Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il tribunale dell'ordinamento italiano, vedi Corte d'Assise.

Le assise sono una seduta di particolari tribunali specialmente negli ordinamenti del diritto romano, medievale e italiano. Vengono definite assise anche le assemblee pubbliche che venivano convocate per formare le leggi e giudicare le liti[1].

Indice

Le assise romaneModifica

Originariamente, nell'antica Roma, le assise (latino: assisia, da assidere, "sedere") indicavano le sedute di giudici nei municipi.

Le assise medievaliModifica

In seguito, nel corso del Medioevo, il termine passò ad indicare le sedute delle corti feudali, cioè le riunioni dei signori feudali e dei loro vassalli, aventi funzioni giurisdizionali. In tale contesto le assise rappresentavano non soltanto la seduta del tribunale, ma le decisioni stesse da questo assunte, con valenza sia giudiziaria che legislativa. In età normanna nacquero le Curiae generales.

Alcune famose decisioni di simili assemblee sono le:

Le assise possono inoltre essere riferite alle raccolte stesse delle decisioni emanate dalle corti feudali.

Le assise nell'odierno ordinamento italianoModifica

Oggigiorno, nell'ordinamento giudiziario italiano, le assise indicano la seduta di un particolare tribunale, la Corte d'Assise, composto di giudici togati e popolari. Questo tribunale compare nei due gradi di:

  • Corte d'Assise (tribunale di prima istanza)
  • Corte d'Assise d'appello (tribunale di seconda istanza)

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica