Börte Ujin (11611230) fu la prima e principale moglie di Gengis Khan.

La famiglia di Gengis Khan

StoriaModifica

Proveniente dalla tribù degli Ongirrat, era figlia di Tchotan e Seichen Dei, il capo della Tribù. Gli Ongirrat erano alleati della Tribù di Temüjin e fu deciso, quando Börte raggiunse i 17 anni, che si sposasse con Temüjin (poi Gengis Khan) che era a sua volta il figlio del capo della sua tribù. Börte conobbe infatti Temüjin quando ebbero nove anni.

Anni dopo, Temüjin, dopo che fu cacciato insieme alla madre e ai suoi fratelli dalla propria tribù, visse insieme a loro in povertà e sfuggì ai Tai-giuti, riuscì a riunirsi a Börte, sposarla e portarla nella sua tribù. Vari anni dopo, però, la stessa Börte fu rapita e deportata presso la tribù dei Merkit e donata come bottino di guerra a Cilger Boke, fratello del loro condottiero. Ciò costrinse Temüjin a unirsi con gli eserciti dei Khan dei Keraiti Wang Khan, alias Toghril, e di Djamuka, dei Jadirat. I tre sconfissero quindi i Merkiti, e Temüjin mise in salvo Börte dai suoi rapitori.

Mentre era stata tenuta in cattività (durata meno di un anno), era incinta di uno dei Merkiti, e poco dopo essere stata salvata da Temujin avrebbe dato alla luce il suo primogenito Djuci. La reale paternità del figlio fu completamente circondata dall'alone del mistero, ma Gengis Khan lo reputò ed onorò sempre come suo legittimo figlio e successore. Anche se molti dei figli di Gengis Khan avuti da altre mogli o concubine ricevettero una qualche forma di riconoscimento nell'impero, compresi i terreni o comandi militari, tra cui le truppe, solo i figli di Borte sono stati riconosciuti come potenziali Gran Khan. Lei, insieme a sua madre Hoelun, è stata considerata come una delle sue più fidate consigliere.

Quando Temüjin divenne Gran Khan, Börte fu incoronata come grande imperatrice, o Khatun. Come Gengis Khan, Borte continuò ad espandere la sua influenza sull'impero, assistita da Temüge, uno dei fratelli di Genghis Khan.

Borte è spesso raffigurata come una donna vestita di un abito di seta bianca, con monete d'oro nei capelli, in possesso di un agnello bianco, e su un cavallo bianco. Alcuni fatti storici sono noti sulla sua vita, ma i mongoli conservano molte leggende su di lei.

DiscendenzeModifica

Börte ebbe 4 figli:

  • Djuci, il fatto che il padre potesse essere Cilger Boke non fu di secondaria importanza poiché dalla discendenza di Djuci nacquero sovrani e condottieri ma la loro legittimità come veri discendenti investiti del potere del grande Gengis fu sempre messa in discussione.
  • Djagatai
  • Ögödei
  • Tolui

e 5 figlie:

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie