Apri il menu principale

Arsenal Fútbol Club

squadra di calcio argentina
(Reindirizzamento da Arsenal de Sarandí)
Arsenal de Sarandí
Calcio Football pictogram.svg
El Viaducto, El Arse, Celeste y Rojo
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Azzurro con diagonale Rosso.png Celeste, rosso
Dati societari
Città Sarandí
Nazione Argentina Argentina
Confederazione CONMEBOL
Federazione Flag of Argentina.svg AFA
Campionato Primera B Nacional
Fondazione 1957
Presidente Argentina Julio Ricardo Grondona
Allenatore Argentina Sergio Rondina
Stadio Julio H. Grondona
(Estadio del Viaducto)

(16.300 posti)
Sito web www.celesteyrojo.com.ar
Palmarès
Titoli nazionali 1 Campionato Argentino
Trofei nazionali 1 Coppa d'Argentina
1 Supercoppa Argentina
Trofei internazionali 1 Coppe Sudamericane
1 Coppa Suruga Bank
Si invita a seguire il modello di voce

L'Arsenal Fútbol Club, o più conosciuto come Arsenal de Sarandí o semplicemente Arsenal, è una società calcistica argentina di Sarandí, sobborgo di Avellaneda, nella provincia di Buenos Aires.

Nel suo palmarès ci sono una Coppa Sudamericana, una Coppa Suruga Bank, una Coppa d'Argentina, una Supercoppa d'Argentina e un titolo nazionale.

StadioModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio Julio H. Grondona.

Gioca a Sarandí nello Estadio Julio Humberto Grondona, che ha una capacità di 16.300 posti. È conosciuto anche come El Viaducto ("Il Viadotto").

StoriaModifica

Fu fondata nel gennaio del 1957 dai fratelli Héctor e Julio Grondona, in onore dell'Arsenal, famosa squadra inglese. L'uniforme è celeste con una fascia diagonale rossa (lo stesso motivo usato nelle uniformi della squadra più conosciuta dell'Argentina, River Plate). Questi colori sono stati scelti per simboleggiare l'unione dei due club calcistici più grandi di Avellaneda, riutilizzando un colore rappresentativo per ognuno di essi: il Racing Club (celeste) e l'Independiente (rosso).[1]

 
Una formazione del 1968

Il fondatore Julio Grondona divenne in seguito presidente dell'Independiente, dell'AFA ed uno dei vicepresidenti della FIFA.

Il giocatore più famoso che ha vestito la maglia dell'Arsenal di Sarandí fu senza dubbio Jorge Burruchaga, che cominciò la sua carriera col club nel 1979 (club in cui rimase fino al 1981, prima di passare all'Independiente), e ha anche allenato il club dal 2002 al 2005. Burru è passato alla storia per aver segnato la rete decisiva nella finale del Campionato del Mondo del 1986 contro la Germania Ovest.

Dopo 3 promozioni nelle serie superiori (negli anni 1962, 1986 e 1992), l'Arse raggiunse la prima divisione nel 2002. La prima partecipazione del club ad una competizione internazionale fu nel 2004, quando, guidato in panchina dall'ex calciatore Burruchaga, raggiunse i Quarti di Finale della Coppa Sudamericana, eliminando il Banfield e il River Plate, prima di arrendersi ai boliviani del Bolívar. Il 5 dicembre 2007 riuscirono a vincere la coppa battendo i messicani dell'América 3-2 nell'andata in Messico, perdendo poi 2-1 in casa la partita di ritorno, con un gol in rimonta di Andrizzi all'83° (il giocatore era entrato 15 minuti prima).

Il 6 settembre 2006, l'Arsenal ed i spagnoli del Barcellona firmarono un contratto che avrebbe potenziato le infrastrutture del club argentino in cambio di giovani giocatori che non hanno giocato più di un anno in prima squadra. "Vogliamo che il Barcellona diventi un'opzione per i giovani calciatori argentini - disse Txiki Begiristain, direttore sportivo del Barcellona, al quotidiano sportivo argentino Olé - È un progetto a lungo termine che porterà benefici ad entrambi i club". Tuttavia l'accordo fu rotto nel 2007, ufficialmente perché l'Arsenal non aveva le infrastrutture necessarie per reggere un piano di così grandi dimensioni. Il 24 giugno 2012 vince il primo campionato della sua storia, dopo una vittoria sul Belgrano e i contemporanei passi falsi di Boca Juniors e Tigre[2].

Il 7 novembre 2012 l'Arsenal vince la prima edizione della Supercoppa Argentina appena istituita, battendo per 4-3 ai calci di rigore i quotati rivali del Boca Juniors.

Rosa 2018-2019Modifica

N. Ruolo Giocatore
1   P Maximiliano Velazco
2   D Marcos Curado
3   D Claudio Corvalán
4   D Sergio Velázquez
5   C David Drocco
6   D Facundo Monteseirín
7   C Emiliano Purita
8   C Gonzalo González
10   A Diego Cháves
11   A Rodrigo Pollero
12   P Mauricio Aquino
15   C Germán Ferreyra
N. Ruolo Giocatore
16   C Matías García
17   D Leonardo Rolón
21   C Gabriel Alanís
22   P Pablo Santillo
23   C Lucas Wilchez
24   C Alejo Antilef
25   C Federico Milo
27   A Sebastián Lomónaco
28   D Emiliano Papa
29   A Facundo Quintana
30   D Facundo Cardozo

Rosa 2017-2018Modifica

N. Ruolo Giocatore
1   P Maximiliano Velazco
2   D Marcos Curado
3   D Claudio Corvalán
4   D Sergio Velázquez
5   C David Drocco
6   D Facundo Monteseirín
7   C Emiliano Purita
8   C Gonzalo González
10   A Diego Cháves
11   A Rodrigo Pollero
12   P Mauricio Aquino
15   C Germán Ferreyra
N. Ruolo Giocatore
16   C Matías García
17   D Leonardo Rolón
21   C Gabriel Alanís
22   P Pablo Santillo
23   C Lucas Wilchez
24   C Alejo Antilef
25   C Federico Milo
27   A Sebastián Lomónaco
28   D Emiliano Papa
29   A Facundo Quintana
30   D Facundo Cardozo

Rosa 2016-2017Modifica

Rosa 2015Modifica

PalmarèsModifica

OrganigrammaModifica

  • Presidente: Julio Ricardo Grondona
  • 1º Vicepresidente: Miguel Silva
  • 2º Vicepresidente: Roberto Horacio Arceiz
  • 3º Vicepresidente: Lorenzo Juan
  • Segretario Generale: Hugo Mario Pasos

NoteModifica

  1. ^ (ES) Historia, celesteyrojo.com.ar (Arsenal Fútbol Club). URL consultato il 19 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2014).
  2. ^ Adriano Seu, L'Arsenal conquista il primo titolo, Gazzetta.it, 25 giugno 2012.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica