Apri il menu principale
Arianna Huffington

Arianna Huffington (nata Arianna Stassinopoulos; Atene, 15 luglio 1950) è una giornalista e scrittrice greca naturalizzata statunitense, nota per aver fondato The Huffington Post, uno dei blog più letti ed influenti degli Stati Uniti.

BiografiaModifica

Figlia di Konstantinos e Georgiadi Stasinopoúlou, Arianna è nata ad Atene e ha studiato al Girton College dell'Università di Cambridge.

Negli anni ottanta si trasferì a New York, dove intraprese la professione di scrittrice e giornalista, occupandosi soprattutto di politica. Nel corso degli anni il suo schieramento politico è cambiato varie volte: all'inizio considerata una voce conservatrice di destra, nel 2003 si candidò alla carica di governatore contro il repubblicano Arnold Schwarzenegger presentandosi alle elezioni in california come indipendente, per poi rivendicare la propria appartenenza al Partito Democratico nel 2008[1].

Nel 2005 Arianna Huffington ha fondato un giornale on-line, The Huffington Post, divenuto ben presto uno fra i più seguiti a livello mondiale.

Nel 2016 lascia l'Huffington Post per creare Thrive Global,[2] una charity finalizzata alla diffusione di salute e benessere.[3]

Vita privataModifica

Dal 1986 al 1997 è stata sposata con l'imprenditore e politico repubblicano Michael Huffington, deputato alla Camera dei Rappresentanti dal 1993 al 1995. Dal matrimonio sono nate due figlie: Christina Sophia e Isabella Diana. Poco dopo il divorzio dei due, Michael dichiarò ufficialmente la propria bisessualità e divenne un attivista per i diritti LGBT.

OpereModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) 10 Questions for Arianna Huffington, TIME, 2008. URL consultato il 17 marzo 2013.
  2. ^ (EN) thriveglobal.com "Thrive Global: Reducing Stress and Burnout, Promoting Health and Well-Being"
  3. ^ cultora.it "Thrive Global, il sito di Arianna Huffington che vuole portare benessere nel mondo" - Daniele Dell'Orco, 11 Ago 2016

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN110859914 · ISNI (EN0000 0001 2032 7885 · LCCN (ENn50053718 · GND (DE128371161 · BNF (FRcb119254446 (data) · NLA (EN35520800 · NDL (ENJA00468643 · WorldCat Identities (ENn50-053718