Apri il menu principale
BAR 006
Button 2004 Canada.jpg
Button in Canada
Descrizione generale
Costruttore Regno Unito  BAR
Categoria Formula 1
Squadra BAR
Progettata da Geoff Willis
Sostituisce BAR 005
Sostituita da BAR 007
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Monoscocca composita
Motore Honda RA004E
Trasmissione Honda Seven-Speed
Dimensioni e pesi
Passo 3140 mm / 1460 mm / 1420 mm
Peso 605 kg
Altro
Carburante Elf
Pneumatici Michelin
Avversarie Vetture di Formula 1 2004
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio d'Australia 2004
Piloti 9. Jenson Button
10. Takuma Satō
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
18 0 1 0
Campionati costruttori 0
Campionati piloti 0

La BAR 006 è una vettura di Formula 1, con cui la scuderia britannica affronta il campionato 2004.

TecnicaModifica

Rispetto alla 005, la 006 ha ricevuto un ulteriore irrigidimento telaistico. Per conformarsi con le nuove normative FIA, il serbatoio è stato rimpicciolito ed è stato inserito un nuovo cambio realizzato in carbonio per ottimizzare il peso. Per lo stesso fine furono impiegati numerosi componenti costruiti in MMC (Metal Matrix Composite), nuove sospensioni con realizzazione semplificata e un nuovo impianto idraulico. Le gomme sono state fornite dalla Michelin.[1]

StagioneModifica

Vengono confermati i piloti della stagione precedente, Jenson Button e Takuma Satō (che in verità aveva corso solo l'ultimo Gran Premio).

La vettura è molto competitiva. Button ottiene quattro secondi posti (San Marino, Monaco, Germania e Cina), sei terzi posti (Malesia, Bahrain, Europa, Canada, Italia e Giappone) e una pole position nel Gran Premio di San Marino; Sato ottiene un terzo posto negli Stati Uniti. La stagione si conclude al 2º posto.

Risultati completi in Formula 1Modifica

Anno Team Motore Gomme Piloti                                     Punti Pos.
2004 British American Racing Honda RA004E 3.0 V10 M   Button 6 3 3 2 8 2 3 3 Rit 5 4 2 5 Rit 3 2 3 Rit 119
  Sato 9 15 5 16 5 Rit Rit Rit 3 Rit 11 8 6 Rit 4 6 4 6

NoteModifica

  1. ^ BAR 006, su ultimatecarpage.com. URL consultato il 9 febbraio 2013.

Altri progettiModifica

  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1