Arrondissement del dipartimento della Saona e Loira

Gli arrondissement del dipartimento della Saona e Loira, nella regione francese della Borgogna-Franca Contea, sono cinque: Autun (capoluogo Autun), Chalon-sur-Saône (Chalon-sur-Saône), Charolles (Charolles), Louhans (Louhans) e Mâcon (Mâcon).

Gli arrondissement del dipartimento dopo il 2017

ComposizioneModifica

Composizione degli arrondissement del dipartimento al 1º gennaio 2021
Nome Codice
INSEE
N° di
comuni
Superficie
km2
Popolazione[1] Densità
(abitanti/km2)
Arrondissement di Autun 711 89 [2] 1 994,3 128 664 65
Arrondissement di Chalon-sur-Saône 712 142 [3] 1 484,5 156 037 105
Arrondissement di Charolles 713 126[4] 2 443,8 86 530 35
Arrondissement di Louhans 714 88[5] 1 430,2 67 030 47
Arrondissement di Mâcon 715 120[6] 1 221,9 113 924 93
Dipartimento della Saona e Loira 71 565 8 574,7 552 185 64
 
Mappa degli arrondissement del dipartimento della Saona e Loira

StoriaModifica

  • 1790 : istituzione del dipartimento della Saona e Loira con sette distretti: Autun, Bellevue-les-Bains, Châlon sur Saône, Charolles, Louhans, Mâcon, Semur.
  • 1790: il distretto di Semur diviene il distretto di Marcigny.
  • 1800: istituzione degli arrondissement di: Autun, Chalon-sur-Saône, Charolles, Louhans, Mâcon.
  • 1926: l'arrondissement di Louhans è soppresso.[7][8]
  • 1942: l'arrondissement di Louhans è ripristinato.
  • 2017: i confini del dipartimento sono modificati con trasferimento di 61 comuni:
    • sei comuni dall'arrondissement di Autun all'arrondissement di Chalon-sur-Saône;
    • sette comuni dall'arrondissement di Autun all'arrondissement di Charolles;
    • 14 comuni dall'arrondissement di Chalon-sur-Saône all'arrondissement di Autun;
    • sette comuni dall'arrondissement di Chalon-sur-Saône all'arrondissement di Louhans;
    • un comune dall'arrondissement di Chalon-sur-Saône all'arrondissement di Mâcon;
    • cinque comuni dall'arrondissement di Charolles all'arrondissement di Autun;
    • un comune dall'arrondissement di Charolles all'arrondissement di Chalon-sur-Saône;
    • dieci comuni dall'arrondissement di Charolles all'arrondissement di Mâcon;
    • otto comuni dall'arrondissement di Mâcon all'arrondissement di Chalon-sur-Saône;
    • due comuni dall'arrondissement di Mâcon all'arrondissement di Louhans.[9]

NoteModifica

  1. ^ Popolazione legale censimento 2018
  2. ^ (FR) Institut national de la statistique et des études économiques, Composition de l'arrondissement d'Autun (711), su insee.fr, INSEE. URL consultato il 5 aprile 2021 (archiviato il 18 gennaio 2021).
  3. ^ (FR) Institut national de la statistique et des études économiques, Composition de l'arrondissement de Chalon-sur-Saône (712), su insee.fr, INSEE. URL consultato il 5 aprile 2021 (archiviato il 18 gennaio 2021).
  4. ^ (FR) Institut national de la statistique et des études économiques, Composition de l'arrondissement de Charolles (713), su insee.fr, INSEE. URL consultato il 5 aprile 2021 (archiviato il 2 febbraio 2021).
  5. ^ (FR) Institut national de la statistique et des études économiques, Composition de l'arrondissement de Louhans (714), su insee.fr, INSEE. URL consultato il 5 aprile 2021 (archiviato il 18 gennaio 2021).
  6. ^ (FR) Institut national de la statistique et des études économiques, Composition de l'arrondissement de Mâcon (715), su insee.fr, INSEE. URL consultato il 5 aprile 2021 (archiviato il 2 febbraio 2021).
  7. ^ (FR) Ministère de l'Intérieur, Rèduction du nombre des arrondissements administratif, suppression de 106 sous.prefecture et de 70 emploiis de secrétaires généraux de préfecture (PDF), su gallica.bnf.fr, Journal officiel de la Republique Française, 14 settembre 1926, pp. 10186 -10202. URL consultato il 2 aprile 2021.
  8. ^ (FR) Yves Thomas, Réforme du 10 septembre 1926, su guichetdusavoir.org, Bibliotèque municipale de Lyon, 5 luglio 2005. URL consultato il 2 aprile 2021 (archiviato il 18 settembre 2020).
    «A la suite de la grave crise financière de 1926, le parlement autorise le gouvernement Poincaré à procéder par décret "à toutes suppressions ou fusions d'emplois, d'établissements ou de services". Le décret-loi du 10 septembre 1926 supprime ainsi 106 arrondissements en justifiant l'économie réalisée par l'évolution des communications : "Partout où les communes possédaient le moyen convenable d'établir leur liaison avec l'administration centrale, la sous-préfecture a été supprimée"... (In seguito alla grave crisi finanziaria del 1926, il Parlamento autorizzò il governo Poincaré a procedere per decreto a "tutte le eliminazioni o fusioni di posti di lavoro, stabilimenti o servizi". Il decreto legge del 10 settembre 1926 abolì così 106 arrondissement, giustificando il risparmio ottenuto con l'evoluzione delle comunicazioni: "Ovunque i comuni avevano un mezzo adeguato per stabilire il loro legame con l'amministrazione centrale, la sottoprefettura fu abolita...)».
  9. ^ (FR) République Française - Préfecture de la région Bourgogne Franche-Comté, RECUEIL DES ACTES ADMINISTRATIFS SPÉCIAL N°BFC-2017-005 - Arrêté n°17-07 BAG portant modification des limitesterritoriales des arrondissements du département de la SAONE-et-LOIRE (PDF), su prefectures-regions.gouv.fr, 7 gennaio 2017, pp. 87 - 90. URL consultato il 4 aprile 2021 (archiviato il 27 novembre 2020).
  Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Francia