Arteria ovarica

arteria
Arteria ovarica
Gray1170.png
Anatomia del Gray(EN) Pagina 603
SistemaApparato circolatorio
OrigineAorta addominale
IrroraOvaia, annessi uterini, uretere pelvico
VenaVena ovarica
Identificatori
TAA12.2.12.086F
FMA14761

Le arterie ovariche sono i vasi arteriosi che irrorano le gonadi femminili, corrispettive delle arterie testicolari. Originano dalla superficie laterale dell'aorta addominale a livello della seconda vertebra lombare, al di sotto della emergenza delle arterie renali. Rimanendo retroperitoali, circondate dal plesso delle vene omonime, si dirigono in basso ed esternamente, prendendo contatto posteriormente con il muscolo grande e piccolo psoas. L'arteria ovarica di sinistra origina al di dietro del legamento di Treitz e scende verso la pelvi decorrendo posteriormente a:

L'arteria ovarica di destra origina posteriormente alla porzione orizzontale del duodeno. Dopo aver scavalcato la vena cava inferiore, scende verso la pelvi decorrendo posteriormente a:

Anteriormente, le due arterie, passano al davanti degli ureteri e dei nervi genitofemorali. All'interno della piccola pelvi (una volta discese al di sotto dello stretto superiori della pelvi), le arterie ovariche decorrono all'interno del legamento sospensore dell'ovaio, scavalcando i arterie e vene iliache comuni e gli ureteri, per addentrarsi nel mesovario dove si inosculano a pieno canale con i rami ovarici dell'arteria uterina; da tale raccordo nascono i rami arteriosi diretti all'ovaio, alla tuba uterina e all'uretere pelvico.

BibliografiaModifica

  • Giuseppe C. Balboni, et al., Anatomia Umana, Vol. 1., Ristampa 2000, Milano, Edi. Ermes s.r.l., 1976, ISBN 88-7051-078-6.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Anatomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anatomia