Apri il menu principale

Atlanta United Football Club

società calcistica statunitense
(Reindirizzamento da Atlanta United FC)
Atlanta United FC
Calcio Football pictogram.svg
Detentore della U.S. Open Cup
Logo Atlanta MLS.png
The Five Stripes (Le Cinque Strisce)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Vertical Red HEX-FB090B Black.svg Rosso, nero, oro
Simboli Chiodo ferroviario
Inno United We Conquer
Archie Eversole
Dati societari
Città Atlanta (Georgia)
Nazione Stati Uniti Stati Uniti
Confederazione CONCACAF
Federazione Flag of the United States.svg USFA
Campionato Major League Soccer
Fondazione 2014
Proprietario Stati Uniti Arthur Blank
Presidente Stati Uniti Darren Eales
Allenatore Paesi Bassi Frank de Boer
Stadio Mercedes-Benz Stadium
(71 000 posti)
Sito web www.atlutd.com/
Palmarès
Major League
Titoli MLS 1
U.S. Open Cup 1
Trofei internazionali 1 Campeones Cup
Si invita a seguire il modello di voce

L'Atlanta United FC è una società calcistica statunitense con sede nella città di Atlanta (Georgia). Dal 2017 milita nella Major League Soccer (MLS) e disputa le proprie partite casalinghe al Mercedes-Benz Stadium, impianto da 71.000 posti a sedere.

Nel 2018 il club ha vinto il primo titolo MLS della sua storia, sconfiggendo in finale i Portland Timbers.

StoriaModifica

La città di Atlanta è stata considerata come possibile sede di una franchigia MLS sin dall'inizio della nuova fase di espansione della lega, nel 2008, ma le varie candidature erano ostacolate dall'assenza di un impianto idoneo in cui giocare. Questo problema fu superato nel 2012 dalla decisione di Arthur Blank, proprietario della squadra di football americano degli Atlanta Falcons, di associare la propria candidatura alla costruzione di un nuovo stadio, che servisse sia per i Falcons che per la squadra di calcio.[1]

Il 16 aprile 2014 la MLS ufficializzò che Atlanta sarebbe stata la ventiduesima squadra della lega.[2] Il logo e il nome del club sono stati ufficializzati il 7 luglio 2015.[3]

Il primo tecnico della squadra è l'argentino Gerardo Martino.[4]

La stagione 2018 vede la squadra crescere costantemente, dominando per lunghi tratti la fase regolare del campionato, culminato con un secondo posto finale. La fase playoff viene affrontata battendo in serie: New York City, N.Y. Red Bulls ed in finale i Portland Timbers, battuti per 2-0 con le reti di Josef Martínez e Franco Escobar. Nella stagione 2019 la squadra, sotto la guida di Frank de Boer[5], conquista il primo titolo internazionale, ovvero la Campeones Cup contro l'América e poche settimane più tardi vince la prima coppa nazionale battendo in finale per 2-1 il Minnesota Utd.[6][7]

CronistoriaModifica

Cronistoria dell'Atlanta United FC

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

2018
2019

Competizioni internazionaliModifica

2019

OrganicoModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) MLS commissioner Don Garber discusses expansion, scheduling in latest State of the League address, mlssoccer.com, 3 dicembre 2013. URL consultato il 22 dicembre 2016.
  2. ^ (EN) MLS awards 2017 expansion franchise to Atlanta, owner Arthur Blank, sportsillustrated.com, 16 aprile 2014. URL consultato il 22 dicembre 2016.
  3. ^ (EN) Atlanta United FC officially unveil name, logo, clatl.com, 8 luglio 2015. URL consultato il 22 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 23 dicembre 2016).
  4. ^ Atlanta United: "Tata" Martino sarà il primo coach, mlssocceritalia.com, 27 settembre 2016. URL consultato il 22 dicembre 2016.
  5. ^ (EN) Official Atlanta United name Frank de Boer new head coach, mlssoccer.com, 28 dicembre 2018. URL consultato il 29 agosto 2019.
  6. ^ (EN) Atlanta wins Campeones Cup in thriller, mlssoccer.com, 14 agosto 2019. URL consultato il 29 agosto 2019.
  7. ^ (EN) Atlanta wins U.S. Open Cup, mlssoccer.com, 27 agosto 2019. URL consultato il 29 agosto 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica