Apri il menu principale

Arnaldo Bruschi

storico dell'architettura italiano

Arnaldo Bruschi (Roma, 1928Roma, 6 luglio 2009) è stato uno storico dell'architettura italiano.

Indice

BiografiaModifica

Studioso di fama internazionale dell'architettura del Rinascimento. In particolare importanti sono stati i suoi contributi su Bramante, a cui ha dedicato il fondamentale saggio Bramante architetto (1969), Brunelleschi, Peruzzi, Antonio da Sangallo e sul linguaggio architettonico.

Fu professore ordinario di Storia dell'architettura presso la Facoltà di Architettura, Direttore del Dipartimento di Storia dell'Architettura e poi professore emerito presso l'Università “Sapienza” di Roma dove si era laureato nel 1954. È stato anche direttore del Centro di Studi “Andrea Palladio”.

Nella sua opera viene ricosciuto uno degli elementi fondativi della concezione "italiana" della storia dell'architettura vista come autonoma e diversa dalla disciplina della Storia dell'arte.

È scomparso nel 2009 all'età di 81 anni[1].

ScrittiModifica

  • Concetti di storia dell'architettura, Roma: ITER, 1966;
  • Note bramantesche, Roma: ITER, 1966;
  • Il Borromini nelle stanze di S. Filippo alla Vallicella, Roma: Palatino, 1968;
  • Bramante architetto, Bari: Laterza, 1969;
  • Bramante, Roma-Bari: Laterza, 1973;
  • Borromini: manierismo spaziale oltre il barocco, Bari: Dedalo, 1978;
  • Lineamenti di storia dell'architettura: per i corsi di storia dell'architettura, Assisi: Carucci, 1978;
  • Scritti rinascimentali di architettura, Milano: Il Polifilo, 1978;
  • Oltre il Rinascimento: architettura, città, territorio nel secondo Cinquecento, Milano: Jaca Book, 2000;
  • L'antico, la tradizione, il moderno: da Arnolfo a Peruzzi; saggi sull'architettura del Rinascimento, a cura di Maurizio Ricci e Paola Zampa, Milano: Electa, 2004;
  • Filippo Brunelleschi, Milano: Electa, 2006;
  • Introduzione alla storia dell'architettura: considerazioni sul metodo e sulla storia degli studi, Milano: Mondadori Università, 2009.

OnorificenzeModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Arnaldo Bruschi, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 29 ottobre 2015.
Controllo di autoritàVIAF (EN56632381 · ISNI (EN0000 0001 1571 1735 · LCCN (ENn50039906 · GND (DE129375373 · BNF (FRcb12070378n (data) · ULAN (EN500042239 · BAV ADV10121365