Apri il menu principale
Asganaway
PaeseItalia
Anno2011-2014
Generecommedia, musicale
Durata90'
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreAlbertino (2011-2014), Fabio Alisei (2011-2014), Paolo Noise (2011-2014)
RegiaShorty (2011-2014) Wender (2011-2014)
Emittente radiofonicaRadio Deejay

«Asganaway, il programma Top di Gamma!»

(Slogan del programma)

Asganaway è stata una trasmissione radiofonica in onda su Radio Deejay. La prima versione del programma è andata in onda dal lunedì al venerdì dal 14 giugno 2011 fino al 27 giugno 2014 con la conduzione di Albertino (chiamato "Il Colonnello", o anche "Alba"), Paolo Noise e Fabio Alisei, mentre la regia era affidata a Wender e Shorty, a cui si aggiungeva Eleonora Russo, detta Ginger.

Storia e descrizioneModifica

Nel gennaio 2011, i tre deejay Fabio Alisei, Paolo Noise e Wender (co-conduttori de Lo Zoo di 105) approdano a Radio Deejay, in seguito alla scadenza di contratto con la loro precedente radio. Durante le settimane successive al trasferimento, il trio WNA (sigla di Wender, Noise e Alisei) è costretto al silenzio radiofonico a causa del patto di non concorrenza, secondo il quale i tre deejay non possono condurre trasmissioni radiofoniche nei mesi immediatamente successivi alla scadenza del precedente contratto.

In attesa, i tre annunciano un'imminente collaborazione con Albertino, che in quel periodo sta conducendo il programma 50 songs tra le 14:00 e le 15:30. Con frequenza maggiore, la conduzione di Albertino inizia ad essere interrotta da alcuni sketch preregistrati, realizzati da WNA.

Dal 6 aprile 2011 i tre deejay iniziano a partecipare alla diretta di 50 Songs, che nel frattempo ha gradualmente mutato la formula del programma, trasformandosi in una trasmissione di stampo umoristico-demenziale, ma sempre caratterizzato da un'attenta selezione musicale. Con l'arrivo dell'estate, la trasmissione si trasferisce all'Aquafan di Riccione e assume il nome Asganaway, (che deriva da DJ Asganaway, un personaggio creato e interpretato da Wender per Lo Zoo di 105). Tale nome verrà poi mantenuto anche con la ripresa autunnale del programma e per le stagioni successive.

A partire dal 2 settembre 2013, la trasmissione adotta definitivamente l'orario 14.00-16.00.

Chiude definitivamente il 27 giugno 2014, dopo tre anni, come annunciato dal direttore di Radio Deejay Linus sul suo blog[1].

RubricheModifica

La trasmissione era caratterizzata da diversi sketch comici, alcuni dei quali venivano riproposti regolarmente dall'inizio del programma. Tra i personaggi ricorrenti ci sono:

  • "Illusa Luisa" (interpretata da Albertino, con la voce camuffata elettronicamente): una ragazza di facili costumi che raccontava di essere stata raggirata da un personaggio di Radio Deejay, non ancora identificato, che le avrebbe promesso il successo. Insieme a lei si aggiungono la madre "Penelopa" e il cane "Sgrunt"
  • "Tony Tormen": un deejay svizzero dall'accento calabrese, che si vantava di essere uno scopritore di tormentoni, nonostante trasmetta remix di brani usciti molti anni prima
  • "Atahualpa" (interpretato da Paolo Noise): parodia di Adam Kadmon, afferma di prevedere il futuro
  • "Dottor Tacchi" (interpretato da Fabio Alisei): un improbabile dottore che fornisce diagnosi strampalate di malattie inventate
  • "Signorina Buonasera" (interpretata da Paolo Noise): un annunciatrice di programmi TV

Un'altra rubrica ricorrente era un gioco in cui i concorrenti, previa prenotazione, dovevano rispondere alla telefonata dei conduttori intonando un brano musicale o un particolare verso, più volte modificato nel corso dei mesi.

Oltre agli sketch comici, la trasmissione era caratterizzata da una particolare programmazione musicale: in mezzo ai brani in normale rotazione, venivano anche trasmessi alcuni mash-up realizzati dagli stessi conduttori e le cover dei Fakemen, band torinese che riproponeva brani di successo traducendone il testo parola per parola.

NoteModifica

  1. ^ ASGANAWAY - Il blog di Linus - Radio Deejay, in Il blog di Linus - Radio Deejay, 27 giugno 2014. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria