Ariel (film)

film del 1988 diretto da Aki Kaurismäki

Ariel è un film del 1988 scritto e diretto da Aki Kaurismäki.

Ariel
Ariеl (film).png
Susanna Haavisto e Turo Pajala in una scena del film
Titolo originaleAriel
Lingua originalefinlandese
Paese di produzioneFinlandia
Anno1988
Durata73 min
Rapporto1,85:1
Generecommedia
RegiaAki Kaurismäki
SceneggiaturaAki Kaurismäki
ProduttoreAki Kaurismäki
Casa di produzioneVillealfa Filmproductions
FotografiaTimo Salminen
MontaggioRaija Talvio
MusicheBill Casey, Melrose, Rauli Somerjoki, Taisto Tammi e Olavi Virta
ScenografiaRisto Karhula
CostumiTuula Hilkamo
Interpreti e personaggi

È l'episodio centrale della cosiddetta "trilogia dei perdenti" [1], aperta da Ombre nel paradiso (1986) e conclusa da La fiammiferaia (1990).

TramaModifica

Taisto, chiusa la miniera dove lavorava nel nord della Finlandia, decide di partire per Helsinki con una Cadillac bianca lasciatagli in eredità dal padre poco prima di suicidarsi. Viene derubato di tutti i risparmi che aveva portato con sé e fatica a trovare un lavoro. Conosce intanto Irmeli divorziata con un figlio che è costretta a diversi lavori per mantenersi. Condannato ingiustamente a due anni di prigione trova come compagno di cella Mikkonen ( Matti Pellonpää ) depresso e con ancora 8 anni da scontare per un omicidio. Riescono ad evadere e subito Taisto e Irmeli si sposano subito prima di voler fuggire dalla Finlandia. Per pagare i passaporti falsi e i marinai che li porteranno i due evasi via decidono di rapinare una banca. Il colpo riesce ma i falsari colpiscono a morte Mikkonen per prendere tutta la refurtiva e non la metà pattuita. Tatsi interviene e uccide i due malviventi e riesce a recuperare tutto il denaro. Taisto e Irmeli seppellito l'amico e preso il bambino si imbarcano sul cargo Ariel diretto in Messico.

NoteModifica

  1. ^ Il Mereghetti - Dizionario dei Film 2008, Milano, Baldini Castoldi Dalai editore, 2007. ISBN 9788860731869 p. 229

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema