviluppati in numerose civiltà antiche. Vi sono evidenze che strumenti di tale genere, dalle origini molto antiche, fossero già noti intorno al XII millennio a.C.[1].

Alcuni arghilofoni sembrano aver avuto un certo utilizzo nelle culture cinesi e mesoamericane [2]: lo xun, ad esempio, è un'arghilofono cinese molto antico a forma di uovo, ma privo di labium, cioè ha un'imboccatura analoga al flauto traverso, diversa invece da quella a "fischietto" del flauto dolce. Strumenti equivalenti sono lo hun coreano e lo tsuchibue giapponese.

A testimoniare che tali strumenti fossero già ben diffusi in Oriente è il fatto che nella classificazione degli strumenti musicali della Cina antica, basata sui materiali di costruzione, fosse stata assegnata una specifica categoria (fra le otto individuate) proprio agli arghilofoni (chu)[3].

Secondo alcune fonti, strumenti in terracotta potrebbero essersi diffusi in Europa dal Mesoamerica dopo le prime spedizioni di Cortés[4][5].

Altri strumenti analoghi all'arghilofono erano noti in Europa: un flauto globulare risalente al XV secolo e diffuso in Italia e Germania (costruito con corno di mucca, capra o camoscio, e noto come Gemshorn o Corno di camoscio), fu descritto da Sebastian Virdung e poi da Praetorius[6][7].

Tuttavia le ocarine in terracotta diffuse in Occidente furono considerate fino al XIX secolo poco più che giocattoli, piccoli oggetti artistici o semplici fischietti che potevano modulare pochi suoni (nella tradizione pugliese sono ancora oggi diffusi i "fischietti salentini", in Veneto vi sono i "cuchi"[8] e analoghe produzioni artigianali sono diffuse un po' in tutta Italia e anche nel resto del mondo).

NoteModifica

  1. ^ Ocarina, Virginia Tech Multimedia Music Dictionary. URL consultato il 28 aprile 2008.
  2. ^ History of the Ocarina, STL Ocarina. URL consultato il 28 aprile 2008 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2008).
  3. ^ Loris Azzaroni, Canone infinito, Clueb, II ed. (2001); ISBN 9788849116779 - pag. 55
  4. ^ History of the Ocarina, Song Bird Ocarina. URL consultato il 28 aprile 2009.
  5. ^ A Brief History, Terry Riley Vessel Flutes. URL consultato il 28 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2009).
  6. ^ History of the Ocarina, Song Bird Ocarina. URL consultato il 28 aprile 2009.
  7. ^ Il flagioletto e gli altri tipi di flauti diritti, musica-antica.info. URL consultato il 28 aprile 2009.
  8. ^ Il cuco nelle varie nazioni, Museo dei Cuchi (Cesuna, Vicenza). URL consultato il 25 giugno 2009.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica