Apri il menu principale

August Spies

anarchico statunitense
August Vincent Theodore Spies

August Vincent Theodore Spies (/spiːs/; 10 dicembre 1855Chicago, 11 novembre 1887) è stato un anarchico, caporedattore e radicale del lavoro attivista statunitense. Di professione tappezziere, Spies è ricordato come uno degli anarchici di Chicago condannati per omicidio a seguito di un attentato nel corso di quella che viene ricordata come Rivolta di Haymarket. Spies è stato uno dei quattro giustiziati a seguito di questo evento.Pronuncio la celebre frase: "verrà il giorno in cui il nostro silenzio sarà più forte delle voci che strangolate oggi".[senza fonte]

OriginiModifica

August Spies nacque il 10 dicembre 1855, in un castello in rovina trasformato in un edificio governativo sulla montagna Landeckerberg in Germania nello Stato dell'Assia[1]. Suo padre era un funzionario forestale.[1]

Spies venne ricordato per la sua piacevole e privilegiata infanzia.[2] Venne educato da insegnanti privati e addestrato per seguire la carriera di suo padre come funzionario forestale.[3] Quando suo padre morì improvvisamente nel 1871, August decise di trasferirsi in America per una nuova vita.[4]

NoteModifica

  1. ^ a b August Spies, August Spies' Auto-Biography; His Speech in Court and General Notes. Chicago: Niña van Zandt, 1887; pg. 1.
  2. ^ Spies, August Spies' Auto-Biography, pg. 7.
  3. ^ Spies, August Spies' Auto-Biography, pp. 7-8.
  4. ^ Spies, August Spies' Auto-Biography, pg. 8.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN29610150 · ISNI (EN0000 0000 8368 0224 · LCCN (ENn50021193 · GND (DE118752014 · BNF (FRcb123594933 (data) · WorldCat Identities (ENn50-021193
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie