Azzan bin Qais

sultano di Muscat e Oman

Azzan bin Qais (in arabo الإمام عزان بن قيس?; Mascate, ... – Matrah, 30 gennaio 1871) è stato sultano di Mascate e Oman dal 1868 al 1871.[1]

Azzan bin Qais
Sultano di Mascate e Oman
In caricaottobre 1868 –
30 gennaio 1871
PredecessoreSalim bin Thuwaini
SuccessoreTurki bin Sa'id
Nome completoSayyid Azzan bin Qais
Altri titoliImam
NascitaMascate, ?
MorteMatrah, 30 gennaio 1871
DinastiaAl Bu Sa'idi
PadreQais bin 'Azzan bin Qais bin Imam Ahmad Al-Busaidi
Consorte? bint Shaikh Sa'id bin Khalfan Al-Khalili
FigliSayyid Hamud
Sayyid Qais
Sayyid Sa'ud
ReligioneMusulmano ibadita

Biografia modifica

Azzan bin Qais nacque a Mascate ed era imparentato con la famiglia regnante.

Venne educato privatamente.

Nel 1861 succedette al padre nell'ufficio di governatore di Rustaq.

Nel 1864 si ribellò contro il sultano Salim bin Thuwaini, suo cugino e marito di sua sorella, aiutato e incoraggiato dai wahhabiti dell'emirato di Najd.

Nell'ottobre del 1868 sconfisse il sovrano. Unì le sue forze con quelle dello sceicco Sa'id bin Khalifa di Abu Dhabi, sconfisse i wahhabiti e si riprese l'oasi di Al-Buraimi, il 18 giugno 1869. Il 10 agosto di quell'anno ricevette il titolo di imam. Sebbene fosse stato accettato da una parte significativa della tribù Hinawai, i suoi successivi tentativi di sottomettere le tribù interne gli alienarono il consenso del clan Ghafiri, che istigò una rivolta generale contro di lui nel 1870. Allo stesso tempo suo zio Turki bin Sa'id ottenne il sostegno politico e finanziario dei suoi parenti del sultanato di Zanzibar, così come degli inglesi e raccolse un esercito di beluci e di membri delle tribù lealiste. Assunse la guida della rivolta contro Azzan. Questi fu sconfitto in battaglia a Dhank.

Morì in battaglia contro Sayyid Turki sulle mura di Matrah il 30 gennaio 1871.[2]

Note modifica

  1. ^ Royal Ark
  2. ^ John Lorimer, Gazetteer of the Persian Gulf, British Government, Bombay, 1915, p. 729.