Armada del Ecuador

Fuerza Naval del Ecuador
Ecuadorian Navy Seal.svg
Stemma dell'Armada del Ecuador
Descrizione generale
Attiva3 novembre 1832
NazioneEcuador Ecuador
TipoMarina militare
Ruolomarina militare
Dimensione9.200 effettivi (comprese Aviazione navale e Fanteria di marina)[1]
Comando GeneraleGuayaquil
MottoVencer o Morir
Anniversari25 luglio
Parte di
Comandanti
ViceammiraglioRenán Ruiz Cornejo
(2016 - 2020)[1]
Simboli
Bandiera di proraNaval Jack of Ecuador.svg
Coccarda Aviazione navaleRoundel of Ecuador – Naval Aviation.svg
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

L'Armada del Ecuador o Fuerza Naval del Ecuador è la marina militare dell'Ecuador, responsabile in caso di guerra di preservare la sovranità marittima e in tempo di pace del controllo del mare territoriale e di repressione di attività illecite quali il narcotraffico, la immigrazione illegale, la pesca illegale e di eventuali operazioni di soccorso in mare.

La Fuerza Naval è stata costituita il 3 novembre 1832 con la nascita del Dipartimento della Marina Ecuatoriana.

OrganizzazioneModifica

Per l'esercizio della sua giurisdizione il territorio è divisa in Zone Navali:

Fanteria di marinaModifica

Il Cuerpo de Infanteria de Marina, tra i Corpi più preparati dell'Ecuador, ha 1.700 effettivi, dotati di armamento leggero ma ben equipaggiati per gli sbarchi anfibi. La loro base è a Guayaquil. Il corpo venne formato il 12 novembre 1962. Tra di loro vi è anche un comando per le Galapagos. Sono tra i Corpi più preparati dell'Ecuador. L'equipaggiamento principale è costituito da mortai da 115mm, cannoni senza rinculo M67, obici di artiglieria M101 da 105 mm, armi più leggere come il fucile d'assalto M-16 A2, A4, la carabina M4 e veicoli Humvee alcuni dei quali equipaggiati con missili antiaerei Mistral. La fanteria di marina è stato l'unico corpo delle forze armate equatoriane impegnate contro truppe peruviane nel 1981 e nel 1995.

La struttura della fanteria di Marina è la seguente:

  • Escuela de Infantería Marina
  • Compañía de Seguridad "Guayaquil"
  • Batallón de Infantería Marina "Jambeli"
  • Batallón de Infantería Marina "San Eduardo"
  • Batallón de Infantería Marina "San Lorenzo"
  • Batallón de Infantería Marina "Jaramijo"

FlottaModifica

Le navi di superficie della Armada del Ecuador sono precedute dalla sigla BAE (Buque de la Armada de Ecuador). La flotta può contare su unità di superficie e sottomarini è così articolata:

Nave scuola
  • BAE Guayas (BE-21)
fregate lanciamissili
corvette lanciamissili
motomissilistiche
  • FAC TNC 45
    • LAE Quito (LM-21)
    • LAE Guayaquil (LM-23)
    • LAE Cuenca (LM-24)
 
Sottomarino Shyri
sottomarini
  • Type 209
    • BAE Shyri (SS 101)
    • BAE Huancavilca (SS 102)
Navi da ricerca scientífica
  • Classe Orión
    • BAE Orión (BI-91)
  • Classe Sirius
    • LAE Sirius
Navi ausiliarie
  • BAE Huacolpo (TR-61) nave trasporto ex LST USS Summit County (LST-1146) della US Navy non più operativa dal 2007
  • BAE Taurus (TR-65) nave trasporto gasolio costiero
  • BAE Calicuchima (TR-62) nave trasporto munizioni ex RMAS Throsk (A379)[2]
  • BAE Atahualpa (TR-63) nave trasporto acqua ex Basento (A 5356) della Marina Militare Italiana
  • BAE Quisquis (TR-64) nave trasporto acqua ex HMS Waterside (Y-20) della Royal Navy
  • BAE Chimborazo (RA-70) rimorchiatore ex USS Chowanoc (ATF-100) della US Navy

Mezzi AereiModifica

Tabella aggiornata annualmente in base al World Air Force di Flightglobal del corrente anno. Tale annuario non contempla aerei da trasporto VIP ed eventuali incidenti accorsi durante l'anno della sua pubblicazione. Modifiche giornaliere o mensili che potrebbero portare a discordanze nel tipo di modelli in servizio e nel loro numero rispetto a WAF, vengono apportate in base a siti specializzati, periodici mensili e bimestrali. Tali modifiche vengono apportate onde rendere quanto più aggiornata la voce.

La Fuerza Naval dispone anche di una piccola Aviazione Navale (Aviación Naval Ecuatoriana), con aerei ad ala fissa e ad ala rotante, con capacità oprerative di esplorazione marittima, supporto aereo ravvicinato, trasporto, lotta antinave e antisommergibile, operando da basi terrestri o da piattaforme di volo delle unità navali.

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2020)[3][1][4]
Note Immagine
Aerei da pattugliamento marittimo
CASA CN-235MP Persuader   Spagna aereo da pattugliamento marittimo CN-235-300MP 1[1][3][4][5] 1 CN-235-300 MP Persuader acquistato nel 2005 e dotato di sistema di missione ATOS basato sul radar Seaspray dell'italiana Leonardo.[1][5]
Beechcraft King Air 250   Stati Uniti aereo da pattugliamento marittimo B250 Catpass 2[1][3][4] 2 B250 Catpass acquistati nel 1997.[1]
Aerei da addestramento
Beechcraft T-34 Mentor   Stati Uniti aereo da addestramento T-34C-1 2[1][3][4]
ENAER T-35 Pillán   Cile aereo da addestramento T-35B 3[1][3][4] 4 T-35 ex cileni ricevuti nel 2002, uno dei quali è stato perso nel 2015.[1]
Aerei da trasporto
CASA CN-235   Spagna aereo da trasporto CN-235M-100 1[1][3][4] 1 CN-235M-100 da trasporto acquistato nel 1989.[1]
Beechcraft King Air 350   Stati Uniti Aereo da trasporto B350 2[1][3] 2 B350 acqustati tra il 1977 ed il 1981.[1]
Elicotteri
Bell TH-57 SeaRanger   Stati Uniti elicottero da addestramento TH-57A 5[1][3][4] Al maggio 2019 risultano in servizio 5 esemplari dei lotti ricevuti tra il 1986 ed il 1993.[1]
Bell 230   Stati Uniti elicottero utility Bell 230T 1[1][3][4] 2 Bell 230T consegnati nel 1998, 1 è stato perso nel 2009.[1]
Bell 430   Stati Uniti elicottero utility Bell 430M 2[1][3][4] 2 Bell 430 acquistati negli Stati Uniti nel 2010.[1]
Aeromobili a pilotaggio remoto - UAV
IAI Heron   Stati Uniti aeromobile a pilotaggio remoto Heron
Searcher
6[1] 6 tra IAI Heron e Searcher acquistati nel 2009.[1]

Guardia CostieraModifica

La Guardia Costiera (Cuerpo de Guardacostas de la Armada) è operativa dal 1980, per controllare la costa.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w "La Marina dell’Ecuador" - "Rivista italiana difesa" N. 5 - 05/2019 pp. 77-81
  2. ^ BAE “Calicuchima” (TR-62), su armada.mil.ec. URL consultato il 10 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 10 settembre 2018).
  3. ^ a b c d e f g h i j (EN) World Air Force 2021 (PDF), su Flightglobal.com, p. 17. URL consultato il 17 dicembre 2020.
  4. ^ a b c d e f g h i "LE PARC AÉRIEN DE L’ARMADA DEL ECUADOR EN 2018 ET EN IMAGES", su avionslegendaires.net, 21 ottobre 2018, URL consultato il 4 marzo 2019.
  5. ^ a b "L'ATOS, un sistema di missione in continua crescita" - "Rivista italiana difesa" N. 5 - 05/2019 pp. 30-33

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN145419997 · LCCN (ENn80158678 · WorldCat Identities (ENlccn-n80158678