Autostrada Sistiana-Rabuiese

autostrada italiana ANAS
Autostrada Sistiana-Rabuiese
Denominazioni precedentiNuova strada ANAS 326 Raccordo Lacotisce-Rabuiese
Nuova strada ANAS 344 Padriciano-Cattinara
Localizzazione
StatoItalia Italia
Regioni  Friuli-Venezia Giulia
ProvinceTrieste
Italia - mappa autostrada Sistiana-Rabuiese.svg
Dati
Classificazioneautostrada
InizioRA 13 presso Padriciano
FineH5 a Rabuiese
Lunghezza9,500 km
Data apertura19 novembre 2008
Provvedimento di istituzioneGU n. 102 suppl. ord. del 13/04/1978
GestoreANAS
Pedaggiono
Percorso
Località serviteTrieste
Principali intersezioniSS 202
Mappa autostrada Sistiana-Rabuiese.svg
Mappa del percorso, possiamo ben notare con l'evidenziazione in rosso i due tronchi separati.

L’autostrada Sistiana-Rabuiese è un'autostrada italiana senza pedaggio[1], gestita dall'ANAS. L'autostrada non ha una numerazione definitiva ed è pertanto priva di una sigla alfanumerica.

Nonostante la denominazione l'autostrada non ha origine a Sistiana, bensì a Padriciano. L'autostrada è divisa in due tronchi, connessi fra loro dalla strada statale 202 Triestina, che ha comunque caratteristiche di strada extraurbana principale. Il primo tronco (già classificato provvisoriamente come NSA 344[2]) collega con soluzione di continuità il raccordo autostradale 13 alla SS 202 e ha la segnaletica a sfondo verde mentre il secondo tronco (già classificato come NSA 326[3]) collega la SS 202 al confine di stato di Rabuiese e ha la segnaletica a sfondo blu nonostante sia definita autostrada.

Dal 19 novembre 2008, data di apertura di entrambi i tronchi[4][5][6], è stata quindi completata la cosiddetta Grande Viabilità Triestina che consente di unire con un'unica strada a 2 corsie per senso di marcia, senza soluzione di continuità, l'autostrada A4 al porto di Trieste, attraverso il RA 13, la ex NSA 344 e la SS 202.

StoriaModifica

Tratto RA 13-SS 202 (già NSA 344)Modifica

Il tratto di collegamento tra il RA 13 e la SS 202 di 5,50 km, che si sviluppa quasi interamente in 2 gallerie (la galleria Carso lunga 2,85 km e la galleria Cattinara lunga 292 m), è stato cantierato nel 2002 e completato nel 2008. Il Comune di Trieste era la stazione appaltante mentre l'impresa Collini[7] ha eseguito i lavori. La spesa è stata pari a oltre 223 milioni di euro.[6]

Questo tratto è stato numerato inizialmente come NSA 344.

Tabella percorsoModifica

 
Tronco Padriciano-Cattinara
Tipo Indicazione ↓km↓ ↑km↑ Provincia
    Sistiana-Padriciano 20,6 16,2 TS
  Padriciano
  Triestina
(solo uscita direzione SS 202, entrata direzione RA 13)
  Galleria Carso (2850 metri) 21,2 12,7
  Cattinara
  Triestina
(solo uscita direzione RA 13, entrata direzione SS 202)
25,6 11,2
    Triestina

Tratto SS 202-Rabuiese (già NSA 326)Modifica

 
La strada in direzione Slovenia nei pressi dello svincolo di Muggia

La costruzione del raccordo di 4,6 km per il confine di stato di Rabuiese è stato previsto dagli accordi di Osimo del 1975 e dal conseguente decreto del presidente della Repubblica 6 marzo 1978, n. 100 (GU n. 102 suppl. ord. del 13/04/1978)[8]. I lavori sono iniziati nel 2004 e terminati nel 2008; l'ANAS ha gestito l'appalto mentre i lavori sono stati eseguiti dall'azienda Collini[9] per una spesa di circa 154 milioni di euro.[6]

Questo tratto è stato classificato inizialmente come nuova strada ANAS 326 Raccordo Lacotisce-Rabuiese[10] e l'apertura, nel 2008[11], di influì drasticamente al calo del traffico lungo l'ex strada statale 15 Via Flavia.

Tabella percorsoModifica

 
Tronco Lacotisce-Rabuiese
Tipo Indicazione ↓km↓ ↑km↑ Provincia
      Triestina 32,2 4,6 TS
  Galleria Monte d'Oro (1371 metri) 33,1 2,3
  Muggia 35,6 1,2
      Confine di stato - Slovenia
  Rabuiese-Capodistria
36,8 0,0

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Strade ANAS, su stradeanas.it. URL consultato il 18 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2016).