Apri il menu principale

Arun (fiume)

fiume tibetano
Arun
Arun River of Nepal.JPG
Vista del fiume Arun da Leguwa in Nepal
StatiNepal Nepal
Cina Cina
SuddivisioniTibet
Lunghezza250 km
Bacino idrografico33 578 km²
Nasce
26°54′47″N 87°09′25″E / 26.913056°N 87.156944°E26.913056; 87.156944Coordinate: 26°54′47″N 87°09′25″E / 26.913056°N 87.156944°E26.913056; 87.156944
Affluenti
  • Barun
  • Trakar-chu
  • Yeru Tsanpo
SfociaKoshi

Il fiume Arun (in nepalese: अरुण नदी) è un fiume transfrontaliero e fa parte del sistema fluviale Kosi o Sapt Koshi in Nepal. Ha origine nella regione autonoma del Tibet della Repubblica Popolare Cinese, dove è chiamato Phung Chu o Bum-chu.

DenominazioneModifica

In Tibet il fiume è chiamato Bum-chu,[1][2] anche traslitterato come Phung-Chu o dal cinese come Peng Qu o Pumqu. Men Qu o Moinqu è un affluente superiore che drena i ghiacciai del Shisha Pangma. In Nepal il nome del fiume cambia in Arun.

TibetModifica

Il nome tibetano Bum-chu può riferirsi ad una cerimonia religiosa che tenta di divinizzare le prospettive per il l’anno successivo dal livello dell'acqua in una pentola o in un pozzo,[3][4] chu è la parola tibetana per l'acqua. Il fiume nasce vicino a Gutso nella contea di Nyalam in Tibet. Circa 17 km a valle del Men-chu si unisce a esso. I tratti superiori del Bum-chu si trovano nella contea di Tingri e le valli laterali sono formate dai suoi affluenti, le principali valli sono Lolo-chu, Shel-chu, Rongpu-chu, Trakar-chu, Kharta, Ra-chu Tsangpo e Langkor Gya-chu. Lo Yeru Tsanpo confluisce con Bum-chu nella contea di Dinggyê, che ospita la valle inferiore di Bum-chu. Un altro fiume che incontra Bum-chu è Trakar-chu. Il fiume scorre oltre la città di Kharda, porta d'accesso alla parete orientale del Khangzhung dell'Everest. La forza delle sue acque accumulate si fa strada, a sud del Drengtrang, attraverso la catena principale dell'Himalaya, direttamente tra i massicci montuosi del Makalu e del Kangchenjunga in Nepal.[1][2] Poiché l'altitudine del fiume è di circa 3500 m al confine, mentre Makalu e Kangchenjunga sono entrambi a circa 8500 m, la valle è profonda circa 5000 m, una delle più profonde del mondo.

Sistema fluviale del fiume KosiModifica

Il Kosi o Sapta Koshi drena il Nepal orientale, è anche noto come Sapt Koshi a causa dei sette fiumi che si uniscono nel Nepal centro-orientale per formare questo fiume. I fiumi principali che formano il sistema Koshi sono: il Sun Kosi, il fiume Indravati, il Bhote Koshi, il Dudh Kosi, il fiume Arun, il Barun e il Tamur. Il fiume combinato scorre attraverso la Gola di Chatra in direzione sud per emergere dalle colline.[5][6]

Il Sun Kosi contribuisce con il 44 per cento dell'acqua totale nel Sapta Koshi, l'Arun con il 37 per cento e il Tamur con il 19 per cento.[7]

NepalModifica

L'Arun è il più grande fiume trans-himalayano che attraversa il Nepal e ha anche la più grande area coperta di neve e ghiaccio di qualsiasi bacino fluviale nepalese. L'Arun drena più della metà dell'area che contribuisce al sistema fluviale del Sapta Kosi, ma fornisce solo un quarto circa della portata totale. Questa apparente contraddizione è causata dall'ubicazione di oltre l'80% dell'area di drenaggio dell'Arun all'ombra pluviometrica dell'Himalaya. Le precipitazioni medie annuali in Tibet sono di circa 300 mm.[8]

Il fiume lascia la regione del Tibet a circa 3500 m di altezza e attraversa le principali catene himalayane. Lasciando la loro ombra pluviometrica, il flusso del fiume aumenta notevolmente nel clima monsonico del Nepal orientale. Il paesaggio a sud del confine tende ad essere ripido, con meno del 15% dell'area con una pendenza sostenuta inferiore ai 15° ed è fortemente sezionato da canali di scorrimento. Molti dei pendii collinari sono strutturalmente instabili e la regione è sismicamente attiva. Il terremoto in Nepal dell'agosto 1988, con un epicentro a più di 50 km a sud del bacino dell'Arun, ha avuto una forza di magnitudo 6,9 e ha causato più di 100 morti nel solo bacino.

Il terzo settentrionale della porzione nepalese del bacino dell'Arun sostiene una ricca foresta di latifoglie miste, pino dell'Himalaya, abete e rododendro ad un'altitudine di oltre 1000 m. La vegetazione dei due terzi meridionali dell'area è stata ampiamente modificata per l'agricoltura di sussistenza. La maggior parte del mezzo milione di persone nel bacino di Arun vive in questa zona meridionale tra i 300 m e i 1000 m in villaggi sparsi vicino ai pendii che coltivano.[8]

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Gyurme Dorje, Tibet Handbook: With Bhutan, Bath, Footprint Handbooks, 1999, ISBN 978-1-900949-33-0, OCLC 41960224. URL consultato l'8 maggio 2019.
  2. ^ a b (EN) C. J. Morris, The Gorge of the Arun, in The Geographical Journal, vol. 62, nº 3, settembre 1923, pp. 161–168, DOI:10.2307/1780654. URL consultato l'8 maggio 2019.
  3. ^ (EN) Bumchu Festival of Sikkim, su Sikkim Info. URL consultato l'8 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2010).
  4. ^ (EN) Bumchu, su Sikkim Online Guide. URL consultato l'8 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2010).
  5. ^ (EN) Sharad Singh Negi, Himalayan Rivers, Lakes, and Glaciers, Nuova Delhi, Indus Publishing, 1991, p. 89, ISBN 978-81-85182-61-2, LCCN 91907936, OCLC 246966083. URL consultato l'8 maggio 2019.
  6. ^ (EN) Jagdish Bahadur, Himalayan Snow and Glaciers: Associated Environmental Problems, Progress, and Prospects, Concept Publishing Company, 2004, p. 90, ISBN 978-81-8069-091-4. URL consultato l'8 maggio 2019.
  7. ^ (EN) K. L. Rao, India's Water Wealth, Orient Blackswan, 1979, p. 70, ISBN 9788125007043. URL consultato l'8 maggio 2019.
  8. ^ a b (EN) Richard Kattelmann, Hydrology and development of the Arun River, Nepal (PDF), Proceedings of two Lausanne Symposia, August 1990, IAHS publ. no. 193, International Association of Hydrological Sciences, 1990, p. 778 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2011).

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN243531438 · GND (DE4247535-1 · WorldCat Identities (EN243531438