Apri il menu principale
Asterismo (punteggiatura)
Segni di punteggiatura
apostrofo '
barra /
due punti :
lineetta ondulata
lineetta
parentesi ( ) [ ] { } 〈 〉 < >
punti di sospensione ...
punto e virgola ;
punto esclamativo ! ¡
punto fermo .
punto interrogativo ? ¿
punto mediano ·
spazio     
tratto d'unione
virgola ,
virgolette « » ‘ ’ “ ”
Segni tipografici
asterisco *
asterismo
barra inversa \
barra verticale | ¦
cancelletto #
chiocciola o a commerciale @
circonflesso ^
copyright ©
e commerciale (et) &
fleuron
grado °
indicatore ordinale º ª
interrobang
ironia
losanga
manicula
marchio ®
meno
nota tipografica
numero
obelisco † ‡
obelo ÷
paragrafo §
per ×
per cento/mille/punto base %
piede di mosca
più +
primo
punto elenco
tilde ~
tombstone
trattino basso _
trattino-meno -
uguale =
Simboli monetari

¤฿¢$ƒ£ ¥

Ortografia · Segno diacritico · modifica

L'asterismo, detto anche triangolo di asterischi, è un carattere tipografico (⁂) quasi mai adoperato nei romanzi e con grande rarità nelle riviste; esso consiste graficamente in un triangolo equilatero di tre comuni asterischi sistemati a poca distanza gli uni dagli altri. Il suo nome deriva dal fatto che, in astronomia, il termine "asterismo" indica un gruppo di almeno tre stelle apparentemente ravvicinate: se si ricorda che in greco il vocabolo "asterisco" (ἀστερίσκος) vuol dire stellina, l'accostamento del significato diviene evidente. Nella lettura l'asterismo è considerato un simbolo di pausa, equivalente a un punto fermo.

UtilizzoModifica

Come già detto, oggigiorno non si suole far un largo uso di questo simbolo: malgrado sia simile all'asterisco, esso non rimanda infatti a note a piè di pagina. Nei pochi casi in cui è adoperato, esso funge da separatore tra paragrafi[1]: il sistemarlo nello spazio libero tra un testo e l'altro indica perciò una netta separazione. D'altronde il fatto che tale simbolo sia raro sulle tastiere e poco conosciuto determina il suo scarso utilizzo, per cui si preferisce utilizzare in sua vece una maggiore spaziatura verticale tra i paragrafi. Il codice adoperato per digitarlo in Unicode è U+2042, cui corrisponde .

A volte questo glifo viene sostituito da tre, o più, asterischi o punti. Inoltre può venir sostituito da uno spazio supplementare tra i paragrafi da dividere. Un asterismo o un segno equivalente può essere usato insieme a uno spazio supplementare per indicare una suddivisione in sottocapitoli.

Nei necrologi a pagamento che vengono pubblicati nelle pagine dei quotidiani l'asterismo viene utilizzato come segnale di appartenenza massonica del defunto, o della persona di cui si commemora l'anniversario della morte, in sostituzione della spada.[senza fonte]

Non deve essere confuso con il segno (Unicode character U+2234), molto simile ma costruito con tre punti. Questo simbolo viene usato come abbreviazione di "perciò" o "quindi" nella logica in quanto rappresenta la forma inversa di qualche volta usato come abbreviazione di "perché".

LaTeXModifica

In LaTeX, un'istruzione come la seguente può essere usata per inserire il nuovo comando \asterismo:

 \newcommand{\asterismo}{\smash{% 
    \raisebox{-.5ex}{% 
      \setlength{\tabcolsep}{-.5pt}% 
      \begin{tabular}{@{}cc@{}}%
        \multicolumn2c*\\[-2ex]*&*% 
      \end{tabular}}}}

NoteModifica

  1. ^ (FR) Jean-Pierre Lacroux, Astérisque, su orthotypographie.fr, 2007-2012. URL consultato il 28/01/2015.