Apri il menu principale

Associazione Sportiva Dilettantistica Polisportiva Terracina Calcio

ASDP Terracina Calcio
Calcio Football pictogram.svg
Tigrotti, Biancocelesti
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Bianco e Celeste2.svg Bianco, celeste
Simboli Tigre
Inno 7 miliardi (Massimo Pericolo)
Dati societari
Città Terracina
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Promozione
Fondazione 1925
Rifondazione2010
Rifondazione2015
Rifondazione2016
Presidente Italia Luciano Iannotta
Allenatore Italia Fabio Gerli
Stadio Mario Colavolpe
(4 000 posti)
Sito web www.terracinacalcio.it
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Sportiva Dilettantistica Polisportiva Terracina Calcio, meglio nota come Terracina è una società calcistica italiana con sede a Terracina, in provincia di Latina. Milita nel campionato di Promozione Lazio.

Fondata nel 1925 con il nome di Società Sportiva Francesco Di Biagio Terracinese ha più volte cambiato denominazione fino ad arrivare nel 2019 all'attuale Associazione Sportiva Dilettantistica Polisportiva Terracina Calcio.

La squadra ha partecipato a 24 campionati di massima serie dilettantistica di cui nove di quarto livello e a quindici di quinto. Il miglior risultato ottenuto è stato un secondo posto nella stagione 2013-2014.

I colori sociali sono il bianco e il celeste e la sede delle partite interne è lo stadio Mario Colavolpe.

StoriaModifica

Dalle origini agli anni duemilaModifica

La società nasce a Terracina nel 1925 con la denominazione di Società Sportiva Terracinese Francesco di Biagio, dal nome del fondatore. Nel 1937, quando il Direttorio Divisioni Superiori di epoca fascista, certifica la Cancellazione dai ruoli Federali della S.S. Di Biagio di Terracina. La notizia viene pubblicata nel Littoriale, l'organo del partito-governo, assieme ad altre eliminazioni (qualcuna per motivi politici, ma molto probabilmente quella della Terracinese fu dovuta solo a carenza di attività, visto che sin dal 1933 aveva pressoché smesso di esistere). Il nome di Di Biagio ricompare ufficialmente nel 1956[1].

Ci vogliono però gli anni ottanta per iniziare a parlare di vero e proprio calcio giocato, quando i biancocelesti approdano in Interregionale, militandovi per tre stagioni consecutive. Ancora Campionati di Promozione negli anni successivi, fino al ritorno in Serie D nel 1996. La storia recente racconta di una presenza costante nell'Eccellenza laziale, culminata con la promozione in D del 2013, giunta dopo la vittoria dei play off contro la Correggese[2].

Il nuovo millennioModifica

Sarà il fallimento dell'A.S. Terracina 1925, maturato dopo una sciagurata gestione societaria e tecnica, nell'estate del 2010, a segnare in modo indelebile e negativo la storia del club[3]. A seguito della mancata iscrizione al campionato, nacque una nuova Società, denominata Unione Sportiva Terracina, che ne ereditò la tradizione sportiva cittadina[4]. La nuova squadra riuscì a mantenere la categoria grazie alla fusione delle due compagini di calcio di Formia: proprio in quell'anno, infatti, con la promozione in Eccellenza della seconda squadra della città, il Formia 1905, i due vertici societari decisero di unire le forze. Ciò determinò la cessione del titolo sportivo del Formia 1905 alla neonata Unione Sportiva Terracina. A Formia mantennero il titolo della S.S. Formia Calcio, che con la fusione mutò nome in U.S. Formia Calcio 1905.

La delusione per il campionato perso porterà ulteriore negatività ad una Società che si dimostrerà economicamente allo sbando. Basti pensare che a febbraio la squadra non ha potuto presentarsi in Sardegna per la trasferta con la Nuorese non potendo sobbarcarsi i costi del viaggio e non si è presentata a Nuoro perdendo dunque la gara a tavolino. Una mano era stata tesa da parte dell'Unicusano Fondi, altra società che militava nel Girone G della Serie D e che si era offerta di coprire i costi della trasferta. Attraverso un comunicato, però, il Terracina ha ringraziato e spiegato di aver scelto la strada migliore per conservare quel minimo di dignità che il nome merita[5].

Il campionato si conclude mestamente con il penultimo posto che vale la retrocessione in Eccellenza, con una girandola di allenatori: lo svizzero Fabio Celestini fu esonerato il 5 novembre[6] e sostituito dall'ex Napoli Raffaele Sergio, a sua volta esonerato per il ritorno dello stesso Celestini, che si è poi dimesso il 21 gennaio[7]. Celestini è sostituito da Emiliano Del Duca, che si è dimesso però dopo solo una settimana senza guidare la squadra neanche in una partita. La panchina è stata allora affidata all'allenatore delle giovanili Giuliano Farinelli che guiderà la squadra, formata in nove undicesimi dai ragazzi della Juniores nazionale a causa della partenza di tutta la rosa meno il Capitano, Andrea Botta, e pochi altri, fino al termine del campionato. La retrocessione diviene matematica il 17 aprile, e contestualmente i tifosi hanno organizzato una manifestazione al tempio di Giove Anxur, ossia presso il luogo più importante per tutti i terracinesi, per ribadire il loro amore per i propri colori, colorando con fumogeni il tempio, affiggendo sulle mura uno striscione contenente la frase: "Uniti come ieri. Al cospetto degli dei consegniamo i nostri cuor"[8].

Città di TerracinaModifica

A causa della crisi societaria, la Società non è riuscita a regolarizzare la propria posizione, rinunciando di fatto alla partecipazione al campionato di Eccellenza chiedendo, nel contempo, di poter prendere parte a un campionato di categoria inferiore (Promozione)[9]. Quantomeno il sodalizio non è fallito, pertanto l'obiettivo è la sopravvivenza, per salvaguardare il patrimonio giovanile che nel 2015 ha regalato le vittorie dei campionati Allievi e Giovanissimi[10] con l’Academy e la Pro Calcio di Andrea Botta ed Alessandro D’Amico.

Tuttavia, non seguiranno altre azioni da parte del sodalizio terracinese, per cui l'Associazione di tifosi Mia Terracina Supporters Trust ha dato il via ad una raccolta fondi al fine di dare vita ad un nuovo club che rappresenti la città di Terracina. Il 19 agosto 2015 nasce la A.S.D. Città di Terracina che sarà iscritta al campionato di Terza Categoria[11], con l’aiuto della Di Sauro Consulting e degli altri sponsor che hanno sposato il progetto. La nuova compagine terracinese tra mille difficoltà logistiche ed amministrative, è riuscita a terminare dignitosamente il campionato di 3ª Categoria.

Polisportiva Terracina CalcioModifica

Nell'estate del 2016, la Società raggiunge un accordo con la Polisportiva Sonnino, reduce dal successo nel Girone H di 1ª Categoria con un bottino da record di 74 punti collezionati in 30 giornate (frutto di 22 vittorie, 8 pareggi e nessuna sconfitta), per il trasferimento del titolo sportivo a Terracina e trasformandosi in Polisportiva Dilettantistica Terracina Calcio (Matricola 49880[12]) iscrivendosi al campionato di Promozione Lazio. Ciò si è reso possibile dall’unione di intenti degli organici del Città di Terracina e della Polisportiva Sonnino dei Presidenti Perotti e Iannotta[13]. Viene nominato presidente Luciano Iannotta, mentre Emiliano Perotti, ex presidente del Città di Terracina, è il vicepresidente. Le stagioni 2016-2017 e 2017-2018 vengono entrambe chiuse al quarto posto mentre il campionato 2018-2019 vede i tigrotti retrocedere in Prima Categoria dopo aver perso i play-out. Tuttavia la categoria viene mantenuta tramite l'acquisizione del titolo sportivo del Suio Terme Castelforte e la squadra viene rinominata Associazione Sportiva Dilettantistica Polisportiva Terracina Calcio.

CronistoriaModifica

Cronistoria dell'Associazione Sportiva Dilettantistica Polisportiva Terracina Calcio
  • 1925 - Fondazione della Società Sportiva Francesco Di Biagio Terracinese.
  • 1926 - Attività a carattere locale.
  • 1927-1928 - 3º nel girone unico della Terza Divisione Lazio.
  • 1928-1929 - 4º nel girone A di Terza Divisione Lazio.
  • 1929-1930 - 2º nel girone A di Terza Divisione Lazio. 1º nel girone finale. Promosso in Seconda Divisione.

  • 1930-1931 - 7º nel girone unico di Seconda Divisione Lazio.
  • 1931-1932 - 10º nel girone unico di Seconda Divisione Lazio.
  • 1932-1933 - 7º nel girone unico di Seconda Divisione Lazio.
  • 1933-1934 - nel girone A di Terza Divisione XI Zona (Lazio). 1º nel girone finale. Campione Lazio di Terza Divisione e promosso in Seconda Divisione.
  • 1934-1935 - 4º nel girone unico di Seconda Divisione XI Zona.
  • 1935-1943 - Attività a carattere locale, è radiata dai ruoli federali FIGC nel 1937[14].

  • 1943-1945 - Attività sospesa per cause belliche.
  • 1945-1947 - Partecipa al campionato di Seconda Divisione Lazio.
  • 1948-1949 - 1º nel girone ? di Seconda Divisione Lazio. Promosso in Prima Divisione.
  • 1949-1950 - 12º nel girone B di Prima Divisione Lazio.

  • 1950-1951 - 1º nel girone B di Prima Divisione Lazio. Promosso in Promozione.
  • 1951-1952 - 3º nel girone I di Promozione.
  • 1952-1953 - 6º nel girone G di IV Serie.
  • 1953-1954 - 14º nel girone G di IV Serie.
  • 1954-1955 - 6º nel girone F di IV Serie.
  • 1955-1956 - 10º nel girone F di IV Serie.
  • 1956-1957 - 18º nel girone F di IV Serie.
  • 1957 - Cambia denominazione in Associazione Sportiva Terracinese Francesco Di Biagio.
  • 1957-1958 - 16º nel girone F dell'Interregionale Categoria. Retrocesso nel Campionato Dilettanti.
  • 1958-1959 - 12º nel girone B del Campionato Lazio Dilettanti.
  • 1959 - Cambia denominazione in Unione Sportiva Terracina.
  • 1959-1960 - 1º nel girone D di Prima Categoria Lazio. 4º nelle finali regionali.
  • 1960 - Cambia denominazione in Unione Sportiva Terracinese.

  • 1960-1961 - 7º nel girone D di Prima Categoria Lazio.
  • 1961-1962 - 9º nel girone B di Prima Categoria Lazio.
  • 1962-1963 - 9º nel girone B di Prima Categoria Lazio.
  • 1963-1964 - 12º nel girone B di Prima Categoria Lazio.
  • 1964-1965 - 11º nel girone B di Prima Categoria Lazio.
  • 1965-1966 - 15º nel girone B di Prima Categoria Lazio. Retrocesso in Seconda Categoria.
  • 1966-1967 - Partecipa al campionato di Seconda Categoria Lazio.
  • 1967-1968 - 1º nel girone ? di Seconda Categoria Lazio. Promosso in Prima Categoria.
  • 1968-1969 - 5º nel girone D della Prima Categoria Lazio[15].
  • 1969-1970 - 15º nel girone D di Prima Categoria Lazio. Retrocesso in Seconda Categoria.

  • 1970-1971 - 1º nel campionato di Seconda Categoria Lazio. Promosso in Prima Categoria.
  • 1971-1972 - Nel girone D della Prima Categoria Lazio[16].
  • 1972-1973 - Nel girone D di Prima Categoria Lazio.
  • 1973-1974 - 1º nel girone D di Prima Categoria Lazio. Promosso in Promozione.
  • 1974-1975 - 10º nel girone B di Promozione Lazio.
  • 1975-1976 - 2º nel girone B di Promozione Lazio.
  • 1976-1977 - 2º nel girone B di Promozione Lazio. Promosso in Serie D.
  • 1977-1978 - 15º nel girone G della Serie D. Retrocesso in Promozione per la peggior differenza reti nei confronti di Ischia Isolaverde, Nola e Gladiator.
  • 1978-1979 - 2º nel girone B di Promozione Lazio.
  • 1979-1980 - 1º nel girone B di Promozione Lazio. Promosso in Serie D.

  • 1980-1981 - 3º nel girone D della Serie D. Ammesso al nuovo Campionato Interregionale.
  • 1981-1982 - 13º nel girone H dell'Interregionale.
  • 1982-1983 - 12º nel girone H dell'Interregionale.
  • 1983-1984 - 15º nel girone G dell'Interregionale. Retrocesso in Promozione.
  • 1984-1985 - 4º nel girone B di Promozione Lazio.
  • 1985-1986 - 12º nel girone B di Promozione Lazio.
  • 1986-1987 - 9º nel girone B di Promozione Lazio.
  • 1987-1988 - 11º nel girone B di Promozione Lazio.
  • 1988-1989 - 14º nel girone B di Promozione Lazio. Retrocesso in Prima Categoria.
  • 1989-1990 - 1º nel girone F di Prima Categoria Lazio. Promosso in Promozione Lazio[17].

  • 1990-1991 - 2º nel girone C di Promozione Lazio. Ammesso al Campionato Interregionale per decisione della L.N.D.
  • 1991-1992 - 11º nel girone H dell'Interregionale. Ammesso al nuovo Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1992-1993 - 16º nel girone H del C.N.D. Retrocesso in Eccellenza.
  • 1993-1994 - 5º nel girone B di Eccellenza Lazio.
  • 1994-1995 - 7º nel girone B di Eccellenza Lazio.
  • 1995-1996 - 1º nel girone B di Eccellenza. Promosso nel Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1996-1997 - 4º nel girone G del Campionato Nazionale Dilettanti.
Primo turno di Coppa Italia Dilettanti (Fase C.N.D.).
  • 1997-1998 - 3º nel girone G del Campionato Nazionale Dilettanti.
Primo turno di Coppa Italia Dilettanti (Fase C.N.D.).
  • 1998-1999 - 7º nel girone G del Campionato Nazionale Dilettanti. Ammesso alla nuova Serie D.
Primo turno di Coppa Italia Dilettanti (Fase C.N.D.).
Primo turno di Coppa Italia Serie D.

Primo turno di Coppa Italia Serie D.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2002-2003 - 16º nel girone G di Serie D. Retrocesso in Eccellenza e successivamente riammesso a completamento organici.
Trentaduesimi di finale di Coppa Italia Serie D.
  • 2003-2004 - 18º nel girone H di Serie D. Retrocesso in Eccellenza.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2004 - Cambia denominazione in Associazione Sportiva Terracina.
  • 2004-2005 - 5º nel girone B di Eccellenza Lazio. Cambia denominazione in
  • 2005 - Cambia denominazione in Associazione Sportiva Terracina 1925.
  • 2005-2006 - 2º nel girone B di Eccellenza Lazio. Eliminato ai play-off nazionali.
  • 2006-2007 - 6º nel girone B di Eccellenza Lazio.
Triangolari di semifinale di Coppa Italia Dilettanti Lazio.
  • 2007-2008 - 7º nel girone B di Eccellenza Lazio.
Terzo turno di Coppa Italia Dilettanti Lazio.
  • 2008-2009 - 6º nel girone B di Eccellenza Lazio.
Primo turno di Coppa Italia Dilettanti Lazio.
  • 2009-2010 - 14º nel girone B di Eccellenza Lazio.
Primo turno di Coppa Italia Dilettanti Lazio.
  • 2010 - Cambia denominazione in Associazione Sportiva Dilettantistica Unione Sportiva Terracina.

  • 2010-2011 - 13º nel girone B di Eccellenza Lazio.
Turno preliminare di Coppa Italia Dilettanti Lazio.
  • 2011-2012 - 11º nel girone B di Eccellenza Lazio.
Ottavi di finale di Coppa Italia Dilettanti Lazio.
  • 2012 - Cambia denominazione in Società Sportiva Dilettantistica Terracina Calcio 1925.
  • 2012-2013 - 2º nel girone B di Eccellenza Lazio. Promossa in Serie D dopo aver vinto i play-off nazionali.
Ottavi di finale di Coppa Italia Dilettanti Lazio.
  • 2013-2014 - 2º nel Girone G di Serie D. Perde la seconda fase dei play-off.
Trentaduesimi di finale di Coppa Italia Serie D.
  • 2014-2015 - 17º nel girone G di Serie D. Retrocesso in Eccellenza.
Primo turno di Coppa Italia.
Quarti di finale Coppa Italia Serie D.
  • 2015 - La società, causa problemi di natura economica, non regolarizza l'iscrizione al campionato di Eccellenza. Grazie ad una Associazione di tifosi nasce l'Associazione Sportiva Dilettantistica Città di Terracina iscrivendosi in Terza Categoria.
  • 2015-2016 - 2º in Terza Categoria Latina.
  • 2016 - Acquisendo il titolo sportivo della Polisportiva Sonnino, militante nel Campionato di Promozione Lazio, nasce la Polisportiva Dilettantistica Terracina Calcio.
  • 2016-2017 - 4º nel Girone D di Promozione Lazio.
Turno preliminare di Coppa Italia Promozione Lazio.
  • 2017-2018 - 4º nel Girone D di Promozione Lazio.
Prima fase di Coppa Italia Promozione Lazio.
  • 2018-2019 - 16º nel girone D di Promozione Lazio dopo aver vinto lo spareggio. Retrocesso in Prima Categoria dopo aver perso i play-out.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Promozione Lazio.
  • 2019 - Acquisisce il titolo sportivo del Suio Terme Castelforte e cambia nome in Associazione Sportiva Dilettantistica Polisportiva Terracina Calcio, venendo ammesso in Promozione.
  • 2019-2020 - nel girone D di Promozione Lazio.
in Coppa Italia Promozione Lazio.

Colori e simboliModifica

ColoriModifica

I colori sociali del club sono il bianco e il celeste, mutuati dal gonfalone del comune di Terracina, per questo i giocatori e i tifosi vengono chiamati biancazzurri

Simboli ufficialiModifica

StemmaModifica

Lo stemma del Terracina più volte ridisegnato è uno scudo contenente al suo interno una tigre su uno sfondo a strisce orizzontali bianche e celesti, in virtù di ciò i giocatori vengono chiamati tigrotti, dall'animale che rappresenta la squadra.

 
Logo del Terracina in uso fino al 2015.

InnoModifica

L'inno ufficiale s'intitola Forza Forza Tigorotti.

StruttureModifica

StadioModifica

Il Terracina utilizza come impianto per le partite interne lo stadio Mario Colavolpe, intitolato alla memoria di un ex giocatore dei biancocelesti. È capace di contenere 4000 spettatori suddivisi in tre tribune, delle quali una è parzialmente coperta. Inoltre è dotato di una pista di atletica e di un terreno in erba naturale. Ha una struttura a pianta ellittica.

Il primo terreno di gioco della Di Biagio fu quello dell’ex Casa del Fascio, poi si spostò al campo sportivo della Riserva del Buon Governo, al di fuori della città. Ed infine si stabilizzò nell'attuale impianto.

Centro di allenamentoModifica

Come sede per gli allenamenti la squadra utilizza lo stadio Mario Colavolpe, sede delle gare interne.

Il Terracina nella cultura di massaModifica

Nell'estate del 2014 ha destato scalpore una notizia che ebbe del clamoroso e a cui fu dato ampio spazio dai media nazionali: il calciatore Adriano, ex Inter, Parma, Fiorentina e Roma, sembrava in procinto di accettare un'offerta della società laziale in Serie D[18]. Tuttavia la notizia non ha avuto seguito, ragion per cui è da considerarsi una boutade[19].

Allenatori e presidentiModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dell'A.S.D.P. Terracina Calcio
Allenatori
  Ezio Castellucci
  • 2018-2019   Simone Reggio
  Vincenzo Marrone
  • 2019-   Fabio Gerli
Presidenti
  • 1925-2005 ...
  • 2005-2006   Stefano Trotta
  • 2010-2011   Pasquale Iezzi, Maria De Filippis
  • 2011-2012   Attilio Saturno
  • 2012-2013   Luca Meineri, Attilio Saturno
  • 2013-2015   Attilio Saturno,   Jennifer Varroni (Amministratore Unico)
  • 2015-2016   Emiliano Perotti
  • 2016-   Luciano Iannotta

CalciatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori dell'A.S.D.P. Terracina Calcio

PalmarèsModifica

Competizioni regionaliModifica

1995-1996 (girone B)
1975-1976 (girone B), 1979-1980 (girone B)
1950-1951 (girone B)
1959-1960 (girone D), 1973-1974 (girone D), 1989-1990 (girone F)
1967-1968, 1970-1971

Altri piazzamentiModifica

Secondo posto: 2013-2014 (girone G)
Terzo posto: 1980-1981 (girone D)
Terzo posto: 1997-1998 (girone G)
Secondo posto: 2005-2006 (girone B), 2012-2013 (girone B)
Secondo posto: 1976-1977 (girone B), 1978-1979 (girone B), 1990-1991 (girone C)
Terzo posto: 1951-1952 (girone I)
Secondo posto: 2015-2016
Finalista: 1995-1996

Statistiche e recordModifica

Partecipazione ai campionatiModifica

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Promozione 1 1951-1952 9
IV Serie 5 1952-1953 1956-1957
Interregionale 1 1957-1958
Serie D 2 1977-1978 2014-2015
Serie D 7 1980-1981 2013-2014 15
Interregionale 4 1981-1982 1991-1992
Campionato Nazionale Dilettanti 4 1992-1993 1998-1999

TifoseriaModifica

StoriaModifica

La tifoseria terracinese è costituita da diversi gruppi di ultras che sono i Boixos, i Supporters, i Blue White Korps gli Utras, Quelli del Banco, il Vecchio Korps 85 e i Mods.

Gemellaggi e rivalitàModifica

I tifosi biancocelesti hanno delle amicizie con i tifosi della Lodigiani, dell'Isernia e del Formia.

Le rivalità si hanno invece con le squadre pontine, cioè Latina, Fondi, Aprilia e Gaeta e con quelle del frusinate, ovvero Frosinone, Cassino, Sora, Alatri, Isola Liri e con il Ceccano, mentre un'altra rivalità si ha con il Civitavecchia.

NoteModifica

  1. ^ Le sfide col Terracina
  2. ^ L'avversario: il Terracina
  3. ^ La storia del Terracina Calcio in un libro Archiviato il 12 giugno 2015 in Internet Archive. TerracinaLive.it, 03/09/2013.
  4. ^ Davide La Rocca - Il Terracina si presenta NotiziarioCalcio.com, 23/07/2010.
  5. ^ Michele Furlan - Terracina, crisi senza fine Calciomercato.it, 10/02/2015.
  6. ^ Terracina Calcio, esonerato mister Celestini Archiviato il 12 giugno 2015 in Internet Archive. TerracinaLive.it, 05/11/2014.
  7. ^ Terracina Calcio, le dimissioni di Celestini Archiviato il 12 giugno 2015 in Internet Archive. TerracinaLive.it, 21/01/2015.
  8. ^ Il Terracina retrocede in Eccellenza, i tifosi manifestano al tempio di Giove Anxur Repubblica.it, 17/04/2015.
  9. ^ Il Terracina riparte dalla Promozione CorriereDelloSport.it, 19/07/2015.
  10. ^ Terracina Calcio, niente Eccellenza. Ripartirà dalla Promozione Archiviato il 17 luglio 2015 in Internet Archive. SportPontino.it, 16/07/2015.
  11. ^ Rinasce dai tifosi il calcio a Terracina
  12. ^ Cambi Denominazioni e Sedi Sociali Archiviato il 18 agosto 2016 in Internet Archive. Laziogol.it.
  13. ^ Il Terracina rinasce: giocherà in Promozione Corrieredellosport.it, 13/06/2016.
  14. ^ Comunicato Ufficiale nº 51 del Direttorio Divisioni Superiori del 1º luglio 1937 - pubblicato da "Il Littoriale" del 4 luglio 1937, pag. 4 - che alla sezione "Cancellazioni dai ruoli federali" recita: S.S. Di Biagio, Terracina.
  15. ^ Annuario F.I.G.C. 1968-69 pag. 106: U.S. Juve Terracina - Via degli Uffici 10 - 04019 Terracina (Latina).
  16. ^ Annuario F.I.G.C. 1971-1972 pag. 123: U.S. Terracina - Via degli Uffici 10 - 04019 Terracina (LT).
  17. ^ A partire dal luglio 1990 il Comitato Regionale Lazio è diventato Comitato Regionale Lazio e conseguentemente i campionati regionali sono diventati "Eccellenza Lazio", "Promozione Lazio", "Prima Categoria Lazio" e "Seconda Categoria Lazio".
  18. ^ Pazzesco Adriano: c'è l'offerta del Terracina SportMediaset.it, 22/07/2014.
  19. ^ Serie D: Terracina, dall'Imperatore Adriano al crollo dell'impero TuttoLegaPro.com, 05/02/2015.
  20. ^ Matteo Marzotti - Andrea Chiappini è il nuovo allenatore dell’Arezzo Archiviato il 18 febbraio 2014 in Internet Archive. ArezzoNotizie.it, 17/02/2014.
  21. ^ Terracina sul mercato. Arrivano Lauretti, giocatore-allenatore, Coccorullo e Palumbo Parvapolis.it, 20/10/2000.
  22. ^ Terracina Calcio 1925: presentata la squadra. Il Sindaco: "Faremo tornare i tifosi al Colavolpe" Archiviato il 13 giugno 2015 in Internet Archive. Studio93.it, 22/08/2012.
  23. ^ Nuovo allenatore per il Terracina che stringe l'accordo con Guglielmo Bacci Archiviato il 14 giugno 2015 in Internet Archive. Studio93.it, 26/11/2013.
  24. ^ [1] Ilcalciovero.it, 22/10/2013.
  25. ^ Calcio, un mister elvetico guiderà il Terracina: ha firmato al "Colavolpe" Ilmessaggero.it, 08/07/2014.
  26. ^ Terracina Calcio, il nuovo tecnico è Raffaele Sergio Archiviato il 12 giugno 2015 in Internet Archive. TerracinaLive.it, 05/11/2014.
  27. ^ Celestini riparte da Losanna Archiviato il 12 giugno 2015 in Internet Archive. TerracinaLive.it, 24/03/2015.
  28. ^ Terracina Calcio, momento sempre più difficile Archiviato il 12 giugno 2015 in Internet Archive. TerracinaLive.it, 25/01/2015.
  29. ^ Terracina Calcio, pareggio sotto la pioggia Archiviato il 12 giugno 2015 in Internet Archive. TerracinaLive.it, 15/02/2015.

BibliografiaModifica

  • Mario Pietricola, Il Terracina...Una storia colorata di cielo!!! ...Dal 1925 all'eternità!!!, Easy Print Art, Agosto 2012.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica