Austroportax latifrons

specie di mammifero
(Reindirizzamento da Austroportax)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Austroportax
Immagine di Austroportax latifrons mancante
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Sottordine Ruminantia
Famiglia Bovidae
Sottofamiglia Bovinae
Tribù Boselaphini
Genere Austroportax
Specie A. latifrons

L'austroportace (Austroportax latifrons) è un mammifero artiodattilo estinto, appartenente ai bovidi. Visse nel Miocene medio (circa 10 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Europa.

DescrizioneModifica

Questo animale era un bovide di grandi dimensioni, e poteva superare i 300 chilogrammi di peso. Era un animale sorprendentemente specializzato in confronto ad altri bovidi simili e più piccoli, come Miotragocerus. Austroportax era caratterizzato dalla notevole robustezza degli arti, forti e pesanti, simili a quelli degli attuali bufali e, più in generale, del gruppo dei bovini. La morfologia degli zoccoli di Austroportax indica che questo animale viveva in un habitat umido e boschivo, mentre la dentatura era brachidonte (a corona bassa). In generale, l'aspetto di Austroportax doveva richiamare quello dell'attuale antilope alcina, non strettamente imparentata.

ClassificazioneModifica

Descritto per la prima volta nel 1929 da Sickenberg, Austroportax latifrons è noto per alcuni resti fossili ritrovati in Europa, principalmente in Austria e in Spagna. Le sue parentele vanno ricercate tra i boselafini, un gruppo di bovidi attualmente rappresentati dal nilgau e dall'antilope quadricorne, ma che nel corso del Miocene diedero vita a una notevole radiazione evolutiva che comprendeva anche forme come Miotragocerus, Protragocerus, Kipsigicerus e Tragoportax. Austroportax sembrerebbe rappresentare una forma arcaica di boselafino, dalle specializzazioni uniche.

PaleoecologiaModifica

Sembra che Austroportax vivesse in terreni boscosi e umidi; i denti a corona bassa suggeriscono che si nutrisse di piante tenere.

BibliografiaModifica

  • Sickenberg, O. (1929). Eine neue Antilope Obermiozän Niederösterreichs. Paleobiologica, 2: 62-86.
  • Spassov N. & Geraads D. 2004. Tragoportax Pilgrim, 1937 and Miotragocerus Stromer, 1928 (Mammalia, Bovidae) from the Turolian of Hadjidimovo, Bulgaria, and a revision of the late Miocene Mediterranean Boselaphini. Geodiversitas 26 (2) : 339-370.
  • Sánchez, I. M., V. Quiralte, and J. Morales. 2011. Presence of the bovid Austroportax in the upper Miocene fossil site of Batallones-1 (MN10, Madrid Basin, Spain). Estudios Geológicos 67:637–642.