Associazione Polisportiva Turris Calcio Associazione Sportiva Dilettantistica

AP Turris Calcio ASD
Calcio Football pictogram.svg
Turris Logo.png
Corallini, Torresi
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Rosso con T Rossa e Verde.png Rosso corallo
Dati societari
Città Torre del Greco
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie D
Fondazione 1944
Rifondazione 2012
Presidente Italia Antonio Colantonio
Allenatore Italia Vincenzo Potenza
Stadio Amerigo Liguori
(5.300[1] posti)
Sito web www.turriscalcio.it
Palmarès
Coppa Italia serie D
Trofei nazionali 1 Coppe Italia Serie D
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Polisportiva Turris Calcio Associazione Sportiva Dilettantistica,[2] meglio nota come Turris, è una società calcistica italiana fondata nel 1944 con sede nella città di Torre del Greco. Il colore sociale del sodalizio è il rosso corallo.

Nella sua storia conta una lunga militanza nei campionati professionistici (oscillando tra Serie C/C1 e C2) per 30 anni consecutivi a partire dalla stagione 1970-1971 fino al campionato 2000-2001.

La squadra disputa le gare interne allo Stadio Amerigo Liguori e dalla stagione 2015-2016 milita in Serie D, il quarto livello del campionato italiano.

Indice

StoriaModifica

Dalle origini agli anni cinquantaModifica

Il 10 settembre 1944, grazie ad alcuni soci, nacque la Turris dalle ceneri della U.S. Torrese, sorta nel 1920 e sparita con la seconda guerra mondiale che vanta nella stagione 1931-32 un campionato campano di Seconda Divisione vinto.[3][4] Al Gran Caffè Palumbo all'interno della Villa Comunale si incontrarono Francesco Coscia, Raffaele Carbone, Amerigo Liguori (futuro sindaco della città a cui in seguito fu dedicato lo stadio) e l'arbitro Aniello Mazza per concretizzare la nascita della Turris, che venne iscritta il 9 dicembre come Società Polisportiva Turris al campionato di Prima Divisione.

Il primo organigramma societario della Turris era composto da: Amerigo Liguori come presidente, dai Vicepresidenti Raffale Carbone e Ciccio Ausiello dal segretario Aniello Lullo, dal vicesegretario Francesco Coscia, dal Direttore Sportivo Luigi Gentile, dal Cassiere Antonio Coppa e dai consiglieri Vincenzo Malvone, Vincenzo Nocito, Ettore Palomba, Filippo Raiola, Pasquale Romito, Eduardo Russo e Giuseppe Sorrentino. La panchina, invece, veniva gestita da Giovanni Del Gatto e Pasquale Suarato.[3][4] Al termine della stagione, la squadra venne ripescata in Serie C.

Nella stagione successiva la Turris si classificò al secondo posto nel proprio girone di Serie C, ma terza in quello finale, mancando così la promozione.

Nella stagione 1947-1948, la panchina fu affidata a Renato Vignolini[4] e la squadra ottenne il terzo posto. Nella stagione successiva la panchina venne affidata a Giacomo Busiello[4], e la squadra terminò al sesto posto.

Il 12 novembre 1950 fu inaugurato, dall'onorevole Leopoldo Rubinacci, lo stadio comunale il quale, nel 1952 verrà intitolato ad Amerigo Liguori, che fu anche presidente del club.[4]

Nel 1951 il presidente Amerigo Liguori morì a seguito di un infarto, fu succeduto da Giovanni Apa, e nella stagione 1951-1952, la squadra ottenne una promozione in IV Serie.[4]

Nella stagione 1951-1952 come allenatore vi fu Arnaldo Sentimenti e la squadra ottenne il quinto posto nella IV Serie.[4] Ottenne lo stesso piazzamento nel campionato successivo, mentre nella stagione 1955-1956 la squadra retrocesse in Promozione.

Dagli anni sessanta agli anni ottantaModifica

 
Formazione della Turris nella stagione 1968-1969

La squadra rimase per diverse stagioni in Prima Categoria, fino al 1966-1967, quando ottenne un ripescaggio in Serie D.

 
Formazione corallina della stagione 1969-1970

Nella stagione 1969-1970 si piazzò prima nel proprio girone di Serie D, ma in seguito a tre punti di penalizzazione, dovuto ad un illecito sportivo[4], non venne promossa. Promozione che giunse l'anno successivo:[4] La Turris tornò quindi in Serie C e nella stagione 1972-1973 si classificò terza.

Nella stagione 1978-1979 la squadra partecipò al primo torneo della neonata Serie C1. La stagione seguente è invece quella della retrocessione in Serie C2. Il club rimase in tale categoria per 13 stagioni consecutive, fino al 1994 dove fu ripescata in Serie C1.

 
Formazione corallina nella stagione 1978-1979

Gli anni novantaModifica

Nei primi anni novanta la Turris militò in Serie C2, classificandosi sempre a metà classifica nelle prime quattro stagioni. Tuttavia nella stagione 1993-1994 si piazzò seconda, dietro al Trapani. Perse la finale play-off contro il Sora, giocata a Perugia, ma venne comunque ripescata in Serie C1 per il fallimento del Potenza che sparì dal calcio professionistico.

Al primo campionato in terza serie i corallini terminarono la stagione al sedicesimo posto perdendo le finali play-out contro il Casarano. In estate tuttavia ottennero un ripescaggio. La stagione seguente si sviluppò sulla falsariga di quella appena conclusa e dopo un sedicesimo posto in regular season, i play-out, persi contro il Trapani, sancirono la retrocessione in Serie C2.

La stagione 1996-1997, nonostante un inizio non molto positivo, vide la Turris classificarsi terza arrivando quindi a dover disputare i play-off per il salto di categoria. Il Catania fu superato in semifinale grazie ad un pareggio a reti inviolate all'andata giocata in Sicilia e ad una vittoria di misura maturata nella gara di ritorno giocata allo Stadio Partenio di Avellino. La finale si giocò il 15 giugno 1997 ancora nella città irpina, contro il Benevento. La Turris riuscì ad imporsi per 2-0 tornando così in Serie C1 a distanza di un anno.

La stagione successiva, 1997-1998, non si aprì in modo favorevole, perché cominciò col derby contro il Savoia che si concluse con la vittoria degli oplontini. Ne seguirono altri risultati non positivi che costrinsero i corallini a disputare ancora una volta i play out, questa volta contro la Lodigiani; la disputa vide imporsi la compagine romana con un doppio 2-1 che costrinse i campani ad una nuova retrocessione in quarta serie.

La stagione 1998-1999 si concluse con i corallini al quinto posto, e quindi qualificatisi ai play-off. L'avversario fu il Messina che prevalse nel doppio confronto dopo un 1-1 all'andata giocata in Campania ed una vittoria di misura ottenuta al ritorno in terra sicula. Nella stagione seguente, la Turris si classifica sedicesima, arrivando così a dover giocarsi la permanenza della categoria ai play out. L'avversario di turno fu il Nardò, battuto grazie ad una vittoria per 2-1 nel match di andata e ad un pareggio per 2-2 nella partita di ritorno.

Gli anni duemilaModifica

Nella stagione 2000-2001 i corallini persero i play out contro il Tricase retrocedendo in Serie D. Nella stagione seguente, sotto la presidenza di Domenico Pesce, si classificano clamorosamente all'ultimo posto retrocedendo in Eccellenza. La stagione successiva andò ancora peggio: la Turris retrocesse in Promozione ed infine fallì.

La rinascita avvenne nel 2003-2004, quando un gruppo di imprenditori locali acquistarono il titolo sportivo di Eccellenza del Gaudianum (della città di Qualiano) iscrivendo la squadra al campionato con la nuova denominazione Gaudianum Torrese. La stagione si concluse al terzo posto dietro Acerrana ed Ischia. In estate la presidenza acquisì mediante fusione il titolo di Serie D dell'Ercolanese, e a tale operazione seguì un nuovo cambio di nome: ritornò la Turris.

Le successive due stagioni del club furono tranquille, mentre nella stagione 2006-2007, alla fine del girone di andata, la Turris si ritrovò al 15º posto, ma a gennaio 2007 la società venne acquistata dal commerciante Cirillo, e con il passaggio di proprietà si ebbe anche una svolta a livello agonistico, giacché la squadra corallina passò dal 15º all'8º posto finale, sfiorando i play-off promozione.

La stagione 2007-2008 partì con buoni propositi: nel girone d'andata la Turris fu quinta, ma in quello di ritorno si registrò un declino che condusse i corallini all'8º posto sotto la guida prima di La Scala, poi di Merolla e infine di Urban.

Nella stagione 2008-2009 la Turris venne acquistata dal commerciante Rosario Gaglione che assunse come tecnico Sergio La Cava. In campionato non partì molto bene ma pian piano la squadra cominciò a risalire la china. Al termine del torneo si piazzò al 5º posto assieme all'Ischia a 53 punti. Si sarebbe dovuto giocare uno spareggio in campo neutro per decidere chi avrebbe disputato i play-off. Ma tre giorni prima della partita la FIGC restituì all'Ischia il punto di penalizzazione che le aveva precedentemente attribuito per irregolarità finanziarie. Lo spareggio allora non si giocò e la Turris restò pertanto fuori dai play off.

La stagione 2009-2010 si chiuse invece con un tranquillo 11º posto, concludendo il torneo con la peggior difesa ma la migliore coppia d'attacco della Serie D grazie alle reti di Giulio Russo (23 gol) e Giovanni Longobardi (16 gol).

Gli anni duemiladieciModifica

Nella stagione 2010-2011 la Turris si classificò al quinto posto al termine del campionato, qualificandosi ai play off del proprio girone, entrandovi direttamente dalle semifinali nazionali in qualità di finalista della Coppa Italia di Serie D (persa per 1-0 contro il Perugia, vincitore del proprio girone e quindi già promosso in Lega Pro Seconda Divisione). La Turris eliminò in semifinale il SandonàJesolo pareggiando 2-2 in Veneto e 0-0 a Torre del Greco ma fu poi sconfitta in finale dal Rimini 3-1 ai tiri di rigore (0-0 al 90').

La stagione 2011-2012 si concluse invece con un 6º posto finale senza acuti, con la squadra corallina che tentò di raggiungere il 5º posto valido per la disputa dei play off di categoria persi all'ultima giornata a causa di un pareggio contro il club di Francavilla sul Sinni.

Il 3 luglio 2012 il titolo sportivo del Neapolis Mugnano del presidente Mario Moxedano venne portato a Torre del Greco (con il conseguente spostamento del titolo F.C. Turris 1944 A.S.D. a Nola) e la squadra il 12 luglio 2012 si iscrisse al campionato di Serie D 2012-2013 con il nome di Torre Neapolis[5]. La stagione 2012-13 vide la Turris lottare per il vertice per gran parte del campionato, giocandosi da seconda in classifica la possibilità di scavalcare la Torres capolista. In un "Liguori" con un discreto seguito di corallini, il match si concluse con la vittoria per 2-0 dei sardi, sicché la Turris fu costretta al secondo posto. Tutt'altra storia capitò in Coppa Italia, i corallini dopo una cavalcata trionfale arrivarono alla finale per il titolo del 19 maggio allo Stadio Renato Curi di Perugia dove gli uomini di Mr. Fabiano superarono per 3-1 il Delta Porto Tolle aggiudicandosi la Coppa Italia di Serie D, con le reti di Vitale, Gasparini e Salvati. Grazie al risultato conseguito, la squadra di Torre del Greco si qualificò per le semifinali play off, dove però fu sconfitta ed eliminata dalla Casertana.

All'inizio della stagione 2013-2014 la società fu rinominata F.C. Turris Neapolis 1944 in attesa del ritorno del classico nome di "FC Turris 1944" per il quale bisognava attendere, da regolamento ancora un anno.[6] Di fatto il cambio di denominazione non avvenne mai, poiché al termine della stagione regolare chiusa al terzo posto, e dopo essere stati eliminati al primo turno dei play off, il presidente Mario Moxedano, decise di non continuare la sua avventura a Torre del Greco, riportando il titolo a Mugnano, rifondando il Football Club Neapolis.

Nella stagione 2014-2015 si rischiò di non vedere iscritta la Turris a nessun campionato. Il nuovo presidente Giuseppe Giugliano ed il direttore sportivo (nonché ex calciatore della stessa Turris) Francesco Vitaglione andarono alla ricerca di un titolo sportivo disponibile per iscrivere la squadra in Serie D. Visti i tempi ristretti e la indisponibilità di titoli acquisibili, purtroppo ciò non avvenne. Non restò quindi che optare per un titolo di categoria inferiore, l'Eccellenza. Inizialmente sembrò chiuso l'accordo con il Sant'Agnello[7] che invece non si concretizzò per problemi burocratici, ma in seguito si accordò in extremis per il titolo del Miano[8]. Per le norme federali i termini per il cambio di denominazione erano ormai scaduti e così, nonostante la società utilizzasse il marchio "Turris" [9], risulta ufficialmente iscritta al campionato di Eccellenza Campania con la denominazione A.S.D. Miano[10]. Il 12 aprile 2015, al termine di un'estenuante testa a testa con la Sessana, vince il campionato regionale con una giornata di anticipo, ritornando nella quarta serie nazionale dopo un anno.

Nel luglio 2015 la società si fonde con la "Pietro Abbate", riportando dunque la sede sociale a Torre del Greco e acquisendo la denominazione di "AP Turris Calcio ASD", in richiamo alla storica Polisportiva Turris degli anni settanta.[11]. L'obiettivo è un campionato di assestamento nella nuova Serie D, dopo la promozione dell'anno precedente. La stagione termina con la squadra corallina che conquista la salvezza all'ultima gara di campionato grazie al pareggio con il Picerno per 2-2.

Nella stagione 2016-2017 la squadra chiude ottava in campionato.

CronistoriaModifica

Cronistoria dell'Associazione Polisportiva Turris Calcio Associazione Sportiva Dilettantistica
  • 1944 - Fondazione della Polisportiva Turris, che si iscrive al campionato di Prima Divisione Campania.
  • 1945-1946 - 1ª nel girone A della Prima Divisione Campania. Ammessa al girone semifinale: arriva 2ª nel girone semifinale B. 2ª nel girone finale B.   Ripescata in Serie C a completamento organici.
  • 1946-1947 - 2ª nel girone A della Lega Interreg. Sud di Serie C. Ammessa al girone finale: arriva 3ª.
  • 1947-1948 - 5ª nel girone R della Lega Interreg. Sud di Serie C.   Retrocessa nella nuova Promozione.
  • 1948-1949 - 3ª nel girone M della Lega Interreg. Sud di Promozione.
  • 1949-1950 - 6ª nel girone M della Lega Interreg. Sud di Promozione.
  • 1950-1951 - 1ª nel girone M della Lega Interreg. Sud di Promozione. Ammessa al girone finale: arriva 3ª.
  • 1951-1952 - 5ª nel girone M della Lega Interreg. Sud di Promozione. Ammessa nella nuova IV Serie.
  • 1952-1953 - 5ª nel girone H della IV Serie. Inaugura lo stadio "A. Liguori" il 12 novembre 1952.
  • 1953-1954 - 5ª nel girone G della IV Serie.

  • 1954-1955 - 14ª nel girone H della IV Serie.
  • 1955-1956 - 17ª nel girone H della IV Serie.   Retrocessa in Promozione.
  • 1956-1957 - 5ª nel girone B della Promozione Campania-Molise. Ammessa nel nuovo Campionato Dilettanti.
  • 1957-1958 - 2ª nel girone C del Campionato Dilettanti Campania.
  • 1958-1959 - 4ª nel girone B del Campionato Dilettanti Campania. Ammessa nella nuova Prima Categoria.
  • 1959-1960 - 9ª nel girone B della Prima Categoria Campania.
  • 1960-1961 - 1ª nel girone B della Prima Categoria Campania. Ammessa alle finali per il titolo: arriva 2ª nella classifica finale.
  • 1961-1962 - 2ª nel girone C della Prima Categoria Campania.
  • 1962-1963 - 2ª nel girone B della Prima Categoria Campania.
  • 1963-1964 - 2ª nel girone B della Prima Categoria Campania.

  • 1964-1965 - 3ª nel girone B della Prima Categoria Campania.
  • 1965-1966 - 1ª nel girone B della Prima Categoria Campania. Ammessa alle finali per il titolo: arriva 3ª nella classifica finale.
  • 1966-1967 - 2ª nel girone B della Prima Categoria Campania.   Ripescata in Serie D per ampliamento della categoria.
  • 1967-1968 - 8ª nel girone G della Serie D.
  • 1968-1969 - 2ª nel girone G della Serie D. Perde lo spareggio promozione contro il Sorrento.
  • 1969-1970 - 2ª nel girone G della Serie D per penalizzazione per illecito sportivo.
  • 1970-1971 - 1ª nel girone G della Serie D.   Promossa in Serie C.
  • 1971 - Il club cambia denominazione in Associazione Polisportiva Turris.
  • 1971-1972 - 8ª nel girone C della Serie C.
  • 1972-1973 - 3ª nel girone C della Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Semifinalista di Coppa Italia Semiprofessionisti.

Fase a gironi di Coppa Italia Semiprofessionisti.
  • 1975 - Il sodalizio cambia denominazione in Associazione Calcio Turris.
  • 1975-1976 - 10ª nel girone C della Serie C.
  • 1976-1977 - 7ª nel girone C della Serie C.
6ª nel girone italiano della Coppa Anglo-Italiana.[12]
 ? di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Fase a gironi di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Semiprofessionisti.
 ? di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie C.
  • 1984 - La società assume denominazione di Calcio Turris.
  • 1984-1985 - 4ª nel girone D della Serie C2.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
 ? di Coppa Italia Serie C.
  • 1987 - Il sodalizio cambia denominazione in Football Club Turris 1944.
  • 1987-1988 - 7ª nel girone D della Serie C2.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
 ? di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Primo turno di Coppa Italia Serie C.
  • 1993-1994 - 3ª nel girone C della Serie C2. Perde lo spareggio promozione contro il Sora, ma viene   ripescata in Serie C1 a completamento organici.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.

  • 1994-1995 - 17ª nel girone B della Serie C1. Retrocessa in Serie C2 dopo aver perso i play-out contro il Casarano e successivamente ripescata.
Primo turno di Coppa Italia Serie C.
Secondo turno di Coppa Italia Serie C.
  • 1996-1997 - 3ª nel girone C della Serie C2.   Promossa in Serie C1 dopo aver vinto i play-off.
Primo turno di Coppa Italia Serie C.
Quarti di finale di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
  • 2001-2002: 18ª nel girone G della Serie D.   Retrocessa in Eccellenza.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie D.
  • 2002-2003 - 16ª nel girone A dell'Eccellenza Campania.   Retrocessa in Promozione.
  • 2003 - Al termine della stagione, a seguito dell'acquisto del titolo sportivo del Gaudianum, il club viene ammesso in Eccellenza con la denominazione di Associazione Calcistica Gaudianum Torrese.
  • 2003-2004 - 3ª nel girone A dell'Eccellenza Campania.   Ammessa in Serie D con il nome di Football Club Turris Associazione Sportiva Dilettantistica grazie all'acquisto del titolo sportivo dell'Ercolano.[13]

  • 2004-2005 - 11ª nel girone G della Serie D.
Secondo turno di Coppa Italia Serie D.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2009-2010 - 11ª nel girone H della Serie D.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2010-2011 - 5ª nel girone I della Serie D. Perde la finale dei play-off contro il Rimini.
Finalista di Coppa Italia Serie D.
  • 2011-2012 - 6ª nel girone H della Serie D.
Ottavi di finale di Coppa Italia Serie D.
  • 2012 - Alla fine del campionato, il titolo sportiva del Football Club Turris Associazione Sportiva Dilettantistica trasloca a Nola mentre il titolo della Neapolis si trasferisce a Torre del Greco ed assume la denominazione di Football Club Torre Neapolis.
  • 2012-2013 - 2ª nel girone G della Serie D.
  Vince la Coppa Italia Serie D (1º titolo).
2013 - Il sodalizio assume la denominazione di Football Club Turris Neapolis 1944.
  • 2013-2014 - 3ª nel girone H della Serie D. Perde la semifinale degli spareggi play-off contro il Monospolis.
Primo turno di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie D.
  • 2014 - Il titolo del Neapolis ritorna a Mugnano cambiando denominazione in Football Club Neapolis, mentre la Turris acquisisce il titolo del Football Club Miano ripartendo dall'Eccellenza Campania con la denominazione di Associazione Sportiva Dilettantistica Miano.
  • 2014-2015 - 1ª nel girone A dell'Eccellenza Campania.   Promossa in Serie D.
  • 2015 - Il club cambia la denominazione in Associazione Polisportiva Turris Calcio Associazione Sportiva Dilettantistica.
  • 2015-2016 - 13ª nel girone H della Serie D.
Turno preliminare di Coppa Italia Serie D.
Trentaduesimi di finale di Coppa Italia Serie D.

Colori e simboliModifica

Il colore ufficiale della Turris è il rosso corallo, mentre la seconda maglia è verde. Il simbolo ufficiale è una "T" di colore rosso.

StruttureModifica

StadioModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio Amerigo Liguori.

La Turris disputa le sue partite interne presso lo "Stadio Amerigo Liguori" di Torre del Greco, inaugurato il 12 novembre 1950[1] in occasione dell'incontro Turris - Bagnolese 1-0 e successivamente intitolato Amerigo Liguori nel 1952[1]. In precedenza le gare casalinche si giocavano al Campo Fienga in zona Sant'Antonio.

L'impianto presenta le seguenti caratteristiche:

  • Posti totali: 5.390[1]
  • Larghezza campo: 68,00 m
  • Lunghezza campo: 110,00 m
  • Fondo: Erba sintetica

Allenatori e presidentiModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dell'A.P. Turris Calcio A.S.D.

Di seguito la lista degli allenatori e dei presidenti della Turris[3][4][14]

 
Allenatori
 
Presidenti
  • 1944-1951   Amerigo Liguori
  • 1951-1955   Giovanni Apa
  • 1955-1959   Francesco Ausiello
  • 1959-1965   Gennaro Serio
  • 1965-1967   Mario Ruggiero
  • 1967-1970   Gianni Di Maio
  • 1970-1979   Salvatorino Gaglione
  • 1979-1980   Michele Lo Muto
  • 1980-1982   Michele Di Luca
  • 1982-1983   Enzo Laberinto
  • 1983-1984   Salvatore Beffi
      Aniello Savastano
  • 1984-1985   Gaetano Battiloro
      Enzo Laberinto
  • 1986-1988   Onofrio Palomba (Amministratore unico) e   Francesco Coscia (onorario)
  • 1988-1991   Mario Vecchietti
  • 1991-1992   Giovanni Vecchietti
  • 1992-1993   Francesco Vecchietti (Amministratore unico)
  • 1993-1994   Giovanni Smimmero e   Francesco Coscia (onorario)
  • 1994-1995   Leopoldo Palomba
  • 1995-1997   Giovanni Palomba
  • 1997-1999   Gennaro Acampora
  • 1999-2001   Giuseppe Sasso
  • 2001-2003   Mimmo Pesce
  • 2003-2004   Rosario Gaglione
  • 2004-2005   Francesco Di Ruocco[15]
  • 2005-2006   Giovanni Maraniello[16]
  • 2006-2008   Gennaro Cirillo[17][18]
  • 2008   Massimo Perna
  • 2008-2012   Rosario Gaglione[19][20]
  • 2012-2014   Mario Moxedano e   Antonio Esposito[21]
  • 2014-2017   Giuseppe Giugliano
  • 2017-2018   Antonio Colantonio

CalciatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori dell'A.P. Turris Calcio A.S.D.

PalmarèsModifica

Statistiche e recordModifica

Partecipazioni ai campionatiModifica

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie C 9 1946-1947 1977-1978 15
Serie C1 6 1978-1979 1997-1998
Promozione 4 1948-1949 1951-1952 31
IV Serie 4 1952-1953 1955-1956
Serie D 6 1967-1968 2016-2017
Serie C2 17 1981-1982 2000-2001
Serie D 11 2001-2002 2013-2014 11

In 55 stagioni sportive dall'esordio a livello nazionale in Serie C, compresi 17 tornei di Serie C2.

Statistiche di squadraModifica

Statistiche aggiornate al 17 ottobre 2013

Serie C

  • Stagioni disputate: 9
  • Miglior piazzamento: 3º posto (campionato 1972-1973)

Serie C1

  • Stagioni disputate: 6
  • Miglior piazzamento: 7º posto (campionato 1979-1980)

Serie C2

Serie D (4º livello) / IV Serie

  • Stagioni disputate: 8
  • Miglior piazzamento: (nella stagione 1970-1971)

Serie D (5º livello)

  • Stagioni disputate: 11
  • Miglior piazzamento: (nella stagione 2012-2013)

Coppa Italia Semiprofessionisti / Coppa Italia Serie C

  • Partecipazioni: 28
  • Miglior piazzamento: Semifinalista (nella stagione 1973-1974)

Coppa Italia Serie D

  • Partecipazioni: 10
  • Miglior piazzamento: Vincitore (nella stagione 2012-2013)

Gemellaggi e rivalitàModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Derby calcistici in Campania.

I gruppi Ultras della Turris attualmente esistenti sono: Corallini 1999 (che hanno aggregato gli ex Ultras Torre del Greco), Cattive Compagnie, Bronx Pezzentelle, Camel, Orgoglio Corallino, Zona Rossa, Our Way (attivo nel centro storico) e gli Skizzati Group Via Nazionale.

 
Tifosi corallini durante un derby in casa col Savoia nel 1994

La tifoseria della Turris è gemellata con la tifoseria della Nocerina[22]. Quest'ultimo gemellaggio, risalente alla stagione di Serie D 2008-2009, salda definitivamente il patto di amicizia tra i tifosi corallini e i sostenitori molossi, che ormai durava da anni, favorita soprattutto dalla comune rivalità con i cugini del Savoia, squadra campana di Torre Annunziata. Ci sono poi forti amicizie con i tifosi del Portici e del Potenza. Negli anni di militanza nella terza serie nazionale nacquero buoni rapporti anche con la tifoseria della Salernitana[23], con la quale però non si hanno rapporti dagli anni '90 e scemata perché i corallini sono gemellati con i nocerini, rivali dei salernitani. È esistito in passato un ulteriore gemellaggio con i supporters del Trapani, sciolto da parte dei corallini nel 2017 in seguito ad uno scontro tra gli ultras trapanesi e quelli del Lecce durante il quale i granata si sono lasciati sottrarre dai pugliesi un vessillo recante il nome della Città di Torre del Greco. In passato ci fu un forte e sentito gemellaggio con i tifosi del Latina, risalente alla fine degli anni ottanta, affievolitosi e scemato col passare del tempo a causa della mancanza di occasioni di incontro fra le due squadre e dunque le tifoserie. Alla tifoseria corallina non andò giù il fatto che nell'ultimo incontro di campionato del 2002 tra Turris e Latina sul campo neutro di Bojano i latinensi non ricambiarono la visita dei corallini all'andata disertando la trasferta.[24]

Il derby più sentito dalla tifoseria corallina è quello che vede a confronto la squadra di Torre del Greco contro il Savoia, nel cosiddetto Derby delle due Torri[22][25] (ossia Torre del Greco contro Torre Annunziata). Un altro derby molto importante per i corallini è quello contro i cugini della Juve Stabia.[22]

Altri incontri regionali di una discreta rilevanza per i sostenitori della Turris sono quelli che pongono la loro squadra a confronto con Benevento[26], Ischia,[22] Cavese,[22] e Battipagliese[27].

Altre rivalità rilevanti si hanno con le tifoserie di Matera, nata dopo pesanti scontri avvenuti in un incontro del campionato di Serie C2 1981-1982,[22] Ebolitana[28] e Sora[senza fonte], seguite a distanza da quelle con le tifoserie di Marsala, Nola, Casertana,[22] Ercolanese[senza fonte], Avellino,[29] Brindisi[senza fonte] e Formia.

NoteModifica

  1. ^ a b c d Stadio Amerigo Liguori, forzaturris.it. URL consultato il 17 ottobre 2013.
  2. ^ COMUNICATO UFFICIALE n. 67 (PDF), su figcvenetocalcio.it, agosto 2015. URL consultato il 26 settembre 2015.
  3. ^ a b c LA STORIA DELLA TURRIS, torreomnia.com. URL consultato il 14 ottobre 2013.
  4. ^ a b c d e f g h i j Storia, forzaturris.it. URL consultato il 14 ottobre 2013.
  5. ^ È nato il Torre Neapolis, su resport.it. URL consultato il 15 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2012).
  6. ^ La nuova denominazione Turris Neapolis, su resport.it. URL consultato il 4 luglio 2013.
  7. ^ COLPO DI SCENA - Intoppo per il titolo del Sant'Agnello, su tuttoturris.com. URL consultato il 1 agosto 2014.
  8. ^ UFFICIALE - Cambia la forma ma non la sostanza: Turris in Eccellenza con il titolo del Miano, su tuttoturris.com. URL consultato il 1 agosto 2014.
  9. ^ Turris: il club prende il logo., su tuttomercatoweb.com.
  10. ^ Stagione sportiva 2014/2015 - Organico dei campionati - Eccellenza (PDF), figc-campania.it. URL consultato il 13 ottobre 2014.
  11. ^ Ufficiale: addio Miano, ecco la AP Turris. La sede torna a Torre..., http://www.tuttoturris.com/, 8 luglio 2015. URL consultato il 26 settembre 2015.
  12. ^ Anglo-Italian Cup 1977
  13. ^ CAMBIO DI DENOMINAZIONE SOCIALE (PDF), http://www.figc.it/, 2004. URL consultato il 12 novembre 2016.
  14. ^ TUTTI GLI ALLENATORI DELLA TURRIS, tuttoturris.com. URL consultato il 14 ottobre 2013.
  15. ^ a b A.S.D. Turris 2004-2005, calciodilettante.org. URL consultato il 18 ottobre 2013.
  16. ^ a b A.S.D. Turris 2005-2006, calciodilettante.org. URL consultato il 18 ottobre 2013.
  17. ^ a b A.S.D. Turris 2006-2007, calciodilettante.org. URL consultato il 18 ottobre 2013.
  18. ^ a b A.S.D. Turris 2007-2008, calciodilettante.org. URL consultato il 18 ottobre 2013.
  19. ^ A.S.D. Turris 2009-2010, calciodilettante.org. URL consultato il 18 ottobre 2013.
  20. ^ LA VOCE DEL TIFO: Da Turris a TurrisNeapolis, cosa cambia? Niente, anzi... Ripartiremo con una società "pulita"!, tuttoturris.com. URL consultato il 18 ottobre 2013.
  21. ^ Turris: Moxedano si presenta con il botto...preso Longobardi!!!, sportvesuviano.com. URL consultato il 18 ottobre 2013.
  22. ^ a b c d e f g Tifosi e ultrà, scopri i gemellaggi e le rivalità, sportvesuviano.com. URL consultato il 16 ottobre 2013.
  23. ^ AMICIZIE E RIVALITA, su amolasalernitana.blogspot.it. URL consultato il 16 ottobre 2013.
  24. ^ Curva Ospiti. I tifosi del… Latina, http://www.pianetaempoli.it/, 19 agosto 2013. URL consultato l'11 dicembre 2016.
  25. ^ Torna il derby delle due torri, savoiaclub.com. URL consultato il 16 ottobre 2013.
  26. ^ Scontri tra i tifosi del Benevento e quelli della Turris, resport.it. URL consultato il 16 ottobre 2013.
  27. ^ Serie D: gravi disordini dopo Turris-Battipagliese 8Leggi tutto), calcionapolinews24.it. URL consultato il 16 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2013).
  28. ^ Scontri dopo la gara Turris-Ebolitana: “A processo gli ultrà-teppisti”, metropolisweb.it. URL consultato il 16 ottobre 2013.
  29. ^ Curva Ospiti. I tifosi dell’… Avellino, http://www.pianetaempoli.it/, 6 marzo 2014. URL consultato l'11 dicembre 2016.

BibliografiaModifica

  • Giuseppe Picciano, La Turris 1944/1994, cinquant'anni di calcio a Torre del Greco, 1994.
  • Ciro Antonio Altiero e Giuseppe D'Urzo, F.C. Turris 1944. Il football a Torre del Greco dalle origini ad oggi, Torre del Greco, ESA, 2011.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica