Apri il menu principale

Atletica leggera ai Giochi della XIX Olimpiade - 10000 metri piani

Bandiera olimpica Athletics pictogram.svg
10000 metri piani
Città del Messico 1968
Informazioni generali
Luogo Stadio Olimpico Universitario
Periodo 13 ottobre 1968
Partecipanti 37 da 23 nazioni
Podio
Medaglia d'oro Naftali Temu Kenya Kenya
Medaglia d'argento Mamo Wolde Etiopia Etiopia
Medaglia di bronzo Mohamed Gammoudi Tunisia Tunisia
Edizione precedente e successiva
Tokyo 1964 Monaco di Baviera 1972
Atletica leggera ai
Giochi olimpici di
Città del Messico 1968
Athletics pictogram.svg
Corse piane
100 m piani   uomini   donne
200 m piani uomini donne
400 m piani uomini donne
800 m piani uomini donne
1500 m piani uomini
5000 m piani uomini
10000 m piani uomini
Corse ad ostacoli
110 / 80 m hs uomini donne
400 m hs uomini
3000 m siepi uomini
Prove su strada
Maratona uomini
Marcia 20 km uomini
Marcia 50 km uomini
Salti
Salto in alto uomini donne
Salto con l'asta uomini
Salto in lungo uomini donne
Salto triplo uomini
Lanci
Getto del peso uomini donne
Lancio del disco uomini donne
Lancio del martello uomini
Lancio del giavellotto uomini donne
Prove multiple
Decathlon uomini
Pentathlon donne
Staffette
Staffetta 4×100 m uomini donne
Staffetta 4×400 m uomini

I 10000 metri piani hanno fatto parte del programma maschile di atletica leggera ai Giochi della XIX Olimpiade. La competizione si è svolta il 13 ottobre 1968 allo Stadio Olimpico Universitario di Città del Messico.

Indice

L'eccellenza mondialeModifica

Campione olimpico 1964 28'24"4   Billy Mills 4° ai Trials
Primatista mondiale 27'39"4 1965   Ronald Clarke Presente
Campione europeo 1966 28'26"0   Jürgen Haase Presente
Primatista stagionale 27'49"4   Ronald Clarke Presente

RisultatiModifica

FinaleModifica

Stadio Olimpico Universitario, domenica 13 ottobre.
Finale diretta con 37 partenti.

È il giorno in cui ci si aspetta che l'australiano Clarke, primatista mondiale, riceva la sua consacrazione. Invece la gara ha un altro andamento: sia Clarke sia il campione europeo Haase, i due "predestinati" alla vigilia, affondano, vittime dell'altitudine. La gara sorride invece agli atleti africani. Vince il keniota Temu (già campione delle 6 miglia ai Giochi del Commonwealth del 1966) in volata sull'etiope Mamo Wolde. Clarke si classifica sesto, staccato di 17 secondi. Haase è addirittura 15°, distanziato di 57 secondi.

Pos. Atleta Età Nazione Tempo ufficiale Tempo elettrico
  Naftali Temu 23   Kenya 29'27"4 29'27"40
  Mamo Wolde 36   Etiopia 29'28"0 29'27"75
  Mohamed Gammoudi 30   Tunisia 29'34"2 NR
4 Juan Maximo Martínez 21   Messico 29'35"0 NR
5 Nikolay Sviridov 30   Unione Sovietica 29'43"2
6 Ron Clarke 31   Australia 29'44"8
7 Ron Hill 30   Gran Bretagna 29'53"2
8 Wohib Masresha 22   Etiopia 29'57"0
9 Nedo Farčić 27   Jugoslavia 30'01"2
10 Álvaro Mejía 28   Colombia 30'10"6
11 Tracy Smith 23   Stati Uniti d'America 30'14"6
12 Rex Maddaford 21   Nuova Zelanda 30'17"2
13 Mike Tagg 21   Gran Bretagna 30'18"0
14 Fikru Deguefu 31   Etiopia 30'19"4
15 Jürgen Haase 23   Germania Est 30'24"2
16 Tom Laris 28   Stati Uniti d'America 30'26"2
18 Leonid Mykytenko 24   Unione Sovietica 30'46"0
19 Manfred Letzerich 26   Germania Ovest 30'48"6
20 Tsugumichi Suzuki 22   Giappone 30'52"0
21 János Szerényi 30   Ungheria 30'53"6
22 Mustafa Musa 21   Uganda 30'54"2
23 Lajos Mecser 26   Ungheria 30'54"8
24 Lutz Philipp 27   Germania Ovest 30'57"0
25 Vyacheslav Alanov 28   Unione Sovietica 31'01"0
26 Dave Ellis 31   Canada 31'06"6
27 Jim Hogan 35   Gran Bretagna 31'18"6
28 Keisuke Sawaki 24   Giappone 31'25"2
29 Van Nelson 22   Stati Uniti d'America 31'40"2
30 György Kiss 32   Ungheria 32'03"2
31 Rafael Pérez 22   Costa Rica 32'14"6
32 Benjamin Silva-Netto 29   Filippine 32'35"2
- Kipchoge Keino 28   Kenya Rit.
- Rodolfo Erazo 22   Honduras Rit.
- Evan Maguire 26   Nuova Zelanda Rit.
- Alifu Massaquoi 31   Sierra Leone Rit.
- Willy Polleunis 20   Belgio Rit.
- Edward Stawiarz 28   Polonia Rit.

Naftali Temu vince il primo oro olimpico per il Kenya, nazione indipendente dal 1963.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) Scheda Sports-reference sulla gara, su sports-reference.com. URL consultato il 10 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2017).