Assassin's Creed: Brotherhood

videogioco del 2010
Assassin's Creed: Brotherhood
videogioco
Assassin's Creed Brotherhood logo.svg
Logo del gioco
PiattaformaPlayStation 3, Xbox 360, PlayStation 4, Xbox One, Microsoft Windows
Data di pubblicazionePS3, Xbox 360:
Giappone 9 dicembre 2010
Flags of Canada and the United States.svg 16 novembre 2010
Flag of Europe.svg 18 novembre 2010
Flag of Australasian team for Olympic games.svg 18 novembre 2010
Flag of the United Kingdom.svg 19 novembre 2010

Microsoft Windows, Mac OS X:
Flags of Canada and the United States.svg 17 marzo 2011
Flag of Europe.svg 17 marzo 2011
Flag of the United Kingdom.svg 18 marzo 2011
PS4 e Xbox One:
Mondo/non specificato 17 novembre 2016

GenereAvventura dinamica, stealth
TemaRoma[1], Rinascimento italiano
OrigineCanada
SviluppoUbisoft Montreal, Ubisoft Bucarest, Ubisoft Québec, Ubisoft Annecy
PubblicazioneUbisoft
DesignPatrice Désilets (direttore creativo), Jeffrey Yohalem (sceneggiatore)
SerieAssassin's Creed
Modalità di giocoGiocatore singolo, Multigiocatore
Periferiche di inputTastiera, Mouse, Sixaxis o DualShock 3, Gamepad
Motore graficoAnvil Engine
Motore fisicoHavok
SupportoBlu-Ray, DVD, Download
Distribuzione digitaleSteam
Requisiti di sistemaWindows XP, Windows Vista o Windows 7, CPU Intel Core 2 Duo 1,8 GHz o AMD Athlon 64 X2 2,4 GHz, RAM 1,5 GB (Windows XP), 2 GB (Windows Vista/7), Scheda video compatibile DirectX 9 e Shader Model 3.0 con 256 MB di RAM, Scheda audio compatibile DirectX, HD 9 GB, connessione Internet necessaria per registrazione e identificazione (DRM)
Fascia di etàACBMA15+ · BBFC15 · CEROZ · ESRB: M17+ · PEGI: 18 · USK: 16
Preceduto daAssassin's Creed II
Seguito daAssassin's Creed: Revelations

Assassin's Creed: Brotherhood è un videogioco sviluppato da Ubisoft Montreal e pubblicato da Ubisoft nel 2010 per PlayStation 3 e Xbox 360 e nel 2011 per Windows e macOS. Si tratta del terzo capitolo della saga di Assassin's Creed,[2] ed è il seguito di Assassin's Creed II. Rappresenta, inoltre, il secondo capitolo della trilogia dedicata incentrata sulla vita di Ezio Auditore.

Schermata del gioco

Il gioco presenta un'innovativa modalità multigiocatore che permette di impersonare agenti dell'Abstergo che si allenano con l'Animus, quindi Templari; il gioco ha come sfondo la città di Roma, nella quale il protagonista, uscito vittorioso dallo scontro con il Gran Maestro dell'Ordine Templare Rodrigo Borgia, dovrà guidare la Confraternita degli Assassini per uccidere Cesare Borgia.

Il gioco è disponibile dal 16 novembre 2010 negli Stati Uniti[3] e dal 18 novembre in Europa (eccetto Regno Unito, in cui è uscito il 19 novembre) e in Australia per PlayStation 3 e Xbox 360. Assassin's Creed Brotherhood supera i ventuno milioni di copie vendute, superando anche il suo più grande rivale dell'anno FIFA 21, di 5 milioni circa. Dopo Call of Duty: Black Ops è il gioco più venduto del 2010.

Il seguito è Assassin's Creed: Revelations uscito nel 2011[4].

TramaModifica

La storia riprende da dove si era concluso Assassin's Creed 2 : Ezio Auditore fugge dal Vaticano con lo zio Mario, subito dopo aver sconfitto Rodrigo Borgia ed essere entrato nella cripta, dove Minerva, attraverso di lui, ha inviato un messaggio a Desmond Miles, esortandolo a trovare tutti i Templi con i Frutti dell'Eden, prima del 21 dicembre 2012.

Dopo essere tornato a Monteriggioni, Ezio riesce appena a trascorrere una serena giornata, ricongiungendosi con la famiglia, Niccolò Machiavelli e Caterina Sforza, quando le truppe papali guidate da Cesare Borgia, il figlio di Rodrigo, assediano la città, la mattina del 1 gennaio 1500. Monteriggioni, assieme a Villa Auditore, viene gravemente danneggiata e Mario viene ucciso per mano di Cesare, di fronte al nipote. Caterina viene rapita ed Ezio, ferito da tre colpi di archibugio, riesce a farsi strada fino al passaggio segreto della villa, per poi fuggire assieme alla popolazione, alla madre e alla sorella Claudia, da una galleria sotto al Santuario. In cerca di vendetta, Ezio torna a Roma per sconfiggere i Borgia una volta per tutte.

Nel frattempo Shaun, Rebecca, Lucy e Desmond giungono nell'odierna Monteriggioni, tentando di entrare nel Santuario di Villa Auditore, ma senza riuscirci poiché il passaggio è bloccato. Una volta entrati a ritroso nella galleria che Ezio usò per fuggire, Desmond rientra nell'Animus e torna ad accedere ai ricordi del suo antenato italiano.

Ciò che Ezio trova a Roma, dove uccide subito il Carnefice, va al di là di ogni sua aspettativa. La città eterna è avvolta dal degrado per via della politica egoista e spietata dei Borgia, che soffoca e rovina tutto quanto. Ad Ezio, quindi, spetterà il compito di liberare tutte le zone di Roma oppresse dai Borgia, distruggendo le torri tramite cui la famiglia del Papa controlla la città, contribuendo così alla rinascita delle botteghe e al restauro di monumenti importanti come il Colosseo o il Pantheon. Qui, il giovane si riunisce con Machiavelli, che gli mostra il covo degli Assassini di Roma, fornito loro dall'ufficiale delle truppe papali, Fabio Orsini, e gli rivela di essere a corto di alleati: Ezio ristabilisce i rapporti con Bartolomeo d'Alviano, anche lui a Roma, assicurandosi la sua forza militare, mentre Claudia prende in gestione le cortigiane del bordello "La Rosa in Fiore". Ezio ritrova anche la Volpe e i suoi ladri, che alla fine riesce a convincere ad allearsi con lui, seppur con qualche difficoltà, dato che il ladro è convinto che Machiavelli sia in realtà un traditore.

Dopo essere venuto a sapere del destino di Caterina Sforza, catturata da Cesare, dalle gilde alleate, che la credono rinchiusa a Castel Sant'Angelo, Ezio decide di infiltrarsi nel castello con l'obiettivo di uccidere sia Rodrigo che Cesare. Tuttavia, il piano fallisce: Cesare ha già lasciato il castello per la conquista di Urbino, mentre Rodrigo non è presente. Ezio riesce a salvare però Caterina e a rinchiudere Lucrezia Borgia, sorella di Cesare con cui l'uomo ha una relazione incestuosa, nella cella della Sforza. Mentre fa ritorno al covo, Ezio incontra Leonardo Da Vinci, costretto a lavorare per Cesare, che gli progetta nuove armi in cambio del suo aiuto nel distruggere le macchine belliche progettate da lui per i Borgia. Questo incarico lo porterà a compiere missioni sui Colli Albani, a Napoli, nella Valnerina e sul Monte Circeo. Ezio decide di sfaldare l'influenza dei Borgia su Roma e, una volta tornato al covo, il giovane, assieme al suo Gran Maestro, Niccolò Machiavelli, decide di ricostruire la Confraternita degli Assassini a Roma, reclutando degli adepti dalla popolazione e addestrandoli uccidendo alcuni volti vicini ai Templari: Malfatto e Silvestro Sabbatini. Ezio, grazie all'aiuto del senatore Egidio Troche, fratello del ciambellano del Papa, scova il suo primo bersaglio: Juan Borgia il Maggiore, banchiere di Cesare, che viene ucciso durante una manifestazione dove sono presenti sia Rodrigo che suo figlio. Dopo Juan, è il turno del barone francese Octavien de Valois, nemico di Bartolomeo ed alleato militare di Cesare. Octavien riesce a rapire la moglie di Bartolomeo, Pantasilea Baglioni, e nel tentativo poi riuscito di salvarla, Ezio lo uccide.

In seguito, il giovane viene informato che Pietro Rossi, un attore che Lucrezia Borgia utilizza come pedina per ingelosire Cesare, ha con sé la chiave per entrare a Castel Sant'Angelo ed Ezio vuole recuperarla. Nel frattempo, però, Cesare progetta di uccidere Pietro, mandandogli contro il suo sicario personale, Micheletto Corella, subito dopo aver fatto uccidere il ciambellano, Francesco Troche, fratello di Egidio, colpevole di aver rivelato al fratello i piani di guerra di Cesare.

Pietro è impegnato in una recita della Passione nel Colosseo e quindi Micheletto decide di avvelenare il vino che, durante la recita, l'uomo assaggia. Ezio si infiltra tra gli attori assieme ai suoi adepti, vestendosi da centurione, e riesce a salvare l'attore, portandolo in tempo da un medico; inoltre, decide di risparmiare Micheletto. Subito dopo, Ezio scopre che è uno dei ladri che era presente a Monteriggioni il traditore: il giovane lo uccide e corre al covo, arrivando appena in tempo per fermare la Volpe, che stava per uccidere Machiavelli, assolutamente convinto che avesse tradito la Confraternita; la Volpe e Machiavelli, quindi, si riappacificano. Dopo aver preso da Pietro la chiave del castello, Ezio, sotto consiglio di Niccolò Machiavelli, si reca ad uccidere definitivamente Cesare e Rodrigo Borgia; quest'ultimo viene però ucciso dallo stesso Cesare, che lo soffoca mettendogli una mela avvelenata in bocca, la stessa arma che Rodrigo voleva usare per togliere di mezzo il figlio. Ezio fa così intrusione nella dimora, dove apprende da Lucrezia Borgia, ormai sotto shock, l'ubicazione del Frutto dell'Eden, che si trova nel Cortile del Belvedere. Dopo averla presa, il giovane la usa per neutralizzare le ultime forze di Cesare Borgia. Dopo un'ultima battaglia tra gli Assassini e i soldati ancora fedeli a Cesare, quest'ultimo viene arrestato da Fabio Orsini, con le accuse di omicidio e di incesto.

Ezio, consultando la Mela, scopre però che Cesare è evaso: si reca quindi a Viana dove, dopo un lungo combattimento, ha la meglio su Cesare e lo getta giù da una muraglia, lasciandolo nelle mani del fato. Tornato a Roma, Ezio nasconde la Mela dell'Eden all'interno di un tempio sotto Santa Maria in Aracoeli, accessibile da una galleria segreta, situata sotto al Colosseo: il Tempio di Giunone. Ezio continua poi il suo incarico come Gran Maestro della Confraternita degli Assassini a Roma, di cui anche la sorella Claudia entra a far parte.

Desmond e gli altri assassini conoscono finalmente il nascondiglio della Mela dell'Eden, dunque partono per Roma. Una volta arrivati sul posto, Desmond entra nella galleria sotto al Colosseo, uscendone fuori a Santa Maria in Aracoeli, dove si ricongiunge con i compagni. Attivato una specie di ascensore nascosto nel pavimento, la squadra entra nel Tempio di Giunone, dove finalmente trova la Mela. Tuttavia, appena Desmond la tocca, la dea prende il controllo del suo corpo. Desmond non riesce a reagire ed è quindi costretto a pugnalare con la lama celata Lucy, che cade a terra in un bagno di sangue, ormai morta. Partono i titoli di coda, durante i quali si sentono le voci di due uomini che decidono di mettere Desmond, sotto shock, dentro all'Animus, nonostante la riluttanza del primo.

Modalità di giocoModifica

Le mosse di Ezio sono le stesse presenti anche nel gioco precedente, solo che ora è possibile usare anche il Paracadute creato da Leonardo Da Vinci per quando Ezio stesso deve calarsi da un'altezza elevata[5].

Per quanto riguarda le caratteristiche di Ezio, ora è molto più grande di età e rispetto a prima ha la barba lunga dalla quale spicca in gran vista il pizzo, ha inoltre due linee d'espressione sulla fronte e i capelli più lunghi e spettinati.

A differenza del secondo capitolo è stato aumentato il numero di armi disponibili, e il modo di acquisirle. In alcuni casi bisognerà trovare degli oggetti sparsi per Roma per poter successivamente comprare un'arma, o nel caso delle armi lunghe, comprare precedentemente il fodero pesante dal Sarto.

MultigiocatoreModifica

La modalità multigiocatore di Assassin's Creed: Brotherhood, disponibile per PC, Xbox 360 e PS3, non è basata su server dedicati. La trama è abbastanza semplice: coloro che giocano sono in realtà dipendenti Abstergo costretti ad allenarsi per apprendere tramite osmosi le antiche tecniche degli Assassini rivivendo i loro ricordi. Sono disponibili diversi personaggi e diverse modalità, individuali (ad esempio Ricercato, dove ogni giocatore ha una preda ed è allo stesso tempo preda di qualcun altro) e a squadre (ad esempio Caccia all'uomo, dove una squadra caccia e l'altra si nasconde, e le parti si invertono a fine turno).

PersonaggiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Assassin's Creed.

Assassini e affiliatiModifica

  • Desmond Miles: discendente di Ezio, è il vero protagonista della serie.
  • Lucy Stillman: responsabile della fuga di Desmond dall'Abstergo, viene uccisa da quest'ultimo mentre è sottomesso al controllo della dea Giunone, probabilmente poiché, siccome la Mela mostra la verità dei fatti, Desmond ha intuito il suo fare doppiogiochista da Templare.
  • Shaun Hastings: storico, anche se non nacque nell'Ordine degli Assassini, si unì a loro quando Rebecca lo salvò dai Templari da giovane.
  • Rebecca Crane: un'Assassina, amica di Lucy e creatrice dell'Animus 2.0 che lei chiama affettuosamente Baby.
  • Altaïr Ibn-La'Ahad: protagonista del primo capitolo. È possibile interagire con la sua statua nel Santuario.
 
Leonardo da Vinci, alleato del protagonista Ezio Auditore
  • Ezio Auditore: è il protagonista del gioco. Il suo nome significa "aquila", dal latino Aetius, a sua volta derivante dal greco Aetos.
  • Claudia Auditore: sorella minore di Ezio. Responsabile del bordello La Rosa in Fiore, successivamente diventa un'Assassina.
  • Maria Auditore: madre di Ezio. Contrariamente al capitolo precedente, in cui rimane quasi sempre muta, incoraggia il figlio nella lotta con i Templari e gestisce la Rosa in Fiore assieme alla figlia Claudia.
  • Mario Auditore: fratello maggiore di Giovanni e zio di Ezio. Signore di Monteriggioni, viene ucciso da Cesare Borgia durante l'assedio del suo borgo il 2 gennaio 1500.
  • Cristina Vespucci: fidanzata di Ezio. Dopo la sua breve apparizione nel secondo capitolo, apparirà nei cinque Ricordi di Cristina.
  • Leonardo da Vinci: famoso genio rinascimentale. Grande amico di Ezio, costruisce per lui degli strumenti basandosi sul codice di Altaïr. Ha un carattere eccentrico e molto amichevole.
  • Niccolò Machiavelli: è considerato uno dei fondatori della scienza politica moderna. Opera insieme a Ezio nella ricrescita di Roma, non appoggiando del tutto le idee di Ezio. Lascia il suo posto di Gran Maestro ad Ezio dopo la Cerimonia di Iniziazione di Claudia.
  • Caterina Sforza: signora di Imola e Forlì, dopo esser fuggita durante l'assedio di quest'ultima viene catturata a Montereggioni da Cesare. Viene liberata a Roma da Ezio.
  • Bartolomeo d'Alviano: condottiero, capo dei mercenari di Roma, membro dell'Ordine degli Assassini.
  • La Volpe: capo della Gilda dei ladri di Roma, membro dell'ordine degli Assassini
  • Fabio Orsini: Ufficiale delle truppe papali, inizialmente è sotto gli ordini di Cesare, ma infine sarà lui ad arrestarlo.
  • Egidio Troche: senatore, fratello del ciambellano del papa, aiuta gli Assassini contro i Borgia.
  • Giovanni Auditore: padre deceduto di Ezio, banchiere e Assassino. Appare in un ricordo di Cristina.
  • Federico Auditore: fratello deceduto maggiore di Ezio. Compare brevemente nelle missioni di Cristina Vespucci, che sono i ricordi di Ezio.
  • Petruccio Auditore: fratellino deceduto di Ezio, per il quale bisognerà trovare 10 piume d'aquila in memoria delle 100 del capitolo precedente.

Templari e affiliatiModifica

  • Il Carnefice: Personaggio misterioso coperto da una maschera, alleato dei Borgia. (Personaggio utilizzabile in modalità Multiplayer)
  • Malfatto: Un uomo che si traveste come un dottore, che assassina le proprie prede senza un motivo, infatti uccide alcune cortigiane. (Personaggio utilizzabile in modalità Multiplayer)
  • Silvestro Sabbatini: operatore dei Borgia per migliorare il proprio stato sociale. (Personaggio utilizzabile in modalità Multiplayer)
  • Lanz: un ragazzo che ruba tra le strade di Roma, il vero nome non è conosciuto. (Personaggio utilizzabile in modalità Multiplayer)
  • Gaspar De La Croix: alleato dei Borgia, rappresenta la prima forma di cecchino conosciuto nella storia. (Personaggio utilizzabile in modalità Multiplayer)
  • Donato Mancini: soldato al soldo dei Borgia, viene ucciso da Ezio per limitare le truppe di Cesare. (Personaggio utilizzabile in modalità Multiplayer)
  • Auguste Oberlin: fabbro al servizio dei Borgia. (Personaggio utilizzabile in modalità Multiplayer)
  • Fra Ristoro: monaco appartenente all'ordine dei Minimi, folle e spietato che non praticava la vita religiosa. (Personaggio utilizzabile in modalità Multiplayer)
  • Lia De Russo: Una donna spietata che utilizza il contrabbando per comunicare con le aziende Templari. (Personaggio utilizzabile in modalità Multiplayer)
  • Fiora Cavazza: Una delle cortigiane della "Rosa in Fiore", passa al servizio di Cesare perché attratta da lui, successivamente lo tradirà passando al fianco di Ezio. (Personaggio utilizzabile in modalità Multiplayer)
  • Seguaci di Romolo: setta religiosa, i cui capi collaborano in segreto con la Chiesa dei Borgia.
 
Cesare Borgia, nemico principale del protagonista Ezio Auditore
  • Juan Borgia il Maggiore: Banchiere della famiglia Borgia, viene ucciso da Ezio per limitare le possibilità economiche di Cesare.
  • Octavien De Valois: Alleato Francese di Cesare, viene ucciso da Ezio dopo aver rapito Pantasilea Baglioni, moglie del suo amico Bartolomeo.
  • Micheletto Corella: Amico di infanzia e successivamente braccio destro di Cesare. Viene risparmiato da Ezio, e fugge da Roma dopo l'arresto di Cesare.
  • Francesco Borgia: Cardinale e membro della famiglia dei Borgia, Francesco appare solo nella missione "Tana di Romolo", all'interno di San Pietro; viene eliminato da Ezio nel piano più alto della Cattedrale.
  • Rodrigo Borgia: Nemico storico di Ezio che appare anche nel capitolo precedente, tenta di uccidere suo figlio con una mela avvelenata, ma rimane vittima della mela lui stesso dopo essere stato aggredito da Cesare. Nel capitolo precedente viene detto da Shaun che ha rapporti incestuosi con sua figlia Lucrezia. Nonostante tenga ancora il ruolo di antagonista si dimostra sempre la voce della ragione, assolutamente convinto dei nobili scopi dei templari e cerca in tutti i modi di frenare gli eccessi del figlio.
  • Lucrezia Borgia: Donna forte che ha una relazione con il fratello Cesare. Dopo la morte del padre Rodrigo, rivela a Ezio dove sia la Mela dell'Eden per impedire a Cesare di prenderne possesso. Viene risparmiata da Ezio.
  • Cesare Borgia: La nemesi finale di Ezio, dopo essere stato arrestato con l'accusa di incesto, riesce a liberarsi e a fuggire. Tenta di riacquistare il suo comando combattendo a Viana nel 1507, dove è presente anche Ezio. Infine i due si battono sulle mura di un castello, e dopo esser stato sconfitto da Ezio gli dice di non poter morire per mano di uomini. Così Ezio lo lascia cadere dalla muraglia, affidando la vita di Cesare nelle mani del Fato: il Borgia muore.

DoppiaggioModifica

[6][7]

Nome personaggio Doppiatore originale Doppiatore italiano
Ezio Auditore Roger Craig Smith Renato Novara
Desmond Miles Nolan North Alessandro Rigotti
Lucy Stillman Kristen Bell Beatrice Caggiula
Shaun Hastings Danny Wallace Matteo Zanotti
Rebecca Crane Eliza Schneider Jenny De Cesarei
Mario Auditore Fred Tatasciore Dario Oppido
Cesare Borgia Andreas Apergis Massimo Di Benedetto
Rodrigo Borgia Manuel Tadros Mario Scarabelli
Lucrezia Borgia Liane Balaban Elena Gianni
Maria Auditore Ellen David Elda Olivieri
Claudia Auditore Angela Galuppo Alice Bongiorni
Niccolò Machiavelli Shawn Baichoo Alessandro Lussiana
La Volpe Vito DeFilippo Lorenzo Scattorin
Bartolomeo d'Alviano Alex Ivanovici Pietro Ubaldi
Caterina Sforza Cristina Rosato Jolanda Granato
Fabio Orsini Gianpaolo Venuta Davide Albano
Pantasilea Baglioni Millie Tresierra Greta Bortolotti
Leonardo Da Vinci Carlos Ferro Ruggero Andreozzi
Salai David Kaye Alessandro Germano
Ercole Massimo Arthur Holden Gigi Rosa
Juan Borgia il Maggiore Harry Standjofski Marco Pagani
Egidio Troche Roberto Accornero
Octavian de Valois Arthur Holden Denis Michalett
Micheletto Corella Tony Calabretta Gianluca Iacono
Federico Auditore Elias Toufexis Paolo De Santis
Niccolò Copernico Vince Benvenuto Luca Sandri
Cristina Vespucci Amber Goldfarb Benedetta Ponticelli
Soggetto 16 Cam Clarke Leonardo Gajo
Giunone Nadia Verrucci Cinzia Massironi
Animus Jennifer Seguin Lorella De Luca
Minerva Margaret Easley Elda Olivieri
Donato Mancini Marco Pagani
Pietro Rossi Maurizio Terrazzano Francesco Mei
Vieri Dé Pazzi Gianpaolo Venuta Federico Zanandrea
William Miles Nick Jameson Claudio Moneta
Warren Vidic Phil Proctor Riccardo Rovatti
Duccio de Luca Shawn Baichoo Stefano Pozzi

La versione italiana, rispetto alla inglese, è meno volgare. Alcuni esempi di ciò, riguardano la moltitudine di parolacce pronunciate in italiano dai civili e dai personaggi nella versione inglese. Nella versione italiana esse sono assenti, o spesso sostituite con parole come "Diamine" o "Diavolo".

SviluppoModifica

  • Il gioco è stato annunciato da Ubisoft il 13 gennaio 2010.[8]
  • Il 23 aprile 2010, Ubisoft registra il dominio Assassin's Creed: Brotherhood.[9]
  • Il 6 maggio 2010, comincia a circolare sul web una cover promozionale destinata alla catena GameStop, relativa ad Assassin's Creed: Brotherhood. Dopo poche ore, Ubisoft conferma che il prossimo capitolo sarà chiamato proprio Assassin's Creed: Brotherhood.[10]
  • Il 10 maggio 2010, Ubisoft ha aperto il sito di Assassin's Creed: Brotherhood accompagnandolo da un teaser e un countdown.[11]
  • Il 18 maggio 2010, Ubisoft ha confermato che Assassin's Creed: Brotherhood avrebbe avuto una beta multiplayer prima della sua pubblicazione.[12]
  • All'E3 2010, Ubisoft pubblica diversi video del gioco ed è stata ufficializzata la data di uscita: 16 novembre 2010.
  • Nella conferenza Sony dell'E3 2010, Ubisoft ha annunciato una beta multiplayer esclusiva per la console PlayStation 3. Il gioco avrà a disposizione dei contenuti extra che saranno disponibili solo su PlayStation 3.[13]
  • Ubisoft dichiara al Comic-Con che la beta multiplayer di Assassin's Creed: Brotherhood sarà avviata a settembre 2010 e il gioco sarà pubblicato il 18 novembre 2010 in Europa.[14]
  • Ubisoft ha confermato alla conferenza del Comic-Con di aver in programma dei contenuti aggiuntivi.[15]
  • Il produttore di Assassin's Creed Brotherhood, Sebastian Puel, dichiara che il gioco è entrato in fase gold e conferma la sua data di uscita per il 18 novembre 2010.[16]
  • Il 16 febbraio, Ubisoft Italia annuncia la data della versione PC: 17 marzo 2011.
  • Il 17 febbraio, Ubisoft annuncia l'uscita del DLC "La scomparsa di Da Vinci", in uscita l'8 marzo 2011 su Xbox 360 ed il 9 marzo per PlayStation 3, al costo di 9,99€ (800 Microsoft Points).[17]
  • Il 17 marzo viene pubblicata la versione PC, contenente numerosi miglioramenti alla grafica.

PromozioneModifica

Ubisoft Italia ha organizzato un Fan Day esclusivo per promuovere questo videogame. Venti persone sono state selezionate tramite un contest email del sito ufficiale per prendere parte a questo evento della durata di due giorni (16 e 17 ottobre 2010) tenutosi a Monteriggioni, la città location del gioco dove la trama ha inizio. Sono stati organizzati dei giochi di ruolo attinenti al mondo di Brotherhood ed è stato fatto provare il titolo. Sono disponibili alcuni coverage dell'evento a cura dei presenti su GameSource, Inside the Netgaming, Lega Nerd, la rivista online Game e due blog.

Edizioni limitateModifica

Le edizioni limitate del gioco sono la Limited Codex Edition, la Collector's Edition (versione destinata al solo mercato americano), la Auditore Edition (versione destinata al solo mercato americano) e la Da Vinci Edition.

Contenuti scaricabili e sbloccabiliModifica

I principali DLC di Assassin's Creed: Brotherhood sono due: La scomparsa di Da Vinci[18] e La questione copernicana[19]. Il primo è un contenuto multipiattaforma, che oltre ad aggiungere 8 missioni e due luoghi templari segreti per il giocatore singolo, consente anche di sbloccare elementi per il multiplayer. Il secondo DLC invece è un'esclusiva per Play Station 3 e contiene otto missioni per il giocatore singolo.

Il 14 dicembre 2010 fu reso disponibile il primo pacchetto gratuito chiamato Animus Project Update 1.0, il quale aggiungeva una nuova modalità per il multiplayer, ovvero una versione evoluta e complessa di Alleanza con un radar meno efficace, dove bisogna controllare un templare e cooperare con un altro giocatore per uccidere o difendersi dalle squadre avversarie, inoltre lo stesso pacchetto conteneva la mappa di Mont Saint-Michel[20].

Il 19 gennaio 2011 uscì il secondo pacchetto gratuito denominato Animus Project Update 2.0, che inseriva come nuova mappa multiplayer, Pienza, e la modalità "Caccia ai forzieri" nella quale squadre composte da tre giocatori avranno il compito di proteggere o di impadronirsi degli scrigni dorati, oltre a ciò fu inserita un ulteriore opzione chiamata "Grado Templare", che rivelava i risultati ottenuti dagli altri giocatori nel corso dell'ultimo mese e che si aggiornava settimanalmente[21].

Assassin's Creed: The Ezio CollectionModifica

Il 17 novembre 2016 è uscita Assassin's Creed: The Ezio Collection, che ripropone, in versione rimasterizzati, Assassin's Creed II, Assassin's Creed: Brotherhood, Assassin's Creed: Revelations' e tutti i DLC disponibili per PlayStation 4 e Xbox One.

AccoglienzaModifica

VenditeModifica

Il gioco ha superato il milione di copie vendute in meno di una settimana dalla distribuzione, record di miglior incasso in poco tempo. Assassin's Creed: Brotherhood è diventato così il titolo europeo di Ubisoft venduto più velocemente di sempre. È anche il titolo Ubisoft con il miglior lancio in Europa ed è stato anche il titolo più venduto alla distribuzione al novembre 2010. Nel maggio 2011 Ubisoft ha annunciato che il gioco aveva superato le 8 milioni di copie vendute[22] e aiutato la serie Assassin's Creed a raggiungere le 28 milioni di copie vendute.[23]

CriticaModifica

Assassin's Creed: Brotherhood ha ricevuto valutazioni molto positive sia dalla critica italiana che da quella estera, in questo elenco i principali siti specializzati:

Pubblicazione Voto
GameInformer 9.25/10[24]
computerandvideogames.com 92%[25]
Gamesource.it 8.6/10[26]
Gameplayer.it 85/100[27]
Gamesurf.it 9/10[28]
EuroGamer 10/10[29]
Multiplayer.it 95/100[30]
Spaziogames.it 8.8/10[31]
RecensioniVideogiochi.it 9.5/10[32]

La rivista Play Generation lo classificò come il migliore titolo d'avventura[33] e migliore online[34] del 2010.

Altri mediaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Assassin's Creed: Ascendance.

Come già era avvenuto per Assassin's Creed II con Assassin's Creed: Lineage, il 16 novembre è stato pubblicato su PlayStation Store e Xbox LIVE Assassin's Creed: Ascendance un film d'animazione creato dall'Ubi Workshop ambientato prima della trama di Brotherhood, che racconta gli avvenimenti che hanno spinto Ezio a spostarsi a Roma.

NoteModifica

  1. ^ Assassin's Creed: Brotherhood, Roma è la città più grande mai costruita per la serie
  2. ^ Se compro AC Brotherhood ci capisco qualcosa non avendo AC e AC 2?, in Play Generation, n. 63, Edizioni Master, febbraio 2011, p. 81, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  3. ^ Datato Assassin's Creed: Brotherhood, su spaziogames.it. URL consultato il 15 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2010).
  4. ^ Il futuro degli assassini, in Play Generation, n. 63, Edizioni Master, febbraio 2011, p. 81, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  5. ^ Assassin's Creed: Brotherhood, in Play Generation, n. 67, Edizioni Master, giugno 2011, p. 77, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  6. ^ AntonioGenna.net presenta: IL MONDO DEI DOPPIATORI - EXTRA: VIDEOGAMES "Assassin's Creed: Brotherhood"
  7. ^ Assassin's Creed: Brotherhood (Video Game 2010) - Full Cast & Crew - IMDb
  8. ^ Assassin's Creed III ambientato a Roma, su spaziogames.it. URL consultato il 10 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2010).
  9. ^ Ubisoft registra nuovi domini per Assassin's Creed e Driver
  10. ^ Confermato AC: Brotherhood, su spaziogames.it. URL consultato il 10 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2010).
  11. ^ Teaser e countdown
  12. ^ Beta multiplayer per Assassin's Creed: Brotherhood
  13. ^ AC: Brotherhood MP beta esclusiva PS3, su spaziogames.it. URL consultato il 15 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2010).
  14. ^ Data per beta di AC: Brotherhood, su spaziogames.it. URL consultato il 24 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2010).
  15. ^ DLC programmati per Assassin's Creed: Brotherhood
  16. ^ Assassin's Creed Brotherhood è gold, su spaziogames.it. URL consultato il 29 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2010).
  17. ^ Ubisoft annuncia il primo DLC per il Single Player.
  18. ^ Assassin's Creed: Brotherhood, in Play Generation, n. 66, Edizioni Master, maggio 2011, p. 72, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  19. ^ AC: Brotherhood, comincia il valzer dei DLC, in Play Generation, n. 62, Edizioni Master, gennaio 2011, p. 75, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  20. ^ Assassin's Creed: Brotherhood, in Play Generation, n. 63, Edizioni Master, febbraio 2011, p. 72, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  21. ^ AD Brotherhood Animus Update 2.0, in Play Generation, n. 65, Edizioni Master, aprile 2011, p. 64, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  22. ^ UBISOFT REPORTS THIRD-QUARTER 2010-11 SALES, Ubisoft, 14 febbraio 2011. URL consultato il 14 febbraio 2011.
  23. ^ 'Big Assassin's Creed game' confirmed for 2011, Computer and Video Games, 26 novembre 2010. URL consultato il 26 novembre 2010.
  24. ^ Recensione GameInformer, su spaziogames.it. URL consultato il 9 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2013).
  25. ^ Recensione computerandvideogames, su computerandvideogames.com.
  26. ^ Recensione gamesource. URL consultato il 9 aprile 2013.
  27. ^ Recensione Gameplayer, su gameplayer.it. URL consultato il 9 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2010).
  28. ^ Recensione Gamesurf, su gamesurf.tiscali.it. URL consultato il 9 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2011).
  29. ^ Recensione Eurogamer, su eurogamer.net. URL consultato il 9 aprile 2013.
  30. ^ Recensione Multiplayer.it, su multiplayer.it. URL consultato il 9 aprile 2013.
  31. ^ Recensione Spaziogames, su spaziogames.it. URL consultato il 9 aprile 2013 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2013).
  32. ^ Recensione RecensioniVideogiochi.it, su recensioni-videogiochi.it. URL consultato il 9 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2015).
  33. ^ Vota i migliori del 2010!, in Play Generation, n. 64, Edizioni Master, marzo 2011, p. 21, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  34. ^ Vota i migliori del 2010!, in Play Generation, n. 64, Edizioni Master, marzo 2011, p. 24, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN292557547 · BNF (FRcb166279803 (data)