Apri il menu principale

Arma di artiglieria

Divisa originale della II guerra mondiale esposta al museo della Battaglia di El Alamein (Egitto) Regio Esercito Italiano Maggiore di Artiglieria, uniforme di marcia

L'arma di artiglieria è un'arma dell'esercito italiano, nata dalla fusione della componente dell'armata sarda con quella degli stati dell'Italia centrale e meridionale, avvenuta con decreto del ministro della guerra, generale Manfredo Fanti, il 24 gennaio 1861.

StoriaModifica

Il primo ordinamento, derivato da tale decreto, comprendeva un reggimento operai cioè l'Arma del genio, mentre l'artiglieria veniva divisa in artiglieria da piazza e artiglieria da campagna.

Fu una batteria del 7º reggimento artiglieria che aprì la famosa Breccia di Porta Pia dando l'avvio alla definitiva presa di Roma del 1870.

Successivamente l'artiglieria da piazza venne trasformata in artiglieria da fortezza. Le esperienze franco-prussiane fecero rilevare la fondamentale importanza che l'artiglieria andava assumendo nell'economia dell'impresa bellica, determinando una continua evoluzione dei quadri ed una specializzazione all'interno dell'Arma.

Ciononostante, all'inizio della prima guerra mondiale, poteva disporre di poco più di 2.000 bocche di fuoco ma, nel corso della campagna, ne furono costruite ben 23.000, di vario calibro, la cui azione si rivelò determinante per contenere l'offensiva nemica del giugno 1918.

La Seconda guerra mondiale chiede già nuove necessità tattiche, essendosi aggiunta alla tradizionale concezione di impiego, la rilevante consistenza dell'apporto di fuoco dell'aviazione. Si dovette inoltre sviluppare in modo del tutto nuovo le caratteristiche dell'artiglieria contraerea e di quella controcarri.

L'artiglieria italiana odierna, come quella di tutti gli eserciti moderni, è condizionata dall'esplosivo nucleare e dall'adozione dei missili.

Reparti di Artiglieria attualmente in vitaModifica

Reggimenti e reparti storiciModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Elenco dei reggimenti di artiglieria dell'Esercito Italiano.

Onorificenze alla Bandiera dell'Arma di ArtiglieriaModifica

La Bandiera di Guerra dell'Arma di Artiglieria, custodita dal 25 ottobre 1947 presso la Scuola di Artiglieria, è decorata delle seguenti onorificenze [1]:

  1 Croce di Cavaliere dell'Ordine militare d'Italia (già dell'Ordine militare di Savoia)
  3 Medaglie d'oro al valor militare
  1 Medaglia d'argento al valor militare
  1 Medaglia di bronzo al valor militare

MotivazioniModifica

  Cavaliere dell'Ordine militare d'Italia (già di Savoia)
«In terra d'Africa, rinnovando le secolari tradizioni, dava - sempre ed ovunque - contributo potente alla vittoria, per tenacia, perizia e valore. Affratellata alle eroiche legioni dei fanti, marciava sull'aspra via della vittoria verso la gloria d'Italia imperiale.

Guerra italo-etiopica, 3 ottobre 1935 - 5 maggio 1936

(all'Arma di Artiglieria del Regio Esercito)»
— Roma, regio decreto 27 gennaio 1937

  Medaglia d'oro al valor militare
«Per l'ottima condotta tenuta sempre ed ovunque dall'Artiglieria. Campagna del 1849

(all'Arma di Artiglieria della Regia Armata Sarda)»
— Torino, regio decreto del Regno di Sardegna 31 luglio 1849

  Medaglia d'oro al valor militare
«Per la intrepidezza, la perizia e l'energia sempre e dovunque spiegate dall'Arma nella campagna di guerra in Libia 1911-12

(all'Arma di Artiglieria del Regio Esercito)»
— Roma, regio decreto 19 gennaio 1913

  Medaglia d'oro al valor militare
«Sempre ed ovunque con abnegazione prodigò il suo valore, la sua perizia, il suo sangue, agevolando alla Fanteria, in meravigliosa gara di eroismi, il travagliato cammino della vittoria per la grandezza della Patria. Prima guerra mondiale, 1915-1918

(all'Arma di Artiglieria del Regio Esercito)»
— Roma, regio decreto 5 giugno 1920

  Medaglia d'argento al valor militare
«Per i servizi segnalati resi nella campagna del 1859

(all'Arma di Artiglieria della Regia Armata Sarda)»
— Torino, regio decreto del Regno di Sardegna 16 gennaio 1860

  Medaglia di bronzo al valor militare
«A tutta generalmente l'Artiglieria per la bravura dispiegata nel combattere. Goito, 30 maggio 1848

(all'Arma di Artiglieria della Regia Armata Sarda)»
— Torino, regio decreto del Regno di Sardegna 7 giugno 1848

MilitariaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Militaria dell'Esercito.

NoteModifica

  1. ^ Il Medagliere - Esercito Italiano, su www.esercito.difesa.it. URL consultato il 5 gennaio 2019.

Voci correlateModifica