Apri il menu principale

Ai Giochi della V Olimpiade di Stoccolma 1912 sono stati assegnati 31 titoli in gare di atletica leggera.

L'atletica leggera ai Giochi della V Olimpiade di Stoccolma


  • 31 titoli in palio;
  • Durata del programma: dal 6 al 15 luglio 1912;
  • Nazioni partecipanti: 26. Per la prima volta partecipa una nazione dell'Asia: il Giappone. È invece l'ultima partecipazione della Russia zarista. Mosca tornerà ai Giochi solamente nel 1952 (Helsinki).
  • Atleti iscritti: 556 (tutti uomini).
  • Sono ammessi per ogni gara fino a 12 uomini della stessa nazione.
  • Sede delle gare: Stadio Olimpico di Stoccolma. Pista disegnata da Charles Perry, lunghezza di 385 m, in cenere, 6 corsie. La lunghezza della pista inferiore ai 400 metri rende impraticabili i 400 ostacoli.
  • Al posto delle 5 miglia inglesi vengono introdotti i 5000 metri e i 10.000 metri. Entrano ai Giochi anche le staffette 4x100 e 4x400. Non si disputa invece la gara con le siepi.
  • Appare il Decathlon come lo conosciamo oggi: 4 gare di corsa (di cui una a ostacoli), tre salti e tre lanci.
  • 5 migliori prestazioni mondiali, 12 nuovi record olimpici.

Indice

PartecipazioneModifica

Viene aggiornato il regolamento che stabilisce il confine tra dilettantismo e professionismo, risalente al 1894 e in uso fin dai primi Giochi del 1896. Viene ora permesso ai dilettanti:

  1. Gareggiare con i professionisti nelle competizioni a squadre;
  2. Percepire i rimborsi di viaggio e di soggiorno.

Viene ribadito invece il divieto di svolgere insieme l'attività di atleta e di allenatore, se quest'ultima è retribuita.

Anche per quest'edizione dei Giochi gli Stati Uniti effettuano le selezioni in tre luoghi diversi: Ovest (Stanford, 17 maggio), Centro (Evanston, 8 giugno) ed Est (Cambridge, ancora l'8 giugno).

Le 26 nazioni che prendono parte alle gare di atletica leggera ai V Giochi olimpici sono:

Tutti i Paesi che hanno partecipato ai Giochi di Londra 1908 sono presenti.

Impero turco e Giappone sono le prime nazioni asiatiche a partecipare ai Giochi. Per la prima volta le Olimpiadi vedono la partecipazioni di atleti provenienti dai cinque continenti.
Altre nazionali che partecipano per la prima volta alle gare di atletica ai Giochi sono: Cile, Lussemburgo, Portogallo e Serbia.

Il punto tecnicoModifica

Gli svedesi introducono il cross individuale e reintroducono il cross a squadre; tali gare dureranno per tre edizioni dei Giochi, poi saranno soppresse.

Una serie di innovazioni tecnologiche, procedurali e organizzative contraddistinguono l'edizione svedese delle Olimpiadi:

  • I giudici non appartengono più al paese ospitante; ai Giochi di Stoccolma opera la prima giuria internazionale.
  • La rilevazione dei tempi avviene con sistema manuale al decimo di secondo. I tempi ufficiali, invece, continuano ad essere registrati al quinto di secondo. L'ufficializzazione è allargata ai primi tre classificati.
  • Il comitato dei giudici decide di modificare il regime di sanzioni per le false partenze. Gli starter non faranno più retrocedere gli atleti dal punto di partenza, ma commineranno loro una semplice ammonizione [1]
  • Viene impiegata un'attrezzatura precorritrice del fotofinish. Posizionata in alto, sopra la scaletta dove sono collocati i giudici e i cronometristi, la macchina fissa le immagini fotografiche dei concorrenti al momento di tagliare il traguardo. La sua funzione è aiutare i giudici a stabilire senza incertezze l'ordine di arrivo.
  • Vengono abolite le cordicelle rette da picchetti che delimitavano le corsie nelle gare di velocità; sono sostituite con linee tracciate con il gesso sulla pista.
  • La premiazione dei vincitori con la consegna delle medaglie, avviene sul campo, subito dopo il termine di ogni gara.

Per la scarsa lungimiranza degli organizzatori, queste innovazioni non verranno adottate nelle successive tre edizioni dei Giochi, nonostante gli apprezzamenti ottenuti a Stoccolma.

Regolamento dei salti in altezza

In base al regolamento in vigore, se gli atleti sbagliano una misura che assegna le medaglie, si procede ad un salto di spareggio sulla misura precedente. Il salto di spareggio non può essere omologato come record. Questa regola rimarrà in vigore fino al 1948 (compreso). Nel 1936 sarà decisiva per assegnare la vittoria del salto in alto femminile.

Regolamento dei salti in estensione e dei lanci

Le norme ricalcano quelle di Londra 1908: tutti gli atleti iscritti disputano tre turni («Qualificazione»). Poi si stila una classifica. I primi tre proseguono la gara con tre ulteriori lanci («Finale»). Tutti i lanci sono validi ai fini della classifica finale.

CalendarioModifica

  Atletica leggera alla V Olimpiade
Luglio 1912 Sab 6 Dom 7 Lun 8 Mar 9 Mer 10 Gio 11 Ven 12 Sab 13 Dom 14 Lun 15 Titoli
Uomini
100 m 100 m 4x100 m 4x100 m 200 m 200 m 400 m 400 m 4x400 m 4x400 m 31
800 m 800 m 800 m 1500 m 1500 m 110 m ost. 110 m ost.
10 000 m 10 000 m 5000 m 5000 m 3000 m
a squadre
3000 m
a squadre
Cross[2]
Alto Alto Asta Asta Lungo Alto
da fermo
Triplo
Giavellotto Lungo
da fermo
Giavellotto
a due mani
Peso Peso
a due mani
Disco Disco
a due mani
Martello
Marcia Marcia Maratona
Pentathlon Tiro alla fune Decathlon
(1ª giornata)
Decathlon
(2ª giornata)
Decathlon
(3ª giornata)
Titoli 1 2 5 2 3 4 3 4 2 5 31
       Qualificazioni        Finali

Rispetto a Londra 1908 la distribuzione delle gare è molto più razionale. Nella velocità è prevista una gara al giorno (a Londra invece 100, 200 e 400 metri erano sovrapposti). In questo modo gli atleti possono cimentarsi in più specialità. Nel calendario-gare di Stoccolma si riscontrano alcune caratteristiche che diventeranno dei veri e propri standard, e che verranno utilizzati negli anni seguenti in tutti i maggiori campionati di atletica leggera:

  • Si individuano sette settori:
  1. Velocità:
  2. Mezzofondo;
  3. Fondo (compresa la corsa campestre);
  4. Salti;
  5. Lanci;
  6. Corse su strada;
  7. Prove multiple e tiro alla fune.
  • Per ciascun settore, non più di una gara al giorno[3];
  • Velocità: quando si disputano le staffette non ci sono gare individuali;
  • Fondo: prima i 10000 metri, poi i 5000 metri, poi i 3000 metri a squadre (cioè la serie è “a scendere”).

Nuovi recordModifica

I cinque record mondiali sono, per definizione, anche record olimpici.

Fanno il loro esordio olimpico: 5 000 m e 10 000 m, Marcia 10 000 m, Staffette 4×100 m e 4×400 m,
Cross (individuale e a squadre), Pentathlon e Decathlon
Miglior prestazione mondiale 5 specialità: 100 m[4], 800 m, 5 000 m e Staffette 4×100 m e 4×400 m.
Nuovo record olimpico in 12 specialità: 200 m, 400 m, 1 500 m,
maratona, salto in alto, alto da fermo,
salto con l'asta, salto in lungo,
getto del peso, lancio del disco,
lancio del martello e giavellotto.

Risultati delle gareModifica

Specialità   Oro Risultato   Argento Risultato   Bronzo Risultato Dettagli
100 m   Ralph Craig 10"8   Alvah Meyer 10"9   Donald Lippincott 10"9 Classifica completa
200 m   Ralph Craig 21"7     Donald Lippincott 21"8   Willie Applegarth 22"0 Classifica completa
400 m   Charles Reidpath 48"2     Hanns Braun 48"3   Edward Lindberg 48"4 Classifica completa
800 m   Ted Meredith 1'51"9       Mel Sheppard 1'52"0   Ira Davenport 1'52"0 Classifica completa
1.500 m   Arnold Jackson 3'56"8     Abel Kiviat 3'56"9   Norman Taber 3'56"9 Classifica completa
5.000 m   Hannes Kolehmainen 14'36"6       Jean Bouin 14'36"7   George Hutson 15'07"6 Classifica completa
10.000 m   Hannes Kolehmainen 31'20"8     Lewis Tewanima 32'06"6   Albin Stenroos 32'21"8 Classifica completa
110 m ostacoli   Fred Kelly 15"1   James Wendell 15"2   Martin Hawkins 15"3 Classifica completa
Staffetta 4×100 m   Regno Unito
Willie Applegarth
Victor d'Arcy
David Jacobs
Henry Macintosh
42"4   Svezia
Knut Lindberg
Karl August Luther
Ivan Möller
Ture Persson
42"6 Non assegnata Classifica completa
Staffetta 4×400 m   Stati Uniti
Edward Lindberg
Ted Meredith
Charles Reidpath
Mel Sheppard
3'16"6       Francia
Pierre Failliot
Charles Lelong
Charles Poulenard
Robert Schurrer
3'20"7   Regno Unito
Ernest Henley
George Nicol
Cyril Seedhouse
James Soutter
3'23"2 Classifica completa
3000 m a squadre   Stati Uniti
Tell Berna
George Bonhag
Abel Kiviat
Louis Scott
Norman Taber
9 p.   Svezia
Bror Fock
Nils Frykberg
Thorild Olsson
Ernst Wide
John Zander
13 p.   Regno Unito
Joe Cottrill
George Hutson
William Moore
Edward Owen
Cyril Porter
23 p. Classifica completa
Maratona   Ken McArthur 2h36'54"8     Christian Gitsham 2h37'52"0   Gaston Strobino 2h38'42"4 Classifica completa
Marcia 10.000 m   George Goulding 46'28"4   Ernest Webb 46'50"4   Fernando Altimani 47'37"6 Classifica completa
Corsa campestre
individuale
  Hannes Kolehmainen 45'11"6   Hjalmar Andersson 45'44"8   John Eke 46'37"6 Classifica completa
Corsa campestre
a squadre
  Svezia
Hjalmar Andersson
John Eke
Josef Ternström
10 p.   Finlandia
Jalmari Eskola
Hannes Kolehmainen
Albin Stenroos
11 p.   Regno Unito
Ernest Glover
Frederick Hibbins
Thomas Humphreys
49 p. Classifica completa
Salto in alto   Alma Richards 1,93 m     Hans Liesche 1,91 m   George Horine 1,89 m Classifica completa
Alto da fermo   Platt Adams 1,63 m     Ben Adams 1,60 m   Kōnstantinos Tsiklītīras 1,55 m Classifica completa
Salto con l'asta   Harry Babcock 3,95 m     Frank Nelson
  Marc Wright
3,85 m   Bertil Uggla
  William Halpenny
  Frank Murphy
3,80 m Classifica completa
Salto in lungo   Albert Gutterson 7,60 m     Calvin Bricker 7,21 m   Georg Åberg 7,18 m Classifica completa
Lungo da fermo   Kōnstantinos Tsiklītīras 3,37 m   Platt Adams 3,36 m   Ben Adams 3,28 m Classifica completa
Salto triplo   Gustaf Lindblom 14,76 m   Georg Åberg 14,51 m   Erik Almlöf 14,17 m Classifica completa
Getto del peso   Patrick McDonald 15,34 m     Ralph Rose 15,25 m   Lawrence Whitney 13,93 m Classifica completa
Peso a due mani   Ralph Rose 27,70 m   Patrick McDonald 27,53 m   Elmer Niklander 27,14 m Classifica completa
Lancio del disco   Armas Taipale 45,21 m     Richard Byrd 42,32 m   James Duncan 42,28 m Classifica completa
Disco a due mani   Armas Taipale 82,86 m   Elmer Niklander 77,96 m   Emil Magnusson 77,37 m Classifica completa
Lancio del martello   Matt McGrath 54,74 m     Duncan Gillis 48,39 m   Clarence Childs 48,17 m Classifica completa
Lancio del giavellotto   Eric Lemming 60,64 m     Juho Saaristo 58,66 m   Mór Kóczán 55,50 m Classifica completa
Giavellotto a due mani   Juho Saaristo 109,42 m   Väinö Siikaniemi 101,13 m   Urho Peltonen 100,24 m Classifica completa
Pentathlon   Jim Thorpe[5]
  Ferdinand Bie
7 p.
21 p.
  James Donahue 24 p.   Frank Lukeman 24 p. Classifica completa
Decathlon   Jim Thorpe[5]
  Hugo Wieslander
8.412,955 p.  
7.724,495 p.
  Charles Lomberg 7.413,510 p.   Gösta Holmér 7.347,855 p. Classifica completa
Tiro alla fune   Svezia   Regno Unito Non assegnata Classifica completa
  record mondiale;   record olimpico;   record mondiale stagionale;   record africano;   record asiatico;   record europeo;   record nord-centroamericano e caraibico;   record sudamericano;   record oceaniano;   record nazionale;   record personale;   record personale stagionale.

MedagliereModifica

Pos. Paese       Totale
1   Stati Uniti 16 14 12 42
2   Finlandia 6 4 3 13
3   Svezia 4 5 6 15
4   Canada 1 2 2 5
5   Regno Unito 2 1 5 8
6   Sudafrica 1 1 0 2
7   Norvegia 1 0 0 1
8   Francia 0 2 0 2
8   Germania 0 2 0 2
10   Grecia 1 0 1 2
10   Ungheria 0 0 1 1
10   Italia 0 0 1 1

NoteModifica

  1. ^ Ciò causerà problemi nelle gare di sprint: nella finale dei 100 metri si verificheranno ben sette partenze false.
  2. ^ La competizione assegna due titoli: individuale e a squadre.
  3. ^ Vi è un'unica eccezione: lunedì 8 luglio si disputano le finali di due salti, ma il dato è trascurabile, in quanto il secondo salto è il Lungo da fermo.
  4. ^ Donald Lippincott con il tempo di 10"6 in batteria.
  5. ^ a b La gara fu vinta da Thorpe, ma a seguito di squalifica, per 71 anni il titolo non gli fu riconosciuto. Nel 1983, il CIO assegna il titolo ex æquo.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica