Apri il menu principale
Attentato di Calata San Marco
Attentato
Circolo USO Napoli.jpg
L'ingresso del circolo prima dell'attentato
TipoAutobomba
Data14 aprile 1988
19:49
Luogovia Calata San Marco, Quartiere San Ferdinando
StatoItalia Italia
RegioneCampania
ComuneNapoli
ArmaAutobomba
Mezzo coinvoltoFord Fiesta
ResponsabiliArmata Rossa Giapponese
MotivazioneRappresaglia
Conseguenze
Morti5
Feriti15

L'attentato di Napoli del 1988 fu un attacco terroristico contro un circolo ricreativo militare statunitense, United Service Organizations (USO), nel centro di Napoli, il 14 aprile. Alle ore 19:49 una potente autobomba esplose di fronte al club USO in Calata San Marco causando la morte di cinque persone e il ferimento di altre 15. L'attacco fu commesso da un membro dell'Armata Rossa Giapponese (ARG) fatto nel secondo anniversario del bombardamento statunitense della Libia del 1986.

Indice

VittimeModifica

Le vittime furono quattro civili italiani, il venditore ambulante Antonio Gaezza[1], i passanti Assunta Capuano, Guido Scocozza e Maurizio Perrone[2], una portoricana militare statunitense in servizio presso la U.S. Navy di stanza a Napoli, la trentunenne Angela Simone Santos. Tra i feriti ci furono anche quattro marinai americani e alcuni nordafricani. Molti marinai dell'USO sfuggirono all'attentato in quanto al momento dell'esplosione si trovavano nei seminterrati del circolo[3][4].

Le indaginiModifica

 
Lo scenario di Calata S. Marco dopo l'attentato

L'attentato fu rivendicato da due gruppi arabi fino ad allora sconosciuti, uno dei quali affermava che gli "Imperialisti americani devono morire due anni dopo il loro barbaro attacco contro lo stato arabo libico", riferendosi al bombardamento degli Stati Uniti del 1986 in Libia. In seguito la polizia identificò Junzō Okudaira come il principale sospettato, un membro dell'Armata Rossa Giapponese (ARG) di estrema sinistra con collegamenti con gruppi in Libano. Okudaira era già ricercato in Italia per un razzo e un attentato dinamitardo contro le ambasciate americana e britannica di Roma del 1987, dove nessuno era rimasto ferito[3][5]. Okudaira soggiornava in un hotel sotto falsa identità taiwanese. L'ambasciatore libico affermò che il suo paese non aveva nulla a che fare con l'attacco[6].

Alcuni giorni prima dell'attentato, il membro dell'ARG Yū Kikumura fu arrestato negli Stati Uniti[7]. Si pensava che Kikumura pianificasse un attentato dinamitardo in un centro della Marina statunitense a New York per rappresaglia all'attentato della Libia del 1986, e che fosse simultaneo all'attentato di Napoli[8][4].

Nel 1993, Okudaira fu condannato in contumacia per omicidio. Non è mai stato catturato[9].

NoteModifica

  1. ^ Enzo La Penna, Terrorismo, trent'anni fa Calata San Marco, strage dimenticata, ansa.it, 14 aprile 2018. URL consultato il 23 dicembre 2018 (archiviato il 23 dicembre 2018).
  2. ^ Domenico Ascione, 14 aprile 1988. L’attentato che fece tremare tutta Napoli: una strage dimenticata, vesuviolive.it, 14 aprile 2017. URL consultato il 23 dicembre 2018 (archiviato il 23 dicembre 2018).
  3. ^ a b (EN) nytimes.com, https://www.nytimes.com/1988/04/16/world/a-japanese-with-lebanese-links-blamed-in-naples-uso-bombing.html.
  4. ^ a b (EN) nytimes.com, https://www.nytimes.com/1988/04/15/world/5-die-in-blast-outside-uso-in-naples.html.
  5. ^ (EN) nytimes.com, https://www.nytimes.com/1987/06/10/world/rome-explosions-shake-us-and-british-embassies-and-wreck-car.html.
  6. ^ (EN) upi.com, https://www.upi.com/Archives/1988/04/15/Police-today-were-looking-for-a-suspected-Japanese-terrorist/9518577080000/.
  7. ^ (EN) articles.latimes.com, http://articles.latimes.com/1988-04-16/news/mn-1263_1_terrorist-groups.
  8. ^ (EN) nytimes.com, https://www.nytimes.com/1989/02/04/nyregion/us-links-man-with-3-bombs-to-a-terror-plot.html.
  9. ^ (EN) articles.orlandosentinel.com, http://articles.orlandosentinel.com/1993-04-10/news/9304101042_1_uso-club-fugitive-bombing.

Voci correlateModifica