Apri il menu principale

Associazione Sportiva Roma 1970-1971

1leftarrow blue.svgVoce principale: Associazione Sportiva Roma.

AS Roma
AsRoma7071.jpg
Una formazione dell'Associazione Sportiva Roma nella stagione 1970-1971.
Stagione 1970-1971
AllenatoreArgentina Helenio Herrera (1ª-24ª)
Italia Luciano Tessari (25ª-30ª)
PresidenteItalia Alvaro Marchini
Serie A6º posto
Coppa ItaliaQuarti di finale
Trofeo PicchiVincitore
Maggiori presenzeCampionato: Ginulfi, Bet, Salvori (30)
Totale: Bet (39)
Miglior marcatoreCampionato: Amarildo (7)
Totale: Amarildo (8)
StadioOlimpico di Roma
Media spettatori45 551[1]¹
¹
considera le partite giocate in casa in campionato.

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti l'Associazione Sportiva Roma nelle competizioni ufficiali della stagione 1970-1971.

StagioneModifica

 
Pellegrini, Cordova e Santarini scendono in campo per il derby del 14 marzo 1971 (2-2).

Durante la campagna acquisti del 1970, il presidente Marchini cede alla Juventus i cosiddetti gioielli della squadra giallorossa, le tre giovani promesse: il terzino Luciano Spinosi, il centrocampista Fabio Capello e l'attaccante Fausto Landini. Alla notizia, la reazione dei tifosi è devastante con manifestazioni di piazza e bandiere bruciate davanti alla sede sociale; le pesanti cessioni trovano il parere negativo anche dell'allenatore Herrera, che si trova tra le mani una squadra notevolmente indebolita.[2]

In cambio dei talenti giallorossi, la Juve oltre circa 700 milioni, cede alla Roma anche quattro giocatori, per rimpiazzare i partenti: il centrocampista spagnolo Luis del Sol, grande campione ma giunto ormai a fine carriera, il centrocampista avanzato Roberto Vieri, giocatore virtuoso, eccentrico e dal carattere difficile, la punta Gianfranco Zigoni, discreto attaccante rapido e imprevedibile, e il giovane difensore Paolo Viganò. Per tentare di placare gli umori del pubblico, il presidente porta inoltre un'altra stella verso il viale del tramonto: il brasiliano Amarildo, dalla Fiorentina, sostituto di Pelé al campionato del mondo 1962.[2]

 
La Roma posa a fine stagione con il Trofeo Picchi

Una serie di accuse nei confronti dell'allenatore da parte del presidente incrinano definitivamente i rapporti tra i due e Herrera viene sostituito a stagione in corso da Luciano Tessari che traghetta la squadra fino alla fine del campionato, conclusosi con il sesto posto.[2]

Maglie e sponsorModifica

Lo sponsor tecnico è Lacoste. La divisa primaria è costituita da maglia bianca bordata di giallorosso, così come nei pantaloncini e calzettoni; in trasferta viene usata una maglia rossa bordata di giallo, pantaloncini bianchi e calzettoni rossi bordati di giallo. I portieri usano una maglia nera bordata di giallorosso abbinata a calzoncini neri e calzettoni rossi bordati di giallo.[3]

Casa
Trasferta
Portiere

Organigramma societarioModifica

Di seguito l'organigramma societario.[2]

Area direttiva
Area tecnica
Area sanitaria
  • Medici sociali: Massimo Visalli
  • Massaggiatori: Roberto Minaccioni

RosaModifica

CalciomercatoModifica

Di seguito il calciomercato.[4]

Acquisti
R. Nome da Modalità
P Giovanni De Min Verona definitivo
D Angelo Rosa Ternana definitivo
D Paolo Viganò Juventus prestito [7]
C Amarildo Fiorentina definitivo
C Luis del Sol Juventus definitivo [7]
C Francisco De Mecenas Lecce definitivo
C Bruno Nobili Del Duca Ascoli fine prestito
C Roberto Vieri Juventus comproprietà [7]
A Luigi Sanseverino Mantova definitivo
A Gianfranco Zigoni Juventus definitivo [7]
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Adriano Zanier Casertana definitivo
D Luciano Spinosi Juventus definitivo
C Víctor Morales Benítez - svincolato
C Fabio Capello Juventus definitivo
C Francisco De Mecenas Reggina definitivo [6]
C Bruno Nobili Maceratese definitivo
A Joaquín Peiró Atlético Madrid definitivo
A Lucio Bertogna Monza definitivo
A Giorgio Braglia Brescia definitivo
A Fausto Landini Juventus definitivo
A Luigi Sanseverino Pisa definitivo [6]

RisultatiModifica

CampionatoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1970-1971.

Girone di andataModifica

Roma
27 settembre 1970, ore 15:00
1ª giornata
Roma0 – 1
referto
FiorentinaStadio Olimpico di Roma (circa 70.000 spett.)
Arbitro:  Gonella (Asti)

Milano
7 ottobre 1970, ore 15:00
2ª giornata
Inter0 – 0
referto
RomaStadio San Siro (circa 60.000 spett.)
Arbitro:  Monti (Ancona)

Roma
11 ottobre 1970, ore 15:00
3ª giornata
Roma4 – 1
referto
Lanerossi VicenzaStadio Olimpico di Roma (circa 50.000 spett.)
Arbitro:  Gussoni (Varese)

Varese
25 ottobre 1970, ore 14:30
4ª giornata
Varese0 – 0
referto
RomaStadio Franco Ossola (circa 11.000 spett.)
Arbitro:  Barbaresco (Cormons)

Roma
8 novembre 1970, ore 14:30
5ª giornata
Roma0 – 0
referto
SampdoriaStadio Olimpico di Roma (circa 35.000 spett.)
Arbitro:  Branzoni (Pavia)

Roma
15 novembre 1970, ore 14:30
6ª giornata
Lazio1 – 1
referto
RomaStadio Olimpico di Roma (circa 60.000 spett.)
Arbitro:  Toselli (Cormons)

Roma
22 novembre 1970, ore 14:30
7ª giornata
Roma3 – 1
referto
FoggiaStadio Olimpico di Roma (circa 40.000 spett.)
Arbitro:  Michelotti (Parma)

Torino
29 novembre 1970, ore 14:30
8ª giornata
Juventus2 – 0
referto
RomaStadio Comunale (circa 35.000 spett.)
Arbitro:  Francescon (Padova)

Roma
13 dicembre 1970, ore 14:30
9ª giornata
Roma0 – 0
referto
CagliariStadio Olimpico di Roma (circa 70.000 spett.)
Arbitro:  Lo Bello (Siracusa)

Catania
20 dicembre 1970, ore 14:30
10ª giornata
Catania1 – 2
referto
RomaStadio Cibali (circa 7.000 spett.)
Arbitro:  Monti (Ancona)

Roma
27 dicembre 1970, ore 14:30
11ª giornata
Roma1 – 1
referto
BolognaStadio Olimpico di Roma (circa 50.000 spett.)
Arbitro:  Angonese (Mestre)

Roma
3 gennaio 1971, ore 14:30
12ª giornata
Roma2 – 2
referto
NapoliStadio Olimpico di Roma (circa 78.000 spett.)
Arbitro:  Gonella (Asti)

Torino
10 gennaio 1971, ore 14:30
13ª giornata
Torino4 – 0
referto
RomaStadio Comunale (circa 25.000 spett.)
Arbitro:  Gussoni (Varese)

Roma
17 gennaio 1971, ore 14:30
14ª giornata
Roma0 – 0
referto
VeronaStadio Olimpico di Roma (circa 40.000 spett.)
Arbitro:  Toselli (Cormons)

Milano
24 gennaio 1971, ore 14:30
15ª giornata
Milan2 – 2
referto
RomaStadio San Siro (circa 45.000 spett.)
Arbitro:  Monti (Ancona)

Girone di ritornoModifica

Firenze
31 gennaio 1971, ore 14:30
16ª giornata
Fiorentina2 – 2
referto
RomaStadio Comunale (circa 45.000 spett.)
Arbitro:  Gonella (Asti)

Roma
7 febbraio 1971, ore 15:00
17ª giornata
Roma0 – 0
referto
InterStadio Olimpico di Roma (circa 80.000 spett.)
Arbitro:  Lo Bello (Siracusa)

Vicenza
14 febbraio 1971, ore 15:00
18ª giornata
Lanerossi Vicenza0 – 0
referto
RomaStadio Romeo Menti (14.898 spett.)
Arbitro:  Branzoni (Pavia)

Roma
28 febbraio 1971, ore 15:00
19ª giornata
Roma3 – 0
referto
VareseStadio Olimpico di Roma (circa 40.000 spett.)
Arbitro:  Trono (Torino)

Genova
7 marzo 1971, ore 15:00
20ª giornata
Sampdoria0 – 0
referto
RomaStadio Luigi Ferraris (circa 18.000 spett.)
Arbitro:  Mascali (Desenzano del Garda)

Roma
14 marzo 1971, ore 15:00
21ª giornata
Roma2 – 2
referto
LazioStadio Olimpico di Roma (circa 50.000 spett.)
Arbitro:  Monti (Ancona)

Foggia
21 marzo 1971, ore 15:00
22ª giornata
Foggia1 – 0
referto
RomaStadio Pino Zaccheria (circa 12.500 spett.)
Arbitro:  Giunti (Arezzo)

Roma
28 marzo 1971, ore 15:30
23ª giornata
Roma0 – 0
referto
JuventusStadio Olimpico di Roma (circa 80.000 spett.)
Arbitro:  Lo Bello (Siracusa)

Cagliari
4 aprile 1971, ore 15:30
24ª giornata
Cagliari0 – 1
referto
RomaStadio Sant'Elia (circa 40.000 spett.)
Arbitro:  Lazzaroni (Milano)

Roma
11 aprile 1971, ore 15:30
25ª giornata
Roma5 – 0
referto
CataniaStadio Olimpico di Roma
Arbitro:  Picasso (Chiavari)

Bologna
18 aprile 1971, ore 15:30
26ª giornata
Bologna0 – 0
referto
RomaStadio Comunale (circa 20.000 spett.)
Arbitro:  Vacchini (Milano)

Napoli
25 aprile 1971, ore 15:30
27ª giornata
Napoli1 – 2
referto
RomaStadio San Paolo (53.340 spett.)
Arbitro:  Gussoni (Varese)

Roma
2 maggio 1971, ore 16:00
28ª giornata
Roma1 – 1
referto
TorinoStadio Olimpico di Roma (circa 45.000 spett.)
Arbitro:  Barbaresco (Cormons)

Verona
16 maggio 1971, ore 16:00
29ª giornata
Verona1 – 0
referto
RomaStadio Marcantonio Bentegodi (circa 20.000 spett.)
Arbitro:  Vacchini (Milano)

Roma
23 maggio 1971, ore 17:00
30ª giornata
Roma1 – 1
referto
MilanStadio Olimpico di Roma (circa 60.000 spett.)
Arbitro:  Gialluisi (Barletta)

Coppa ItaliaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 1970-1971.

Primo turno - Gruppo 8Modifica

Catanzaro
30 agosto 1970, ore 17:30
1ª giornata
Catanzaro1 – 2
referto
RomaStadio Comunale
Arbitro:  Gialluisi (Barletta)

Roma
6 settembre 1970, ore 21:15
2ª giornata
Roma2 – 0
referto
LazioStadio Olimpico di Roma (circa 80.000 spett.)
Arbitro:  Angonese (Mestre)

Palermo
13 settembre 1970, ore 16:30
3ª giornata
Palermo0 – 1
referto
RomaStadio La Favorita (circa 15.000 spett.)
Arbitro:  Giunti (Arezzo)

Fase ad eliminazione direttaModifica

Torino
20 settembre 1970, ore 16:30
Quarti di finale - Andata
Torino1 – 0
referto
RomaStadio Comunale (25.399 spett.)
Arbitro:  Picasso (Chiavari)

Roma
4 novembre 1970, ore 14:30
Quarti di finale - Ritorno
Roma0 – 1
referto
TorinoStadio Olimpico di Roma (circa 40.000 spett.)
Arbitro:  Giunti (Arezzo)

Trofeo Nazionale di Lega Armando PicchiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Trofeo Nazionale di Lega Armando Picchi.

Girone all'italianaModifica

Roma
18 giugno 1971, ore 18:30
1ª giornata
Roma3 – 2
referto
CagliariStadio Olimpico di Roma
Arbitro:  Barbaresco (Cormons)

Roma
23 giugno 1971, ore 21:00
2ª giornata
Roma2 – 2
referto
JuventusStadio Olimpico di Roma (circa 35.000 spett.)
Arbitro:  Panzino (Catanzaro)

Milano
26 giugno 1971, ore 21:00
3ª giornata
Inter2 – 1RomaStadio San Siro
Arbitro:  Trono (Torino)

FinaleModifica

Roma
29 giugno 1971, ore 21:15
Finale
Roma1 – 0
referto
InterStadio Olimpico di Roma (61.915 spett.)
Arbitro:  Angonese (Mestre)

StatisticheModifica

Statistiche di squadraModifica

Di seguito le statistiche di squadra.[2]

Competizione Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
  Serie A 32 15 4 10 1 22 10 15 3 8 4 10 15 30 7 18 5 32 25 +7
  Coppa Italia 2 1 0 1 2 1 3 2 0 1 3 2 5 3 0 2 5 3 +2
Trofeo Nazionale di Lega Armando Picchi 3 2 1 0 6 4 1 0 0 1 1 2 4 2 1 1 7 6 +1
Totale - 20 7 11 2 30 15 19 5 8 6 14 19 39 12 19 8 44 34 +10

Andamento in campionatoModifica

Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30
Luogo C T C T C T C T C T C C T C T T C T C T C T C T C T T C T C
Risultato P N V N N N V P N V N N P N N N N N V N N P N V V N V N P N
Posizione 7 10 8 5 5 6 5 6 7 6 6 6 6 7 7 7 7 7 5 5 6 7 7 6 6 6 5 6 6 6

Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatoriModifica

Desunte dai tabellini del Corriere dello Sport, de La Stampa e de L'Unità.[8]

Giocatore Serie A Coppa Italia Trofeo Nazionale di
Lega Armando Picchi
Totale
               
Ginulfi, A. A. Ginulfi 30-255-33-438-32
Quintini, F. F. Quintini 0-00-00-00-0
De Min, G. G. De Min 0-00-02-22-2
Bertini, G. G. Bertini 30300060
Bet, A. A. Bet 3005040390
Cappelli, F. F. Cappelli 00000000
Liguori, L. L. Liguori 1610030191
Petrelli, S. S. Petrelli 2114030281
Rosa, A. A. Rosa 30100040
Santarini, S. S. Santarini 2804041361
Scaratti, F. F. Scaratti 2305041321
Viganò, P. P. Viganò 10000010
Amarildo, Amarildo 2174120278
Colafrancesco, A. A. Colafrancesco 00000000
Cordova, F. F. Cordova 2924140373
De Mecenas, F. F. De Mecenas 00000000
del Sol, L. L. del Sol 2343030294
Franzot, W. W. Franzot 1914021252
La Rosa, G. G. La Rosa 41104293
Salvori, E. E. Salvori 3025020372
Ingrassia, C. C. Ingrassia 00000000
Cappellini, R. R. Cappellini 2065031287
Pellegrini, S. S. Pellegrini 10001020
Sanseverino, L. L. Sanseverino 00000000
Vieri, R. R. Vieri 1814141263
Zigoni, G. G. Zigoni 2555010315

GiovaniliModifica

PiazzamentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Media spettatori Serie A dal 62-63 al 73-74, su stadiapostcards.com.
  2. ^ a b c d e Romano, 1965-1973 L'era dei maghi: da Oronzo Pugliese a Helenio Herrera.
  3. ^ Castellani, Ceci, de Conciliis, pp. 117-118.
  4. ^ a b Rosa AS Roma - Saison 70/71, su transfermarkt.it. URL consultato il 10 aprile 2018.
  5. ^ a b c d Aggregato alla prima squadra dalla formazione Primavera.
  6. ^ a b c d Ceduto durante la sessione autunnale di calciomercato.
  7. ^ a b c d Come parziale contropartita per la cessione di Spinosi, Capello e Landini.
  8. ^ A completamento dei dati vanno conteggiati 1 autogol in campionato e 2 autogol in Coppa Italia.

BibliografiaModifica

  • Paolo Castellani, Massimilano Ceci e Riccardo de Conciliis, La maglia che ci unisce. Storia delle divise dell'AS Roma dalla nascita ai giorni nostri, Roma, Goalbook Edizioni, 2012, ISBN 978-88-908115-0-0.

VideografiaModifica

  • Manuela Romano (a cura di), La storia della A.S. Roma (10 DVD-Video), Corriere dello Sport, Rai Trade, 2006.

Collegamenti esterniModifica