Askar Akayev

politico kirghiso

Askar Akayevich Akayev in kirghiso Аскар Акаевич Акаев? (Kyzyl-Bairak, 10 novembre 1944) è un politico kirghiso, il primo presidente della Repubblica del Kirghizistan dal 1990 fino a a quando non è stato rovesciato nella rivoluzione dei tulipani del marzo 2005. Riparato a Mosca, dove è stato impegnato in attività scientifiche, il 2 agosto 2021 è tornato per la prima volta in 16 anni in Kirghizistan.

Askar Akayev
Akaev nel 2016

Presidente del Kirghizistan
Durata mandato27 ottobre 1990 –
24 marzo 2005
Vice presidenteNasirdin Isanov
German Kuznetsov
Feliks Kulov
Capo del governoNasirdin Isanov
Andrej Iordan
(ad interim)

Tursunbek Chyngyshev
Almanbet Matubraimov
(ad interim)

Apas Jumagulov
Kubanychbek Jumaliyev
Boris Silayev
(ad interim)

Jumabek Ibraimov
Boris Silayev
(ad interim)

Amangeldy Muraliyev
Kurmanbek Bakiev
Nikolaj Tanaev
Predecessorecarica creata
SuccessoreIshenbai Kadyrbeko (ad interim)

Dati generali
Partito politicoIndipendente (dal 1990)
In precedenza:
Partito Comunista dell'Unione Sovietica (prima del 1990)
Titolo di studiodoktor nauk in fisica e matematica
UniversitàSaint Petersburg State University of Information Technologies, Mechanics and Optics
FirmaFirma di Askar Akayev

Biografia

modifica

Akayev è nato a Kyzyl-Bayrak, Repubblica socialista sovietica kirghisa. Era il maggiore di cinque figli nati in una famiglia di lavoratori agricoli collettivi. Proviene dalla tribù Sarybagysh.[1] È diventato un metalmeccanico in una fabbrica locale nel 1961. Successivamente si è trasferito a Leningrado, dove si è formato come fisico laureandosi in matematica, ingegneria e informatica presso l'Istituto di meccanica di precisione e ottica di Leningrado nel 1967. Rimase all'istituto fino al 1976 come ricercatore senior e insegnante. A Leningrado conobbe e nel 1970 sposò Mayram Akayevacon da cui ha avuto due figli e due figlie. Sono uitti tornati nel Kirghizistan nel 1977, dove lui è diventato professore senior presso il Frunze Polytechnic Institute. Alcuni dei suoi successivi componenti del suo governo erano ex studenti e amici degli anni accademici.

Ha conseguito il dottorato nel 1981 presso l'Istituto di Ingegneria e Fisica di Mosca, dopo aver scritto la sua tesi sui sistemi olografici di immagazzinamento e trasformazione delle informazioni. Nel 1984 è diventato membro dell'Accademia delle scienze del Kirghizistan, vicepresidente dell'Accademia nel 1987 e poi presidente dell'Accademia nel 1989. Nello stesso anno è stato eletto deputato nel Soviet Supremo dell'URSS.

Carriera politica

modifica
 
Akayev, Nursultan Nazarbayev, Saparmurat Niyazov e Islam Karimov durante l'incontro del CIS nel 1991

Il 25 ottobre 1990, il Soviet Supremo del Kirghiz SSR tenne le elezioni per la nuova carica di presidente della repubblica. Due candidati hanno contestato la presidenza, il presidente del Consiglio dei ministri della SSR kirghisa, Apas Jumagulov, e il primo segretario del Partito comunista della SSR kirghisa, Absamat Masaliyev. Tuttavia, né Jumagulov né Masaliyev hanno ricevuto la maggioranza dei voti espressi. In conformità con la costituzione del Kirghiz SSR del 1978, entrambi i candidati sono stati squalificati e nessuno dei due ha potuto candidarsi al secondo turno di votazioni.

Due giorni dopo, il 27 ottobre, il Soviet Supremo scelse Akayev, che era effettivamente un candidato di compromesso, per essere il primo presidente della repubblica. Nel 1991 gli fu offerto il posto di vicepresidente dell'Unione Sovietica dal presidente Mikhail Gorbaciov, ma rifiutò. Akayev è stato eletto presidente della ribattezzata Repubblica del Kirghizistan in un voto incontrastato il 12 ottobre 1991. È stato rieletto due volte, tra accuse di brogli elettorali, il 24 dicembre 1995 e il 29 ottobre 2000.

 
Visita di Askar Akayev, presidente del Kirghizistan, alla CE nel 1994

Akayev era inizialmente visto come un leader liberale economicamente di destra. Ha commentato in un'intervista del 1991 che "sebbene io sia un comunista, il mio atteggiamento di base nei confronti della proprietà privata è favorevole. Credo che la rivoluzione nella sfera dell'economia non sia stata fatta da Karl Marx ma da Adam Smith".[2] Ancora nel 1993 gli analisti politici vedevano Akayev come un "fisico prodemocratico".[3] Promuoveva attivamente la privatizzazione della terra e di altri beni economici e gestiva un regime relativamente liberale rispetto ai governi delle altre nazioni dell'Asia centrale. Nel 2003 gli è stata concessa l'immunità permanente dall'accusa dalla Camera bassa del Parlamento.

Akayev sosteneva il movimento neo-tengrista del Kirghizistan.[4][5][6][7]

Proteste

modifica
 
Vladimir Putin con Askar Akayev alla stazione di riscaldamento ed elettricità di Biskek, ottobre 2000

La prima ondata di manifestazioni ha avuto luogo a metà marzo 2002. Azimbek Beknazarov, membro del parlamento accusato di abuso di potere, doveva assistere al processo che si svolgeva a Jalal-Abad. Oltre 2.000 manifestanti hanno marciato sulla città dove si sarebbero svolti i procedimenti. Secondo testimoni oculari, la polizia ha ordinato ai manifestanti di fermarsi e ha concesso quindici minuti per disperdersi, ma ha aperto il fuoco prima che il tempo fosse scaduto. Cinque uomini sono stati uccisi a colpi d'arma da fuoco; un altro è stato ucciso il giorno successivo. 61 persone sono rimaste ferite, di cui 47 poliziotti e 14 civili.

La polizia antisommossa si è scontrata con i manifestanti a Bishkek a maggio durante le manifestazioni a sostegno di Beknazarov. La polizia nella piazza del Parlamento della capitale ha preso a calci i manifestanti e trascinato via le persone per disperdere la folla. Hanno fatto diverse richieste tra cui le dimissioni di Akayev. Ciò si è ripetuto nuovamente nel novembre dello stesso anno, quando decine di persone sono state arrestate mentre l'opposizione marciava sulla capitale. Le proteste sono continuate, anche se su scala minore, in vari momenti negli anni successivi.

Controversia sulle elezioni del 2005

modifica
 
Akayev con il presidente moldavo Vladimir Voronin a Mosca, 2001

Akayev aveva promesso di dimettersi dall'incarico alla scadenza del suo terzo mandato nel 2005, ma era stata sollevata la possibilità di una successione dinastica. Suo figlio Aidar Akayev e sua figlia Bermet Akayeva erano candidati alle elezioni legislative del 2005; forte il sospetto che la famiglia avrebbe mantenuto il potere de facto organizzando l'elezione di uno stretto sostenitore o parente.

I risultati delle elezioni sono stati contestati, con accuse di brogli elettorali. Due dei figli di Akayev hanno vinto seggi. Gravi proteste sono scoppiate a Osh e Jalal-Abad, con manifestanti che hanno occupato edifici amministrativi e l'aeroporto di Osh. Il governo si è dichiarato pronto a negoziare con i manifestanti. Tuttavia, un leader dell'opposizione ha affermato che i colloqui sarebbero stati utili solo se vi avesse partecipato lo stesso presidente. Akayev ha rifiutato di dimettersi, ma si è impegnato a non usare la forza per porre fine alle proteste, cosa che ha attribuito a interessi stranieri che cercavano di provocare una repressione su larga scala.

Il 23 marzo, Akayev ha annunciato il licenziamento del ministro dell'Interno Bakirdin Subanbekov e del procuratore generale Myktybek Abdyldayev per "lavoro scadente" nell'affrontare le crescenti proteste.

Vita privata

modifica

Sposato con Mairam Duishenovna Akaeva che, quando Askar Akaev era presidente, guidava la fondazione di beneficenza Meerim (era in cima alla lista del Partito delle donne del Kirghizistan nelle elezioni del 2000). Quattro i figli.

Il figlio maggiore Aidar (1976-2020) era sposato con la figlia più giovane del presidente del Kazakistan Nursultan Nazarbayev Aliya. Il matrimonio è stato di breve durata (dal 1998 al 2001). Nel 2005, poco prima della rivoluzione dei tulipani, è stato eletto al parlamento del Kirghizistan, lo Zhogorku Kenesh. Dopo il cambio di potere, i risultati delle elezioni nel suo collegio elettorale sono stati annullati, lo stesso Aidar Akayev è stato inserito nella lista dei ricercati con l'accusa di reati economici.

La figlia Bermet è sposata con un uomo d'affari kazako, Adil Toigonbaev (anche lui ricercato dalle autorità del Kirghizistan per crimini economici). Nel 2005, lei, come suo fratello, si è candidata allo Zhogorku Kenesh e ha vinto le elezioni, ma dopo la rivoluzione i risultati delle votazioni sono stati annullati. Nel 2007 ha tentato per la seconda volta di essere eletta in parlamento, già sotto le nuove autorità. Ma il tribunale distrettuale di Keminsky ha ritirato la sua candidatura.

Anche i figli più piccoli, la figlia Saadat e il figlio Ilim, durante il suo periodo al potere, si stavano preparando per attività politiche e sociali: dirigevano il fondo pubblico “Biblioteca del Primo Presidente”.

Premi e riconoscimenti

modifica
 
Francobollo del Kirghizistan, 2001
  • Ordine del Distintivo d'Onore (1981)
  • Medaglia Pushkin (23 agosto 1999, Russia) - per il suo grande contributo alla conservazione e alla diffusione del patrimonio culturale russo nella Repubblica del Kirghizistan
  • Ordine "Dostyk" I grado (10 dicembre 2001, Kazakistan) - per un significativo contributo personale allo sviluppo delle relazioni kazako-kirghise, assistenza nello stabilire legami politici, economici e culturali reciprocamente vantaggiosi tra i due stati e i loro popoli, nonché in relazione al decimo anniversario dell'indipendenza della Repubblica del Kazakhstan
  • Ordine della Doppia Croce Bianca, 1ª classe (Slovacchia , dicembre 2003)
  • Vincitore del Premio della Lega dei giovani comunisti del Kirghizistan (1977) - per lo studio matematico dei problemi dei computer di riscaldamento
  • Vincitore della medaglia d'oro N. D. Kondratiev nel 2012 - per un eccezionale contributo allo sviluppo delle scienze sociali
  1. ^ (RU) Досье :: Акаев Аскар Акаевич :: StanRadar — новости Центральной Азии, su stanradar.com. URL consultato il 4 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2016).
  2. ^ "Akayev: 'All of a Sudden I Become President'", The Christian Science Monitor, 10 gennaio 1991
  3. ^ (EN) Central Asia and the World, in Google books.
  4. ^ (EN) High-ranking Kyrgyz official proposes new national ideology, su jamestown.org. URL consultato il 23 novembre 2016.
  5. ^ (EN) Kirghistan (PDF), su old.cacianalyst.org. URL consultato il 22 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2014).
  6. ^ (EN) Documento, archived copy (PDF), su mercury.ethz.ch. URL consultato il 22 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2014).
  7. ^ (EN) Tengrism, su 69.164.215.25. URL consultato il 23 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2014).

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
Controllo di autoritàVIAF (EN47602318 · ISNI (EN0000 0001 1636 0009 · LCCN (ENn78027400 · GND (DE120835622