Apri il menu principale

Associazione Sportiva Waterpolis Pescara Pallanuoto

Pescara Nuoto
Pallanuoto Water polo pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
WaterPoloSwimsuits front.svg WaterPoloSwimsuits back.svg
Colori sociali          
Dati societari
Città Pescara
Paese Italia Italia
Confederazione LEN
Federazione Flag of Italy.svg FIN
Fondazione 1930
Scioglimento 2009
Palmarès
ScudettoScudettoScudettoCoppa ItaliaCoppa ItaliaCoppa ItaliaCoppa ItaliaCoppa ItaliaCoppa dei campioniCoppa LENSupercoppa europeaSupercoppa europea
Scudetti 3
Trofei nazionali 5 Coppe Italia
Titoli europei 1 Coppa dei Campioni
1 Coppa LEN
2 Supercoppe LEN
3 Coppa delle Coppe
Impianto sportivo
Centro Sportivo "Le Naiadi"
1.500 posti

Il Pescara nuoto (nota durante la sua storia anche come Water Polis Pescara) era una squadra di pallanuoto della città di Pescara.

Campione d'Europa nel 1988, il Pescara ha vinto per tre volte la massima serie italiana (serie A1): la prima nel 1987 con il nome di Sisley Pescara e poi due anni di seguito nel 1996-97 e nel 1997-98 con il nome di Waltertosto Pescara. Negli anni precedenti alle ultime due vittorie nazionali la squadra abruzzese era spesso riuscita ad arrivare in finale dei play-off scudetto: splendide le sfide contro il Posillipo, squadra con la quale il Cus Pescara ha condiviso il dominio del massimo campionato italiano a cavallo tra gli anni ottanta e novanta, e contro la quale ha vinto la Supercoppa europea del 1987 e, in seguito, perso la finale dell'allora LEN Champions League (1997-98).

Il Pescara rimane l'unica squadra di pallanuoto in Italia ad aver vinto almeno una volta in tutte le competizioni continentali. L'ultimo trofeo europeo conquistato è stata la coppa LEN nel 1996 e l'ultima finale continentale disputata è stata quella del 2000 contro lo Jug Dubrovnik.

Nella squadra di pallanuoto pescarese hanno militato campioni mondiali e olimpici, e, in generale, grandi nomi della pallanuoto italiana ed estera come i fratelli Roberto e Alessandro Calcaterra, Marco D'Altrui, Amedeo Pomilio, Francesco Attolico e lo spagnolo Manuel Estiarte.

Negli anni 2000 la squadra ha conosciuto un lento declino sportivo e societario, perdendo la partecipazione alle coppe europee e, poi, alla massima serie. All'inizio della stagione 2009-10 la Water Polis Pescara ha comunicato il proprio fallimento e il ritiro da tutti i campionati[1].

Indice

PalmarèsModifica

NoteModifica

  1. ^ Chiude Water Polis. Pescara, pallanuoto addio, Waterpoloweb.com, 5 dicembre 2009.