Apri il menu principale
AH Como
Hockey su ghiaccio Ice hockey pictogram.svg
Lariani
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Trasferta
Colori sociali
Bianco-blu
Simboli Un bastone da hockey su ghiaccio
Dati societari
Città Como-Stemma.png Como
Paese Italia Italia
Confederazione IIHF
Federazione FISG
Campionato Serie B
Fondazione 1971
Presidente Italia Luca Ambrosoli
Allenatore Russia Petr Malkov
Impianto di gioco Palaghiaccio Casate
(2 500 posti)
Sito web www.hockeycomo.it
Palmarès
Titoli nazionali 1 Campionato di Serie B1
1 Campionato di Serie C
Si invita a seguire lo schema del Progetto Hockey su ghiaccio

L'Associazione Hockey Como, più spesso nota come Hockey Como, è una squadra di hockey su ghiaccio italiana, con sede a Como.

Fondata nel 1971, milita per la stagione 2017-2018 in Italian Hockey League, il secondo livello del campionato italiano di hockey su ghiaccio.

Indice

StoriaModifica

Gli anni in Serie BModifica

La società viene fondata nel 1971 da un gruppo di "fuoriusciti" dei Diavoli Milano: Mario Bedogni, Marco Lusena, Luigi Rivolta, Andrea Lusena, Sergio Freda e Cesare Bressan, che costituiscono la sezione hockey in seno all'Ice Club Como. La squadra si iscrive al campionato di Serie B per la stagione 1971-1972, concludendo al 3º posto, risultato bissato nella stagione successiva[1].

Nel 1973 arriva il canadese Wayne Radomsky, proveniente da Edmonton, il primo straniero del Como. Nel 1975-1976 i lariani chiudono il campionato cadetto al 2º posto, alle spalle del Valpellice, che conquista la promozione in Serie A all'ultima giornata. Due anni più tardi viene terminata la copertura dello stadio di Casate e inizia l'attività della seconda formazione cittadina, l'Amatori Sport Ghiaccio Brianza[1].

La stagione 1979-1980 vede una squadra interamente composta da giocatori italiani, mentre nella stagione successiva l'innesto del canadese Steve Dabuss porta il Como al 4º posto. Successivamente, viene ingaggiato come allenatore-giocatore Craig Tresham e quindi, nel 1983, Rudi Hiti: sotto la guida di quest'ultimo i lariani vengono promossi in Serie A per la prima volta nella loro storia[1].

Tre stagioni in Serie AModifica

La stagione in Serie A si conclude con l'immediata retrocessione della squadra, diretta in panchina dallo svizzero Roberto Mazzetti. Per la Serie B 1985-1986 il Como guidato dallo statunitense Bradley Kwong raggiunge la finale per la promozione in Serie A, venendo sconfitto dal Renon. Dopo due stagioni chiuse al 3º posto, il Como vince il torneo cadetto nel 1988-1989, ma successivamente rinuncia alla promozione in Serie A e si fonde con i Devils Milano, fusione che durerà - con alterne fortune - per tre anni[1].

Nel 1991-1992, la squadra azzurra domina la regular season di Serie B2, ma chiude i play-off al 4º posto. L'anno seguente si iscrive al torneo di Serie B1, dove raggiunge il 7º posto, per poi terminare tre campionati tutti al terzo gradino del podio. La riforma dei campionati porta il Como a partecipare alla Serie A nel particolare campionato 1996-1997, chiudendo all'ultimo posto e retrocedendo dopo una sola stagione[1].

Due anni dopo la formazione azzurra conquista per la seconda volta nella sua storia la promozione in Serie A, torneo che vede nella stagione 1999-2000 i lariani chiudere al 2º posto nel gruppo C, 9° complessivo[1].

Gli ultimi anniModifica

Nel 2000-2001 il club si iscrive al campionato di Serie C. Inizia un periodo di difficoltà che vede la prima squadra inattiva per ben tre delle successive 4 stagioni. Dal 2005 la società partecipa regolarmente al campionato di Serie C, con la sola eccezione del torneo 2007-2008 nel quale, ancora una volta, non è stata formata la prima squadra. In quella stagione un successo importante è arrivato dalla formazione Under-16, che si è laureata campione d'Italia[2]. Lo sponsor nel 2008 è Ostinelli Seta.

Nella stagione 2009-2010 la formazione Under-15 è stata vice-campione d'Italia, un risultato particolarmente importante poiché si è trattato della prima squadra al di fuori dell'Alto Adige a raggiungere tale traguardo. I due fratelli Giovanni e Paolo Morini vennero convocati nelle selezioni Nazionali Under-18 e Under-20[3]. Sempre in quella stagione è stato firmato un accordo di collaborazione con l'Hockey Milano Rossoblu per il settore giovanile Under-20, che le due società hanno gestito in comune[4].

Il 31 luglio 2012 è stato annunciato l'ingaggio del ceco Karel Blažek come allenatore[5]. La squadra, sponsorizzata Ambrosoli, conclude la stagione regolare al 6º posto[6] e si qualifica per i play-off, venendo eliminata al primo turno dall'Alleghe[7].

Nella stagione 2016-2017 la categoria under 16 ha conquistato la coppa Italia battendo l'Appiano 3-2 e il Valdifiemme 6-5. Alla guida della squadra l'allenatore ucraino Petr Malkov.

CronistoriaModifica

Cronistoria dell'Associazione Hockey Como



  • 2000-2001: 1° nel girone C di Serie C. Perde la semifinale dei play-off contro il Laces (2-3).
  • 2001-2002: non iscritto al campionato
  • 2002-2003: non iscritto al campionato
  • 2003-2004: 4° in Serie C
  • 2004-2005: non iscritto al campionato
  • 2005-2006: 7° in Serie C
  • 2006-2007: 11° in Serie C
  • 2007-2008: non iscritto al campionato
  • 2008-2009: 7° in Serie C
  • 2009-2010: 6° in Serie C

Eliminata nel girone di qualificazione di Coppa Italia
  • 2017-2018: 9° in IHL
Eliminata nel turno preliminare di Coppa Italia
  • 2018-2019: 10° in IHL.   Retrocesso in IHL - I Division;   riammessa poi in IHL per aumento dell'organico.[8]
Eliminata nel turno preliminare di Coppa Italia
  • 2019-2020: in IHL

Colori e simboliModifica

Colori socialiModifica

I colori sociali dell'Hockey Como sono il bianco ed il blu. Nella divisa sono spesso utilizzati insieme al rosso.

EmblemaModifica

Lo stemma sociale raffigura un bastone da hockey su ghiaccio stilizzato, con all'interno la scritta HOCKEY COMO. A fianco, le iniziali HC.

PistaModifica

Il Como gioca le partite casalinghe al Palaghiaccio Casate, impianto costruito nel 1970 e sito nella frazione di Casate, al confine tra il capoluogo e San Fermo della Battaglia.

La struttura, dotata di copertura integrale, ha una capienza di 2 500 posti. Negli ultimi anni è stata al centro di diverse polemiche per via dell'inquinamento acustico ai danni delle abitazioni vicine[9], contenzioso risolto nel 2012 con l'inizio dei lavori di ristrutturazione ed insonorizzazione dell'impianto, per un costo complessivo di 180 000 euro[10].

AllenatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dell'HC Como

Giocatori celebriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Hockeisti su ghiaccio dell'HC Como

PalmarèsModifica

Statistiche e recordModifica

Partecipazione ai campionatiModifica

In 39 stagioni sportive a partire dall'incardinamento nel sistema della FISG nel 1971 con un primo torneo di Serie B. Sono escluse le stagioni 2001-2002, 2002-2003, 2004-2005 e 2007-2008 nelle quali non ha preso parte a nessun campionato.

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie A 2 1984-1985 1999-2000 3
Serie A2 1 1996-1997
Serie B 17 1971-1972 2016-2017 27
Serie B1 7 1987-1988 1995-1996
Serie A2 1 1998-1999
Italian Hockey League 2 2017-2018 oggi
Serie B2 1 1991-1992 12
Serie B 2 1997-1998 2017-2018
Serie C 9 2000-2001 2012-2013

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f I nostri primi 40 anni, hockeycomo.it. URL consultato il 15 settembre 2012.
  2. ^ Hockey, Bertotto racconta il suo tricolore Under 16, laprovinciadicomo.it, 14 marzo 2008. URL consultato il 16 settembre 2012.
  3. ^ Riccardo Morelli, Hockey Como - quarant'anni sul ghiaccio, in il Comasco, dicembre 2010, p. 23.
  4. ^ Milano e Como, insieme per il futuro, hockeytime.net, 24 giugno 2009. URL consultato il 16 settembre 2012.
  5. ^ Hockey Como: l'esperienza del ceco Karel Blazek per ripartire, lariosport.it, 31 luglio 2012. URL consultato il 16 settembre 2012.
  6. ^ Hockey Ghiaccio, serie C: Ora troppo forte, Como Ambrosoli sconfitto, lariosport.it, 25 febbraio 2013.
  7. ^ Hockey Ghiaccio, serie C: Alleghe passa anche a Casate, Como fuori dai playoff, lariosport.it, 4 marzo 2013.
  8. ^ IHL Division I stagione 2019-20 ed Hockey Como in IHL, su hockeytime.net, 5 giugno 2019. URL consultato il 12 giugno 2019.
  9. ^ Marco Depaoli, Buone nuove per il travagliato ghiaccio di Como, hockeytime.net, 27 settembre 2011. URL consultato il 16 settembre 2012.
  10. ^ Marco Depaoli, Casate - L'incubo per l'hockey a Como sta per finire, hockeytime.net, 13 settembre 2012. URL consultato il 16 settembre 2012.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica