Apri il menu principale
Avogadro
Coa fam ITA avogadro4.jpg
D'argento a tre bande contromerlate di rosso[1]
TitoliConti
Data di fondazioneXII secolo
Etniaitaliana
Rami cadettiFenaroli Avogadro

Gli Avogadro o Avogaro furono una delle più importanti famiglie nobiliari bresciane.[2]

Indice

StoriaModifica

Come ricordato dallo stesso cognome, i suoi membri ricoprirono a lungo la prestigiosa carica di advocati Ecclesiae Brixiensis, ovvero avvocati del vescovo di Brescia con il compito di amministrarne i beni. Discesero probabilmente dagli Scaligeri, in quanto, attorno al 1150, è documentato come avvocato del vescovo un Sigismondo Scaligero[3].

I conti Avogadro furono feudatari autonomi di Polaveno, attraverso l'investitura di Pandolfo II Malatesta avvenuta nel XIV secolo. Successivamente, grazie all'aiuto militare e alle gesta di Pietro Avogadro, conosciuto anche come "padre della patria", al servizio della Serenissima contro l'esercito milanese dei Visconti, ottennero di scambiare questo feudo con quello ben più ricco di Lumezzane con investitura del doge Francesco Foscari.[4].

Dalla seconda metà del Trecento, con i figli di Giacomo Avogadro, si distinsero tre rami, di cui due rimasero a Brescia e il terzo si stabilì a Venezia[3].

La linea primogenita si estinse con Paola Avogadro che, sposato il conte Bartolomeo Fenaroli, diede origine ai Fenaroli Avogadro che erediteranno il feudo di Lumezzane (XVIII secolo)[5].

La seconda terminò nel 1670, con la morte della contessa Emilia[3].

Il ramo primogenito fu incluso nel patriziato dal governo veneziano (1437) nella figura di Pietro Avogadro, per l'aiuto militare offerto alla Serenissima nel corso del consolidamento delle conquiste di terraferma[6].

Personaggi illustriModifica

Opere d'arteModifica

Molti esponenti della famiglia Avogadro sono rappresentati dalle più importanti personalità artistiche del rinascimento bresciano, tra questi possiamo ricordare:

PossedimentiModifica

Sotto il dominio veneto la famiglia grazie al suo appoggio alla repubblica godette di numerosi vantaggi, tra cui le concessioni[8] sui territori di:

Dimore e palazziModifica

  • Palazzo Avogadro in corso S. Agata a Brescia, al suo interno, presenta un salone affrescato nel ‘500 da Lattanzio Gambara con soggetti mitologici.
  • Torre Avogadro a Lumezzane

ToponimiModifica

Nella città di Venezia è presente il "Ponte Avogadro" che portava direttamente nel palazzo di famiglia,[9] nel Sestiere di San Polo.

Nel Comune di Lumezzane, feudo della famiglia, è ancora presente la Torre Avogadro al cui fianco era stato costruito un edificio chiamato "Fenaroli" in onore al matrimonio che aveva portato il feudo ai Fenaroli Avogadro.[10]

NoteModifica

  1. ^ Vittorio Spreti, Enciclopedia storico-nobiliare italiana, Vol. I, Milano, 1928-1936, p. 454.
  2. ^ Lombardia Beni Culturali. Avogadro del Giglio., su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 3 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  3. ^ a b c Avogadro - Fenaroli, famiglia (sec. XIV - sec. XIX) - Archivi storici - Lombardia Beni Culturali.
  4. ^ Val Trompia Storica "Gli antichi comuni di Pieve e Sant'Apollonio tra autonomia e soggezione feudale." Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive..
  5. ^ A Quadrellaro, FENAROLI AVOGADRO, Girolamo, Treccani. URL consultato il 27 giugno 2011.
  6. ^ Dorit Raines, Cooptazione, aggregazione e presenza al Maggior Consiglio: le casate del patriziato veneziano, 1297-1797 (PDF), in Storia di Venezia - Rivista, I, 2003, pp. 2-64, ISSN 1724-7446 (WC · ACNP). URL consultato il 16 dicembre 2010.
  7. ^ [AA. VV., Giambattista Moroni pittore, Albino, 1939].
  8. ^ (EN) Joanne M. Ferraro, Family and Public Life in Brescia, 1580-1650: The Foundations of Power in the Venetian State, Cambridge University Press, 23 gennaio 2003, ISBN 9780521531177. URL consultato il 20 febbraio 2017.
  9. ^ «Curiosità veneziane - ovvero Origini delle denominazioni stradali di Venezia» Giuseppe Tassini. 1887
  10. ^ Sito Del comune di Lumezzane con una breve storia della torre.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica