Apri il menu principale
Cetificato di appartenenza alla B'nai B'rith del 1876

L'Ordine Indipendente B'nai B'rith o Bené Berith (in ebraico: בני ברית, "figli dell'alleanza") è una loggia ebraica nata nel 1843 durante la presidenza di John Tyler ed ancora esistente ed attiva. La sua missione è quella di fare beneficenza verso i poveri.

Fu fondata al Sinsheimer Café, nel quartiere di Wall Street, a New York, da Henry Jones e altre undici persone il 13 ottobre del 1843. Il nome originario era in tedesco "Bundes-Brueder" (che significa "Lega dei fratelli"), in quello attuale che conserva le iniziali ("BB"). La maggior parte dei fondatori erano ebrei-tedeschi.

L'organizzazione partecipa a numerose attività legate ai servizi sociali, tra cui la promozione dei diritti degli ebrei, l'assistenza negli ospedali e alle vittime dei disastri, stanzia premi per gli studenti di scuole ebraiche e combatte l'antisemitismo tramite il suo Center for Human Rights and Public Policy. Oltre alle sue attività sociali, B'nai B'rith è anche un sostenitore dello Stato di Israele. Con l'AIPAC ha dato vita nel 2002 all'iniziativa “BBYO 4 Israel” (B'nai B'rith Youth Organization per Israele). Fino al 2001 il B'nai B'rith ha sponsorizzato la BBYO, oggi BBYO Inc., associazione per studenti ebrei della scuola superiore, fondata nel 1923. Questa comprende l'ordine maschile (AZA, Aleph Zadik Aleph) e quello femminile (BBG, B’nai B’rith Girls).

PremiModifica

B'nai B'rith International tributa diversi premi tra cui la Medaglia d'oro del Presidente, assegnata per onorare l'impegno a favore dello Stato e del Popolo di Israele. Tra i vincitori: David Ben Gurion, George H.W. Bush e Golda Meir. Nel novembre 2005, la Medaglia d'Oro fu assegnata al vecchio cancelliere austriaco Franz Vranitzky, nel maggio 2006 al primo ministro australiano John Howard.

B'nai Brith CanadaModifica

La sezione canadese dell'ordine si chiama B'nai Brith (non usa l'apostrofo nella seconda parola), fu fondata nel 1875 ed è l'associazione di volontari ebrei più antica del paese. Negli ultimi anni si è opposta al Canadian Jewish Congress (CJC) come voce della comunità ebraica canadese ed è considerata la più conservatrice fra le due organizzazioni (in particolare per la sua rivista, The Jewish Tribune, mentre quella del CJC è il più moderato Canadian Jewish News). B'nai Brith Canada (BBC) è anche considerato più vicino al Likud rispetto al CJC, ufficialmente neutrale rispetto alla politica israeliana. Nella politica canadese, sebbene entrambi i gruppi siano ufficialmente non schierati, molti vecchi funzionari del CJC (come l'ex presidente Irwin Cotler) hanno partecipato alle elezioni con il partito liberale canadese; mentre Franck Dimant (direttore esecutivo B'nai Birth) ha partecipato alle federali del 2000 con la Canadian Alliance.

B'nai B'rith ItaliaModifica

In Italia, il B'nai B'rith, conosciuto come Benè Berith, è presente con tre sezioni a Roma, Milano e Livorno. L'organizzazione partecipa a numerose iniziative spaziando dalla promozione di attività culturali a quelle benefiche. A Roma è presente anche una sezione giovanile, il Benè Berith Giovani, attiva in iniziative rivolte alla formazione giovanile su ampia scala; si occupa inoltre di promuovere numerose attività benefiche ed assistenziali.

Rapporti con la Santa SedeModifica

Fra i vari attestati di stima ricevuti da Francesco I dopo l'elezione al soglio pontificio nel 2013, vi furono quelli del B'nai B'rith International[1], in un comunicato che ricorda l'ospitalità concessa loro a novembre del 2012 e il discorso tenuto nella Cattedrale di Buenos Aires per la commemorazione della Notte dei cristalli, che segnò l'inizio della Shoah[2].
Il 25 gennaio 2015, riceve in Vaticano una delegazione del B'nai B'rith International, confermando la continuazione del dialogo ecumenico e dei rapporti improntati a tolleranza e mutuo rispetto, rimasti inalterati durante il pontificato di Benedetto XVI[3][4].

Membri illustriModifica

Vocalizzazione del nomeModifica

La parola ebraica B'rith è stata nei secoli vocalizzata anche come Berith[10].

NoteModifica

  1. ^ Marco Tosatti, La massoneria nei confronti del Pontefice, su arcotosatti.com, 9 aprile 2017. URL consultato il 25 aprile 2019 (archiviato il 12 aprile 2017). Ospitato su bnaibritheurope.org.
  2. ^ (ES) B'nai B'rith/Kristallnacht. Bergoglio: "Quest'atto è un'ulteriore passo nella vita ecumenica dell'Argentina", su itongadol.com.ar, 13 novembre 2012. URL consultato il 25 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2019).
  3. ^ (EN) Il B'nai B'rith s'incontra con papa Francesco, su bnaibrith.org/press, 25 giugno 2015. URL consultato il 25 aprile 2019 (archiviato il 5 settembre 2015).
  4. ^ Discorso alla delegazione del B'nai B'rith International, su w2.vatican.va, 25 giugno 2015. URL consultato il 25 aprile 2019 (archiviato il 26 giugno 2015).
  5. ^ (EN) Discorso del CEO Daniel S. Mariaschidel al 175º anniversario, su bnaibrith.org, 15 ottobre 2018. URL consultato il 1º maggio 2019 (archiviato il 21 gennaio 2018).
    «Sigmund Freud's...never forgot his Vienna Lodge brothers, who listened, considered and engaged in thoughtful discussion with him.».
  6. ^ (EN) Cronologia del B'nai B'rith, su bnaibrith.org. URL consultato il 1º maggio 2019 (archiviato il 21 gennaio 2018).
    «1897--Sigmund Freud delivers one of his first lectures on dream interpretation and psychoanalysis to his Vienna Lodge brothers.».
  7. ^ (EN) Hugo Knoepfmacher, Sigmund Freud and the B'Nai B'Rith, vol. 27, nº 2, 1º aprile 1979, pp. 441-449, DOI:10.1177/000306517902700209, PMID 383770. URL consultato il 1º maggio 2019 (archiviato il 24 aprile 2019). Ospitato su pep-wolrd.com.
  8. ^ (DE) Ansprache an die Mitgleider des Vereins B'Nai B'rith (1926)"[, su loc.gov, 1926. URL consultato il 1º maggio 2019 (archiviato il 1º maggio 2019). e lato verso
  9. ^ (FR) Traduzione in francese del discorso alla fratellanza del B'nai B'rith (PDF), su akadem.org, B'nai B'rith di Vienna, 1926. URL consultato il 1º maggio 2019 (archiviato il 1º maggio 2019). Ospitato su bsf.spp.asso.fr/.
  10. ^ "B'nai Berith" nei siti web e nelle monografie

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN128324816 · ISNI (EN0000 0001 0659 2738 · LCCN (ENn86827643 · GND (DE301513-0 · BNF (FRcb12254297j (data) · WorldCat Identities (ENn86-827643
  Portale Ebraismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ebraismo