Attentato al King David Hotel

Attentato al King David Hotel
attentato
KD 1946.JPG
Il King David Hotel dopo l'esplosione.
TipoAttentato dinamitardo
Data22 luglio 1946
12:37 (UTC+2)
LuogoKing David Hotel, Gerusalemme
StatoMandato di Palestina Mandato di Palestina
Coordinate31°46′27.73″N 35°13′21.42″E / 31.774369°N 35.222617°E31.774369; 35.222617
ObiettivoKing David Hotel
ResponsabiliIrgun
MotivazioneTerrorismo sionista
CausaRappresaglia per l'Operazione Agatha
Conseguenze
Morti91
Feriti46

L'attentato al King David Hotel è stato un attentato terroristico perpetrato lunedì 22 luglio 1946 da parte del gruppo paramilitare sionista Irgun contro il quartier generale amministrativo delle autorità britanniche nel mandato di Palestina, ospitato nell'ala sud del King David Hotel di Gerusalemme. 91 persone di varia nazionalità rimasero uccise nell'esplosione, e altre 46 ferite[1].

DescrizioneModifica

L'hotel era la sede degli uffici centrali delle autorità mandatorie britanniche in Palestina, principalmente il segretariato per il governo della Palestina e il quartier generale delle forze armate britanniche in Palestina e Transgiordania. L'attacco aveva ottenuto al momento della pianificazione l'approvazione del Haganah, la principale organizzazione paramilitare sionista della Palestina, la quale in un secondo tempo ne ordinò l'annullamento, ordine che però non venne recapitato in tempo all'Irgun. L'attentato venne concepito come parte di una più ampia reazione all'Operazione Agatha, ed è stato il più sanguinoso attacco diretto contro obiettivi britannici dell'intero periodo del mandato britannico in Palestina (1920–1948)[1][2].

Camuffati da operai arabi e da inservienti, membri dell'Irgun piazzarono un ordigno nel seminterrato del palazzo principale dell'hotel, la cui ala sud come già ricordato ospitava uffici amministrativi e militari britannici. L'esplosione che ne seguì causò il crollo della metà occidentale dell'ala sud del King David. Vi furono vittime anche nella strada e negli edifici immediatamente circostanti l'hotel, per un totale di 137 tra morti e feriti[2].

Vittime per nazionalitàModifica

Le 91 persone che persero la vita nell'attentato erano principalmente funzionari e impiegati del segretariato britannico, militari e membri dello staff dell'hotel. Per nazionalità, 41 di esse erano arabe, 28 britanniche, 17 ebree palestinesi, 2 armene, una russa, una greca e una egiziana[2].

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Thurston Clarke, By Blood and Fire, New York, G. P. Puttnam's Sons, 1981.
  2. ^ a b c (EN) Nicholas Bethell, The Palestine Triangle, Andre Deutsch, 1979.

BibliografiaModifica

  • (EN) Thurston Clarke, By Blood and Fire, New York, G. P. Puttnam's Sons, 1981.
  • (EN) Nicholas Bethell, The Palestine Triangle, Andre Deutsch, 1979.

Altri progettiModifica