Apri il menu principale

Arkansas nella guerra di secessione americana

Mappa dell'Arkansas.

Durante la guerra di secessione americana l'Arkansas (che il 15 giugno 1836 era entrato nella federazione degli Stati Uniti d'America come stato schiavista) entrò a far parte della Confederazione e come tale contribuì con uomini, mezzi e rifornimenti allo sforzo bellico dei sudisti.

OriginiModifica

Con l'elezione presidenziale del 1860 fu eletto Presidente degli Stati Uniti d'America Abraham Lincoln, notoriamente abolizionista della schiavitù. Questo diede origine alla Dichiarazione di Secessione da parte della Carolina del Sud. Entro il mese di febbraio del 1861 altri sei stati federati seguirono l'esempio della Carolina del Sud. Essi adottarono una Costituzione provvisoria per un nuovo stato cui appartenere, la Confederazione degli Stati d'America, stabilendone la capitale a Montgomery, in Alabama. La federazione degli stati rimasti fedeli alla federazione originaria venne denominata Unione.

Crisi secessionistaModifica

Nel gennaio 1861 l'Assemblea Generale dello Stato dell'Arkansas, uno stato ancora scarsamente popolato e con un territorio in massima parte selvaggio e non colonizzato, chiese che il popolo si esprimesse attraverso una convention per decidere se rimanere uno degli Stati federali degli Stati Uniti o secedere. Allo stesso tempo i votanti elessero i delegati alla convention, in caso di responso popolare favorevole alla secessione. Il 18 febbraio 1861, l'Arkansas votò per istituire la convention, tuttavia la maggior parte dei delegati eletti per quest'ultima erano unionisti.[1][2]

Il 12 aprile, dietro ordine del Presidente della neo-costituita Confederazione, Jefferson Davis, truppe sotto il controllo di quest'ultima, agli ordini del generale Pierre Gustave Toutant de Beauregard bombardarono Fort Sumter, fortezza federale, nel porto di Charleston, nella Carolina del Sud, costringendo la guarnigione militare che lo presiedeva ad arrendersi e consegnare il forte alle truppe secessioniste. In risposta il Presidente Lincoln richiamò la milizia di alcuni stati per ottenere una forza armata di 75.000 soldati che sedassero la rivoluzione.[3] Nonostante che l'Arkansas non avesse ancora ufficialmente deciso di secedere, il Governatore Rector intuì che operare verso l'impegno bellico avrebbe portato l'opinione pubblica in campo secessionista e perciò organizzò prontamente un battaglione della milizia dello Stato, al comando di Solon F. Borland, che il 23 aprile fu inviata ad assediare la fortezza federale presso la città di Fort Smith.[4] La risposta del Governatore Rector al Presidente Lincoln fu:

(EN)

«The people of this Commonwealth are freemen, not slaves, and will defend to the last extremity their honor, lives, and property, against Northern mendacity and usurpation.»

(IT)

«La gente di questo Commonwealth è costituita da uomini liberi, non schiavi, e difenderà il proprio onore, le loro vite e proprietà fino all'estremo, contro la mendacia e l'usurpazione del Nord.»

(The American annual cyclopedia and register of important events ..., Volume 15, 1876, p. 23)

La prima convention per la secessione aveva solennemente promesso di:

(EN)

«Resist to the last extremity any attempt on the part of such power (President Lincoln) to coerce any state that had succeeded from the old Union".»

(IT)

«Resistere fino all'ultimo ad ogni tentativo da parte di questo potere [il Presidente Lincoln] di coartare qualunque stato che era secesso da questa vecchia Unione»

(The New York Times, 8 June 1861, "The secession of Arkansas" , accesso 30 dicembre 2017)

Ora, di fronte alla richiesta di truppe da parte del Presidente Lincoln, la convention si riunì nuovamente a Little Rock e, il 6 maggio 1861, votò il Decreto di secessione[5] approvandolo con 69 voti contro 1. Il futuro governatore Isaac Murphy fu il solo a votare contro.[6]

Truppe di miliziani catturarono, oltre all'arsenale di Little Rock, altre caserme federali presenti nello stato.

Tra alcune fasce della popolazione locale tuttavia fu presente sin dall'inizio un sentimento filo-nordista che divenne sempre più diffuso a partire dalla caduta di Little Rock nell'autunno 1863. Si formarono dunque alcune milizie filo-unioniste che principalmente combatterono contro la guerriglia confederata[7].

Unità confederateModifica

Campagne maggioriModifica

1861Modifica

1862Modifica

«Anche l'estremità occidentale della linea del fronte messa in piedi da Albert Sidney Johnston stava ora franando sotto i colpi degli eserciti unionisti. Il 7 marzo Van Dorn subì una totale sconfitta presso Elkhorn Tavern che lo costrinse a ripiegare verso l'interno[8]

1863Modifica

1864Modifica

1865Modifica

Dopo la presa di Little Rock da parte dell'esercito nordista, la capitale dell'Arkansas venne spostata a Hot Springs e successivamente a Washington, un'altra cittadina dello stato.

Alla fine della guerra la maggior parte dei reggimenti dell'Arkansas servivano nell'Armata Confederata del Tennessee di Braxton Bragg e con essa si arresero il 26 aprile 1865 a Greensboro (Carolina del Nord).

Leader confederatiModifica

Leader unionistiModifica

A questi ultimi si aggiungono il Colonnello Elisha Baxter e il pari di grado militare John Elisha Phelps.

The Peace SocietyModifica

Riammissione nell'UnioneModifica

NoteModifica

  1. ^ Arkansas Civil War Chronicles – 1861, Accessed January 11, 2011, Archived copy, su arkansasties.com. URL consultato l'11 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2011).
  2. ^ Encyclopedia of Arkansas.net, su encyclopediaofarkansas.net.
  3. ^ (EN) James M. McPherson, Battle Cry of Freedom, p. 274.
  4. ^ (EN) Edward G. Gerdes Civil War Page , Borlands Regiment, accessed October 1, 2010, Archived copy, su couchgenweb.com. URL consultato il 5 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2011)..
  5. ^ United States. War Dept. The War of the Rebellion: A Compilation of the Official Records of the Union And Confederate Armies. Series 4, Volume 1., Book, 1900; (http://texashistory.unt.edu/ark:/67531/metapth139260/ : accesso 8 gennaio 2016), University of North Texas Libraries, The Portal to Texas History, http://texashistory.unt.edu; crediting UNT Libraries Government Documents Department, Denton, Texas.
  6. ^ (EN) Wooster, Ralph. "The Arkansas Secession Convention." Arkansas Historical Quarterly 13 (Autumn 1954): 172–195
  7. ^ arhonor
  8. ^ Raimondo Luraghi Storia della guerra civile americana BUR 1994 Vol. I, pag. 422

BibliografiaModifica

(in lingua inglese salvo diverso avviso)

  • Devereaux D. Cannon, Jr., The Flags of the Confederacy: An Illustrated History, Gretna, Pelican Publishing Company, 1994 [1st pub. St. Luke's Press:1988], ISBN 978-1-56554-109-2.
  • Mark K. Christ (a cura di), Getting Used to Being Shot At: The Spence Family Civil War Letters, Fayetteville, The University of Arkansas Press, 2002, ISBN 1-55728-726-0.
  • Christ, Mark K., and Patrick G. Williams, eds. I Do Wish This Cruel War Was Over: First Person Accounts of Civil War Arkansas from the Arkansas Historical Quarterly, University of Arkansas Press, 2014
  • Gigantino, James J. ed. Slavery and Secession in Arkansas: A Documentary History (2015)
  • Edwin C. Bearss, Steele's Retreat from Camden and the Battle of Jenkins' Ferry, Little Rock, Ark., Pioneer Press, 1967, ISBN 0-9602255-1-X, LCCN 67-18271.
  • Barnes, Kenneth C. "The Williams Clan: Mountain Farmers and Union Fighters in North Central Arkansas." Arkansas Historical Quarterly (1993): 286-317. in JSTOR
  • Baxter, William. Pea Ridge and Prairie Grove. Fayetteville: University of Arkansas Press, 2000. ISBN 978-1-55728-591-1.
  • Bradbury, John F. "Buckwheat Cake Philanthropy": Refugees and the Union Army in the Ozarks." Arkansas Historical Quarterly (1998): 233-254. in JSTOR
  • Burford, Timothy Wayne, and Stephanie Gail McBride, The Division: Defending Little Rock, August 25–September 10, 1863. Jacksonville, AR: WireStorm Publishing, 1999.
  • Albert Castel, General Sterling Price and the Civil War in the West, Louisiana pbk., Baton Rouge; London, Louisiana State University Press, 1993 [1st pub. 1968], ISBN 0-8071-1854-0, LCCN 68-21804.
  • Mark K. Christ, Civil War Arkansas, 1863: The Battle for a State, a cura di Gregory J. W. Urwin, Campaigns & Commanders, vol. 23, Norman, University of Oklahoma Press, 2010, ISBN 978-0-8061-4087-2.
  • Mark K. Christ (a cura di), Rugged and Sublime: The Civil War in Arkansas, Fayetteville, The University of Arkansas Press, 1994, ISBN 1-55728-356-7.
  • Mark K. Christ (a cura di), The Die is Cast: Arkansas Goes to War, 1861, Little Rock, Arkansas, Butler Center Books, March 2010, ISBN 978-1-935106-15-9.
  • Confederate Women of Arkansas in the Civil War 1861-'65: Memorial Reminiscences, United Confederate Veterans of Arkansas, novembre 1907. Ospitato su H. G. Pugh Ptg. Co., Little Rock, Ark..
  • DeBlack, Thomas A. With Fire and Sword: Arkansas, 1861–1874. Fayetteville: University of Arkansas Press, 2003.
  • Glenn Dedmondt, The Flags of Civil War Arkansas, Gretna, Pelican Publishing Company, 2009, ISBN 978-1-58980-190-5.
  • Michael B. Dougan, Confederate Arkansas: The People and Policies of a Frontier State in Wartime, Tuscaloosa and London, The University of Alabama Press, 1976, ISBN 0-8173-0522-X.
  • Harper, Stephanie. "Snapshot Within a Portrait: The Civil War in Clark County, Arkansas, 1861–1865." (2001). online
  • Huff, Leo E. "The Memphis and Little Rock Railroad during the Civil War," Arkansas Historical Quarterly (1964) 23#3 pp. 260–270 in JSTOR
  • Joslyn, Mauriel. A Meteor Shining Brightly: Essays on the Life and Career of Major General Patrick R. Cleburne. Macon, GA: Mercer University Press, 2000. ISBN 0-86554-693-2.
  • Lovett, Bobby L. "African Americans, Civil War, and Aftermath in Arkansas." Arkansas Historical Quarterly (1995): 304-358. in JSTOR
  • Carl H. Moneyhon, The Impact of the Civil War and Reconstruction on Arkansas: Persistence in the Midst of Ruin, Fayetteville, The University of Arkansas Press, 2002 [1st pub. Louisiana State University Press:1994], ISBN 1-55728-735-X.
  • Diane Neal, The Lion of the South: General Thomas C. Hindman, Macon, Georgia, Mercer University Press, 1997, p. 216, ISBN 0-86554-556-1.
  • William W. O'Donnell, The Civil War Quadrennium: A Narrative History of Day-to-Day Life in Little Rock, Arkansas During the American War Between Northern and Southern States 1861-1865, 2nd, Little Rock, Ark., Civil War Round Table of Arkansas, 1987, LCCN 85-72643. Ospitato su Horton Brothers Printing Company.
  • William L. Shea e Earl J. Hess, Pea Ridge: Civil War Campaign in the West, UNC Press Books, 8 giugno 2011, ISBN 978-0-8078-6976-5.
  • William L Shea, Fields of Blood: The Prairie Grove Campaign, Chapel Hill, University of North Carolina Press, 2009, ISBN 978-0-8078-3315-5.
  • David Y. Thomas, Ph. D., Arkansas in War and Reconstruction 1861-1874, Little Rock, Arkansas Division, United Daughters of the Confederacy, 1926. Ospitato su Central Printing Company, Little Rock, Ark..
  • James M. Woods, Rebellion and Realignment: Arkansas's Road to Secession, Fayetteville, The University of Arkansas Press, 1987, ISBN 0-938626-59-0.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85007206