Ariella Reggio

attrice italiana

Ariella Reggio (Trieste, 6 settembre 1936) è un'attrice italiana.

BiografiaModifica

Dopo essersi diplomata al Liceo Classico, studia recitazione alla scuola Silvio D'Amico di Trieste. Entra poi a far parte della compagnia di prosa della Rai. Negli anni sessanta si trasferisce in Inghilterra dove rimane cinque anni e collabora con la BBC, conducendo alcune trasmissioni culturali radiofoniche e televisive, fra cui un corso di lingua italiana[1].

Tornata in Italia, continua a lavorare come attrice teatrale in vari teatri, tra cui il Piccolo Teatro di Milano di Giorgio Strehler e il Teatro della Tosse di Genova, e inizia una lunga collaborazione col Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia.[2] Partecipa inoltre a numerose operette al Teatro Verdi di Trieste.[3]

Nel 1976 assieme a Orazio Bobbio, Lidia Braico e Francesco Macedonio fonda a Trieste il "Teatro Popolare La Contrada" (oggi "Contrada Teatro stabile di Trieste")[4] e da allora interpreta innumerevoli ruoli sia in testi brillanti che drammatici.

Da allora collabora ogni anno agli spettacoli teatrali prodotti dalla Contrada di Trieste, alternando la prosa a ruoli al cinema e in televisione. Da citare il monologo Rose, del drammaturgo e sceneggiatore Martin Sherman, che la vede unica protagonista in scena e in cui interpreta, in un intenso racconto, la parte di un’anziana donna ebrea residente in America.[5]

Nel 1988 recita in televisione ne La coscienza di Zeno, miniserie televisiva in due puntate con Johnny Dorelli e Ottavia Piccolo, diretta da Sandro Bolchi. Nel 2006 lavora al film Il giorno + bello. Ariella Reggio ha partecipato a film diretti, fra gli altri, da Luca MinieroSandro Bolchi, Gianni Lepre, Mathieu Amalric, mentre sul piccolo schermo ha partecipato a fiction e film per la TV, tra cui la serie Tutti pazzi per amore. Nell’estate 2011 ha preso parte alle riprese del film di Woody AllenTo Rome with Love.

Nel 2011 le viene conferito il premio internazionale dell'operetta.[6]

Nel 2014 vince il premio Le Maschere del Teatro Italiano come miglior attrice non protagonista.[7] In seguito è stata diretta da registi quali Fausto Paravidino e Valerio Binasco e prende parte a Calendar girls (commedia tratta dal film omonimo) con Angela Finocchiaro e Laura Curino per la regia di Cristina Pezzoli.[8] Lo spettacolo andrà in scena in diversi teatri italiani, tra cui il Teatro Manzoni di Milano dal 21 febbraio al 26 febbraio 2017[9] e il Teatro Brancaccio di Roma (aprile 2018). Il teatro stabile di Torino la chiama per l'allestimento di Zio Vania di Anton Čechov. Lo spettacolo, diretto dalla regista ungherese Kriszta Székely, oltre alle recite in sede, si reca in tournée all'estero. Sempre nel 2014 le viene conferito il premio San Giusto d'Oro dai cronisti del Friuli Venezia Giulia, onorificenza che il Comune di Trieste dà ai suoi concittadini più illustri.[10]

Nel 2019 è stata protagonista con Lino Guanciale del pluripremiato cortometraggio di Alessandro SampaoliPepitas, per cui ottiene il Premio miglior attrice a Cortinametraggio.[11][12][13]

Nel 2021 partecipa al film Marilyn ha gli occhi neri diretto da Simone Godano, con Stefano Accorsi e Miriam Leone.

Nel 2022 le viene riconosciuto il premio alla carriera Soroptimist International d’Italia - Club di Cividale del Friuli, in collaborazione con Mittelfest.[14]

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

NoteModifica

  1. ^ Parliamo Italiano: 1: Al Caffe - BBC Television - 5 October 1963 - BBC Genome, su genome.ch.bbc.co.uk. URL consultato il 1º settembre 2018.
  2. ^ Guido Botteri e Mario Brandolin, Teatro da Trieste, Edizioni Studio Tesi, 1994, ISBN 978-88-7692-501-6. URL consultato il 30 ottobre 2022.
  3. ^ Opera 2009. Annuario dell'opera lirica in Italia, EDT srl, 2009, ISBN 978-88-6040-497-8. URL consultato il 30 ottobre 2022.
  4. ^ ARIELLA REGGIO - Da Giorgio Strehler a Woody Allen, su CIAO MAGAZINE. URL consultato il 30 ottobre 2022.
  5. ^ Storia di Rose una tragedia mai patetica, su ricerca.repubblica.it, 2 aprile 2005. URL consultato il 1º novembre 2022.
  6. ^ PREMIO INTERNAZIONALE DELL’OPERETTA AD ARIELLA REGGIO – Associazione Internazionale dell'Operetta – Friuli Venezia Giulia, su triesteoperetta.it. URL consultato il 30 ottobre 2022.
  7. ^ Le Maschere del Teatro Italiano 2014 (PDF), su campaniateatrofestival.it.
  8. ^ Calendar girls, su I Teatri di Reggio Emilia. URL consultato il 30 ottobre 2022.
  9. ^ Teatro Manzoni - Calendar Girls, su teatromanzoni.it. URL consultato il 1º novembre 2022.
  10. ^ Premi: ad Ariella Reggio San Giusto d'oro giornalisti triestini, su Agi. URL consultato il 30 ottobre 2022.
  11. ^ Ariella Reggio premiata a Cortina per il corto "Pepitas" - video, su rai.it. URL consultato il 1º novembre 2022.
  12. ^ redazione, Cortinametraggio 2019, annunciati i vincitori. La gita di Salvatore Allocca è miglior corto. Incetta di premi per Pepitas di Alessandro Sampaoli, con Ariella Reggio e Lino Musella migliori attori, su Bellunopress - Dolomiti, 23 marzo 2019. URL consultato il 30 ottobre 2022.
  13. ^ 5 premi vinti dal corto Pepitas - Cortinametraggio - OffiCine, su Offi-cine, 1º aprile 2019. URL consultato il 30 ottobre 2022.
  14. ^ Assegnazione Premio Adelaide Ristori 2022, su Mittelfest. URL consultato il 30 ottobre 2022.
  15. ^ Gemma Cova, su rsi.ch. URL consultato il 22 novembre 2017.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàCONOR.SI (SL253498723