Armin Bittner

sciatore alpino tedesco

Armin Bittner (Garmisch-Partenkirchen, 28 novembre 1964) è un allenatore di sci alpino ed ex sciatore alpino tedesco. Fino alla riunificazione tedesca (1990) gareggiò per la nazionale tedesca occidentale.

Armin Bittner
Armin Bittner in gara a Madonna di Campiglio nel 1993
Nazionalitàbandiera Germania Ovest
Bandiera della Germania Germania (dal 1990)
Altezza184 cm
Peso79 kg
Sci alpino
SpecialitàSlalom gigante, slalom speciale, combinata
SquadraSC Krün
Termine carriera1994
Palmarès
Competizione Ori Argenti Bronzi
Mondiali 0 1 1

Trofeo Vittorie
Coppa del Mondo - Slalom 2 trofei

Vedi maggiori dettagli

 

Fu uno dei protagonisti dello slalom speciale tra la fine degli anni 1980 e i primi anni 1990, riuscendo in carriera a ottenere sette successi in Coppa del Mondo e due Coppe del Mondo di specialità consecutive (nel 1988-1989 e nel 1989-1990); vinse anche due medaglie, sempre tra i pali stretti, ai Campionati mondiali.

Biografia

modifica

Carriera sciistica

modifica

Stagioni 1982-1989

modifica

Specialista delle prove tecniche originario di Krün[1], Bittner debuttò in campo internazionale in occasione dei Mondiali juniores di Auron 1982; in Coppa del Mondo ottenne il primo piazzamento nello slalom speciale di Åre del 23 febbraio 1986 (12º) e il primo podio il 21 dicembre 1986, quando vinse lo slalom speciale di Hinterstoder. Nella medesima specialità ai Mondiali di Crans-Montana 1987, sua prima partecipazione iridata, vinse la medaglia di bronzo piazzandosi alle spalle del connazionale Frank Wörndl e dell'austriaco Günther Mader.

Esordì ai Giochi olimpici invernali a Calgary 1988, piazzandosi 26º nello slalom gigante, 11º nella combinata e non completando lo slalom speciale. Nella successiva stagione 1988-1989 in Coppa del Mondo ottenne quattro podi con due vittorie (tra le quali quella del 15 gennaio sulla Ganslern di Kitzbühel) e vinse la sua prima Coppa del Mondo di slalom speciale, superando in classifica l'italiano Alberto Tomba di 5 punti; sempre nel 1989 partecipò anche ai Mondiali di Vail, dove vinse la medaglia d'argento nello slalom speciale nella gara vinta dall'austriaco Rudolf Nierlich.

Stagioni 1990-1995

modifica

Anche nella stagione 1989-1990 Bittner vinse la coppa di cristallo di slalom speciale, con 55 punti di vantaggio su Tomba e sul norvegese Ole Kristian Furuseth secondi a pari merito; salì sette volte sul podio e colse quattro vittorie, tra le quali quelle nella prestigiose gare della Podkoren di Kranjska Gora il 7 gennaio e della Planai di Schladming il 12 gennaio e il suo ultimo successo in carriera, a Veysonnaz il 4 marzo. In classifica generale fu 4º, suo miglior piazzamento nel circuito. Ai Mondiali di Saalbach-Hinterglemm 1991, sua ultima presenza iridata, lo sciatore bavarese fu 15º nello slalom gigante e 6º nello slalom speciale, mentre l'anno dopo ai XVI Giochi olimpici invernali di Albertville 1992 non completò né lo slalom gigantelo slalom speciale.

Il 29 novembre 1992 conquistò a Sestriere il suo ultimo podio in Coppa del Mondo, chiudendo 3º a pari merito con l'austriaco Hubert Strolz nello slalom speciale vinto dall'italiano Fabrizio Tescari davanti all'austriaco Michael Tritscher; il suo ultimo piazzamento nel massimo circuito internazionale fu il 5º posto ottenuto nello slalom speciale del 6 febbraio 1994 a Garmisch-Partenkirchen. Alla sua ultima presenza olimpica, Lillehammer 1994, non portò a termine la prova di slalom speciale; in seguito prese ancora parte ad alcune prove minori fino al definitivo ritiro, avvenuto in occasione di una gara giovanile disputata a San Candido il 23 dicembre 1994.

Carriera da allenatore

modifica

Nel 2010 è divenuto allenatore nei quadri della Federazione sciistica della Germania, responsabile delle prove tecniche della nazionale tedesca femminile[1][2].

Altre attività

modifica

Dal 1995 al 2010 è stato commentatore sportivo per la televisione tedesca ZDF; è sposato con Regine Mösenlechner, a sua volta sciatrice alpina[1][2].

Palmarès

modifica

Mondiali

modifica

Coppa del Mondo

modifica

Coppa del Mondo - vittorie

modifica
Data Località Paese Specialità
21 dicembre 1986 Hinterstoder   Austria SL
21 dicembre 1988 Sankt Anton am Arlberg   Austria SL
15 gennaio 1989 Kitzbühel   Austria SL
12 agosto 1989 Thredbo   Australia SL
7 gennaio 1990 Kranjska Gora   Jugoslavia SL
12 gennaio 1990 Schladming   Austria SL
4 marzo 1990 Veysonnaz   Svizzera SL

Legenda:
SL = slalom speciale

Coppa Europa

modifica
  • Miglior piazzamento in classifica generale: 9º nel 1987

Campionati tedeschi

modifica
  1. ^ a b c (DE) Andreas Raffeiner, Armin Bittner wird 50, wir gratulieren!, su skiweltcup.tv, 28 novembre 2014. URL consultato il 13 dicembre 2021 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  2. ^ a b (EN) Armin Bittner, su olympedia.org. URL consultato il 13 dicembre 2021.
  3. ^ (DE) Ski-Alpin - Deutsche Meisterschaften - Herren (1932-2003), su sport-komplett.de. URL consultato il 6 febbraio 2022.

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
Controllo di autoritàVIAF (EN4454162118006402320002 · GND (DE1233426524