Apri il menu principale

Attilio Kossovel

calciatore e allenatore di calcio italiano
Attilio Kossovel
Nazionalità Italia Italia
Altezza 168 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1944 - giocatore
1968 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1928-1930 Flag red HEX-CE2931.svg Alleanza ? (?)
1930-1933 Milan 55 (4)
1933-1934 Atalanta 24 (2)
1934-1935 Comense 25 (7)
1935-1937 Venezia 66 (6)
1937-1939 Vigevano 42 (8)
1939-1940 Pirelli 28 (0)
1940-1942 600px solid HEX-A9A9A9.svg Commercianti ? (?)[1]
1942-1943 Fiumana 20 (9)
1943-1944 Stradellina ? (?)
Carriera da allenatore
1945-1946 Fermana
1949-1950 Terranova Gela
1950-1952 Notinese
1952-1953 Ponte San Pietro
1953-1955 Piacenza
1955-1956 Termini Imerese
1956-1957 Palermo Vice
1957-1958 Palermo
1958-1959 Reggina
1959-1960 Monza
1963 Monza De Martino
1963-1964 Monza
1966-1968 Pro Sesto
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Ernesto Attilio Kossovel detto Attila (Fiume, 21 aprile 1909Monza, 5 luglio 1982[2]) è stato un calciatore e allenatore di calcio italiano, di ruolo centrocampista.

CarrieraModifica

CalciatoreModifica

Kossovel esordisce in Serie A con il Milan il 4 gennaio 1931 a Busto Arsizio contro la Pro Patria (sconfitta per 2-1). Rimane in rossonero fino al 1933 quando, dopo aver disputato 56 partite e realizzato 4 reti con i milanesi nella massima serie nazionale, passa all'Atalanta in Serie B. Rimane a Bergamo una sola stagione per poi trasferirsi alla Comense nel 1934, sempre in cadetteria.

Nel 1935 passa al Venezia, in Serie C, conquistando la promozione in Serie B e giocando titolare nella cosiddetta mediana di ferro con Varini e Biffi[3]. Conclude la carriera al Vigevano nel 1937 (ancora in Serie B), nel Dopolavoro Pirelli nel 1939, in Serie C, nella Fiumana e, durante la guerra, nella Stradellina[4].

AllenatoreModifica

Esordisce come allenatore dopo la guerra, guidando la Fermana[5]. Nel 1949 si trasferisce a Gela, dove allena la locale squadra di calcio vincendo il campionato di Prima Divisione[6], e nello stesso tempo gestisce con la moglie un bar in città[7]. Allena poi la Notinese[8] e il Ponte San Pietro[senza fonte].

Dopo aver partecipato al corso per allenatori[9], guida il Piacenza, nel campionato di Serie C 1953-1954[10] e nella stagione successiva, nella quale viene sostituito da Giuseppe Antonini[11]. Dopo una stagione sulla panchina del Termini Imerese, nell'estate 1956 passa al Palermo, come vice di Ettore Puricelli[12], subentrandogli nel marzo successivo[13]: alla guida dei rosanero non evita la retrocessione in Serie B, subendo 9 sconfitte in 13 partite[14]. Nella stagione successiva torna brevemente ad allenare il Palermo nella serie cadetta, subentrando a Pietro Rava e venendo sua volta sostituito da Carlo Rigotti[15].

Dopo l'esperienza palermitana, siede sulla panchina della Reggina, dove subisce un nuovo esonero nel campionato 1958-1959[16], e del Monza, con cui ottiene la salvezza nel campionato di Serie B 1959-1960[17].

Rimane al Monza anche nelle stagioni successive, allenando la De Martino all'inizio della stagione 1963-1964[18], prima di sostituire Hugo Lamanna alla guida della prima squadra[19]. Conclude la carriera di allenatore guidando per due stagioni la Pro Sesto, in Serie D[20][21].

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

Competizioni nazionaliModifica

Venezia: 1935-1936

AllenatoreModifica

Competizioni regionaliModifica

Gela: 1949-1950

NoteModifica

  1. ^ Visti tabellini di Prima Divisione lombarda pubblicati dalla Gazzetta dello Sport edizione nord sulle pagine del giovedì.
  2. ^ Dibenedetto, p.183.
  3. ^ La Storia del Venezia Ombra.net
  4. ^ Piacenza-Stradellina 2-1 - Campionato di guerra 1944 Storiapiacenza1919.it
  5. ^ La Storia - pag.1 Brigategialloblu.com
  6. ^ La Storia della Nissa Nissa.it
  7. ^ Monumento vivente dello sport gelese Corrieredigela.it
  8. ^ Li vedremo all'opera quest'anno, Libertà, 11 agosto 1954, pag.5
  9. ^ I risultati e le graduatorie del 2º corso allenatori, Il Corriere dello Sport, 27 settembre 1953, pag.4
  10. ^ Stagione 1953-1954 Storiapiacenza1919.it
  11. ^ Stagione 1954-1955 Storiapiacenza1919.it
  12. ^ L'ex biancorosso Kossovel allenatore in seconda del Palermo, Libertà, 7 agosto 1956, pag.5
  13. ^ Calcio: Kossovel allenatore del Palermo, L'Unità, 13 marzo 1957, pag.6
  14. ^ Scheda da allenatore su Wikicalcioitalia.info Archiviato il 15 maggio 2012 in Internet Archive.
  15. ^ Gli allenatori Rosanerouniverse.it
  16. ^ In Serie B solo un successo amaranto a Pescara Tuttoreggina.com
  17. ^ Serie B 1959-1960 Xoomer.virgilio.it
  18. ^ G.Brera, A.Maietti, L'arcimatto 1960-1966, pag.158
  19. ^ Kossovel sostituisce Lamanna alla guida tecnica del Monza, Libertà, 12 dicembre 1963, pag.5
  20. ^ Stagione 1966-1967 Acprosesto.it Archiviato il 12 giugno 2013 in Internet Archive.
  21. ^ Stagione 1967-1968 Acprosesto.it Archiviato il 12 giugno 2013 in Internet Archive.

BibliografiaModifica

  • Luca Dibenedetto, El Balon fiuman quando su la tore era l'aquila. L'epopea del calcio a Fiume: i suoi numeri ed i suoi eroi dal 1918 al 1948, Borgomanero, Litopress, 2004.
  • Elio Corbani, Pietro Serina, Cent'anni di Atalanta - Vol 2, Bergamo, Sesaab, 2007, ISBN 978-88-903088-0-2.

Collegamenti esterniModifica