Associazione Sportiva Dilettantistica Corigliano Calabro

ASD Corigliano Calabro
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Bianco e Azzurro.svg Bianco, azzurro
Inno Inno di Corigliano
Eugenio Conforti
Dati societari
Città Corigliano Calabro
(comune di Corigliano-Rossano)
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie D
Fondazione 1963
Presidente Italia Mauro Nucaro
Allenatore Italia Benedetto Mangiapane
Stadio Città di Corigliano
(3 500[1] posti)
Sito web www.calciocorigliano.it
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Sportiva Dilettantistica Corigliano Calabro, meglio noto come Corigliano, è una società calcistica italiana con sede a Corigliano Calabro, frazione di Corigliano-Rossano. Nel corso della sua storia ha disputato 12 campionati nel massimo livello dilettantistico.

StoriaModifica

La società venne costituita il 30 ottobre 1963 con il nome di Società Polisportiva Corigliano.[2][3] Il 24 novembre successivo fu presentata alla popolazione Coriglianese mediante un'imponente manifestazione svoltasi presso il Teatro Comunale della città ionica.[2] Successivamente venne affiliata al comitato regionale della FIGC e prese parte al campionato di Seconda Categoria.[2] Durante gli anni a seguire la società riscosse la simpatia e il numeroso seguito da parte della popolazione.[2][3]

Durante gli anni ottanta e novanta furono presenti due formazioni a rappresentare la città ionica nei campionati antesignani all'odierna Serie D: il Corigliano e il Corigliano Schiavonea, che si sfidano in derby partecipati e molto sentiti dai tifosi coriglianesi.[4] Le due società successivamente si fusero in un unico sodalizio, che prese il nome di USC Corigliano Schiavonea e disputò 8 campionati di Serie D consecutivi, a cavallo fra il 1996 e il 2004.[5][6]

Nel maggio 2006 la società cambiò la propria denominazione in USC Corigliano, eliminando il riferimento all'omonima e popolosa frazione costiera del comune calabrese.[7]

Nel 2009 la società retrocedette in Prima Categoria e fallì, scomparendo dal panorama dilettantistico calabrese. Lo stesso anno venne fondata una nuova società, il Real Corigliano, che ereditò di fatto la tradizione sportiva del vecchio sodalizio, vincendo il campionato al primo tentativo, sotto la gestione del presidente Leto, conquistando il salto in Promozione.[5][8]

Il 3 agosto 2011, su iniziativa del presidente Elia, avvenne l'ennesima fusione, questa volta con lo Schiavonea '97, sodalizio nato in seguito alla fusione tra Corigliano e Corigliano Schiavonea avvenuto in passato.[6][9] La nuova società prese ufficialmente il nome di ASD Corigliano Schiavonea a partire dall'anno seguente.[10]

Il 9 giugno 2015 la dirigenza, capeggiata dal presidente Elia, si dimette in massa, lasciando la società in mano al comune e in una crisi quasi irreversibile. Dopo vari contatti con imprenditori locali, il 17 luglio Michele Guccione rileva il sodalizio, sventando il fallimento.[11]

Dopo esser retrocesso in Promozione al termine del campionato 2016-2017,[12] il Corigliano (nel frattempo passato nelle mani di Mauro Nucaro, ex patron del Cosenza[13]) vince due campionati consecutivi, ritornando matematicamente in Serie D il 31 marzo 2019, a distanza di quindici anni dall'ultima partecipazione.[14]

Il 22 dicembre la compagine ionica aveva vinto anche la Coppa Italia regionale battendo in finale il San Luca (militante in Promozione) per 2-0 sul neutro di Palmi.[15] Il 5 maggio successivo invece, arriva la vittoria in Supercoppa, avendo la meglio nel doppio confronto su San Luca e Morrone.[16]

CronistoriaModifica

Cronistoria dell'Associazione Sportiva Dilettantistica Corigliano Calabro
  • 1963 - Fondazione della Società Polisportiva Corigliano.
  • 1964-1965 - 3º nel girone A della Prima Categoria.
  • 1965-1966 - 8º nel girone A della Prima Categoria.
  • 1966-1967 - 8º nel girone A della Prima Categoria.

  • 1967-1968 - ?
  • 1968-1969 - ?
  • 1969-1970 - ?
  • 1970-1971 - ?
  • 1971-1972 - ?
  • 1972-1973 - ?
  • 1973-1974 - ?
  • 1974-1975 - ?
  • 1975-1976 - ?
  • 1976-1977 - ?
  • 1977-1978 - ?
  • 1978-1979 - ?
  • 1979-1980 - 7º nel girone unico della Promozione.
  • 1980-1981 - 2º nel girone unico della Promozione.
  • 1981-1982 - 6º nel girone unico della Promozione.
  • 1982-1983 - 11º nel girone unico della Promozione.
  • 1983-1984 - 4º nel girone unico della Promozione.
  • 1984-1985 - 11º nel girone unico della Promozione.
  • 1985-1986 - 1º nel girone unico della Promozione.   Promosso nel Campionato Interregionale.
  • 1986-1987 - 13º nel girone L del Campionato Interregionale.
  • 1987-1988 - 13º nel girone L del Campionato Interregionale.
  • 1988-1989 - 15º nel girone L del Campionato Interregionale.   Retrocesso in Promozione.
  • 1989-1990 - 4º nel girone A della Promozione.

  • 1990-1991 - 9º nel girone A della Promozione.
  • 1991-1992 - 4º nel girone A della Promozione.
  • 1992-1993 - 1º nel girone B della Promozione.   Promosso in Eccellenza.
  • 1993-1994 - 4º nel girone unico dell'Eccellenza.
  • 1994-1995 - 5º nel girone unico dell'Eccellenza.
  • 1995-1996 - 2º nel girone nel girone unico dell'Eccellenza; eliminato dopo i play-off nazionali. Ammesso nel Campionato Nazionale Dilettanti (C.N.D.).
  • 1996 - Fusione tra Corigliano e Corigliano Schiavonea. Nasce l'USC Corigliano Schiavonea.
  • 1996-1997 - 8º nel girone I del C.N.D.
  • 1997-1998 - 8º nel girone I del C.N.D.
  • 1998-1999 - 10º nel girone H del C.N.D.
  • 1999-2000 - 4º nel girone I della Serie D.

  • 2000-2001 - 7º nel girone I della Serie D.
  • 2001-2002 - 14º nel girone I della Serie D.
  • 2002-2003 - 11º nel girone I della Serie D.
  • 2003-2004 - 17º nel girone I della Serie D.   Retrocesso in Eccellenza.
  • 2004-2005 - 13º nel girone unico dell'Eccellenza; salvo dopo i play-out.
  • 2005-2006 - 14º nel girone unico dell'Eccellenza; salvo dopo i play-out.
  • 2006 - Cambia denominazione in USC Corigliano.
  • 2006-2007 - 12º nel girone unico dell'Eccellenza; salvo dopo i play-out.
  • 2007-2008 - 16º nel girone unico dell'Eccellenza.   Retrocesso in Promozione.
  • 2008-2009 - 13º nel girone A della Promozione.   Retrocesso in Prima Categoria.
  • 2009 - La società fallisce. Viene fondato un sodalizio denominato Real Corigliano che ne eredita la tradizione sportiva.
  • 2009-2010 - 1º nel girone A della Prima Categoria.   Promosso in Promozione.

  • 2010-2011 - 8º nel girone A della Promozione.
  • 2011 - Fusione fra il Real Corigliano e lo Schiavonea '97.
  • 2011-2012 - 3º nel girone A della Promozione.
  • 2012 - Cambia denominazione in Associazione Sportiva Dilettantistica Corigliano Schiavonea.
  • 2012-2013 - 1º nel girone A della Promozione.   Promosso in Eccellenza.
  • 2013-2014 - 12º nel girone unico dell'Eccellenza.
  • 2014-2015 - 16 nel girone unico dell'Eccellenza. Retrocesso in Promozione.
  • 2015 - Cambia denominazione in Associazione Sportiva Dilettantistica Corigliano.
  • 2015-2016 - 1º nel girone A della Promozione.   Promosso in Eccellenza
  • 2016-2017 - 12º nel girone unico dell'Eccellenza. Perde i play-out. Retrocesso in Promozione.
  • 2017 - Cambia denominazione in Associazione Sportiva Dilettantistica Corigliano Calabro.[17]
  • 2017-2018 - 1º nel girone A della Promozione.   Promosso in Eccellenza.
  • 2018-2019 - 1º nel girone unico dell'Eccellenza.   Promosso in Serie D.
  • 2019-2020 - nel girone I di Serie D.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.

PalmarèsModifica

Competizioni regionaliModifica

2018-2019
1992-1993 (girone B), 2012-2013 (girone A), 2015-2016 (girone A), 2017-2018 (girone A)
2009-2010 (girone A)
2018-2019

Altri piazzamentiModifica

Secondo posto: 1995-1996
Secondo posto: 1980-1981, 1985-1986
Terzo posto: 2011-2012 (girone A)

SocietàModifica

Modifica

Cronologia degli sponsor tecnici
  • ?-2015 Onze
  • 2015-2016 Decathlon[senza fonte]
  • 2019-2020 Zeus - Evol
Cronologia degli sponsor ufficiali
  • 2018-2019 Roma GAS & POWER
  • 2019-2020 Roma GAS & POWER

Statistiche e recordModifica

Partecipazione ai campionatiModifica

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie D 1 2019-2020 1
Campionato Interregionale 3 1986-1987 1988-1989 11
Campionato Nazionale Dilettanti 3 1996-1997 1998-1999
Serie D 5 1999-2000 2003-2004

TifoseriaModifica

StoriaModifica

Il gruppo ultras al seguito del sodalizio ionico è lo "Skizzati Group 1991", fondato appunto nel 1991.[18] Il gruppo conta un centinaio di membri attivi e durante le partite casalinghe del Corigliano prende posto nella parte di tribuna intitolata a Paolo Giuseppe Pagnotta, tifoso coriglianese scomparso prematuramente nel 2008.[18][19]

Nel 2015, con la precedente compagine societaria in grave crisi finanziaria e dunque impossibilitata a mandare in campo la propria formazione, i membri degli Skizzati scesero in campo al posto dei calciatori, giocando le ultime partite del campionato di Eccellenza ed evitando così la cancellazione del sodalizio.[20] Al termine del campionato inoltre, si occuparono della pulizia e del restauro dello stadio Brillìa, che mostrava un avanzato stato di abbandono.[20]

Gemellaggi e rivalitàModifica

Gli ultras coriglianesi sostengono delle amicizie con le tifoserie corregionali di Sambiase (Lamezia Terme), Acri[21] e Trebisacce.[18] Amicizia datata anche coi supporter della Nuova Gioiese, gemellati a loro volta con i sambiasini.[22]

La rivalità più sentita è quella con la tifoseria dell'Rossanese, che trova comunque origine nel forte campanilismo fra gli abitanti di Corigliano Calabro e Rossano, i due centri più importanti e popolosi dello Ionio cosentino.[5][23] Nel 2008 fu varata la proposta di fondere le due società, progetto che non andò in porto anche a causa dei malumori delle rispettive tifoserie.[24] In passato, durante accesi derby, ci furono violenti scontri fra le due fazioni, sfociati in arresti e diffide.[25] Altre rivalità minori sono con i supporter della Palmese e della Paolana

NoteModifica

  1. ^ Campi Sportivi, http://www.crcalabria.it/. URL consultato l'11 settembre 2015 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2015).
  2. ^ a b c d Finalmente nasce la "Polisportiva Corigliano"[collegamento interrotto], http://www.coriglianocal.it/. URL consultato l'11 settembre 2015.
  3. ^ a b LA SCOMPARSA DEL DOTTORE LUIGI SANGREGORIO, http://coriglianocalabro.it/. URL consultato l'11 settembre 2015.
  4. ^ CALCIO - Vecchie Glorie Corigliano- Schiavonea in Campo il 4 Agosto, http://www.dirittodicronaca.it/, 3 agosto 2014. URL consultato l'11 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2014).
  5. ^ a b c Calcio, Promozione. Corigliano supera Rossano nel derby e conquista l’Eccellenza, http://www.paese24.it/, 22 aprile 2013. URL consultato l'11 settembre 2015.
  6. ^ a b Svolta Sensazionale: Nasce l'Asd Corigliano- Schiavonea Calcio, http://coriglianocalabro.it/, 3 agosto 2011. URL consultato l'11 settembre 2015.
  7. ^ CAMBIO DI DENOMINAZIONE SOCIALE (PDF), http://www.figc.it/, giugno 2006. URL consultato l'11 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2016).
  8. ^ Real Corigliano in promozione, http://www.stadioradio.it/, 19 aprile 2010. URL consultato l'11 settembre 2015.
  9. ^ UFFICIALE: Corigliano-Schiavonea è fusione, http://www.stadioradio.it/, 4 agosto 2011. URL consultato l'11 settembre 2015.
  10. ^ Comunicato ufficiale n°3 del 27 luglio 2012 (PDF), http://www.crcalabria.it/, 27 luglio 2012. URL consultato il 12 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  11. ^ Michele Guccione, il nuovo patron del Corigliano Schiavonea Calcio, http://www.ottoetrenta.it/, 20 luglio 2015. URL consultato il 27 agosto 2015.
  12. ^ ReggioMediterranea, un altro capolavoro: tris al Corigliano. Gialloblu ancora in Eccellenza, http://www.reggionelpallone.it/, 28 maggio 2017. URL consultato il 10 dicembre 2019.
  13. ^ Calcio, Mauro Nucaro (Corigliano): “Amareggiato dalle parole dei tifosi”, http://www.ecodellojonio.it/, 9 dicembre 2018. URL consultato il 10 dicembre 2019.
  14. ^ Eccellenza. Il Corigliano è in D. Il Siderno cade in Promozione, https://www.stadioradio.it/, 31 marzo 2019. URL consultato il 10 dicembre 2019.
  15. ^ Corigliano, successo storico: la Coppa Italia è tua. San Luca ko per 2-0, https://www.cosenzachannel.it/, 23 dicembre 2018. URL consultato il 10 dicembre 2019.
  16. ^ SUPERCOPPA AL CORIGLIANO, IL SAN LUCA SI PIAZZA SECONDO, https://www.telemia.it/, 5 maggio 2019. URL consultato il 10 dicembre 2019.
  17. ^ Comunicato Ufficiale n° 13 del 2 Agosto 2017 (PDF), http://www.crcalabria.it/, 2 agosto 2017. URL consultato il 25 agosto 2017.
  18. ^ a b c Skizzati Group 1991:una vita per due colori, http://www.coriglianocalabro.it/, 2013. URL consultato l'11 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  19. ^ Lo Skizzati Group 1991 continua la propria battaglia, http://www.stadioradio.it/, 23 maggio 2008. URL consultato l'11 settembre 2015.
  20. ^ a b Ultras Corigliano encomiabili[collegamento interrotto], http://www.sportpeople.net/, 2015. URL consultato l'11 settembre 2015.
  21. ^ PROFICUO TEST AMICHEVOLE TRA CORIGLIANO E ACRI, http://www.coriglianoinforma.it/, 18 agosto 2015. URL consultato l'11 settembre 2015.
  22. ^ Calcio e amicizia, gli Ultras Viola ’01 invitano a Gioia i tifosi del Corigliano, https://gioiasport.com/, 26 aprile 2013. URL consultato l'11 settembre 2015.
  23. ^ Corigliano, http://www.sibarinet.it/, 27 aprile 2015. URL consultato l'11 settembre 2015.
  24. ^ Fusione Rossanese-Corigliano: ancora nulla di ufficiale., http://www.stadioradio.it/, 22 maggio 2008. URL consultato l'11 settembre 2015.
  25. ^ Incidenti in stadio durante partita Corigliano- Rossanese, 8 arresti, http://www.sportpeople.net/. URL consultato l'11 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2014).

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica