Apri il menu principale

BBC Online, nota anche come BBCi, è il servizio online della BBC, una vasta rete di siti web che include anche BBC News e Sport, i servizi on demand video e radiofonici co-gestiti con BBC iPlayer, i portali per i bambini CBBC e CBeebies e quelli di apprendimento come Bitesize.

StoriaModifica

La BBC iniziò ad avere una presenza online a sostegno dei suoi programmi TV e radio e iniziative solo web dal 1994, ma non venne ufficialmente lanciata fino al dicembre 1997, a seguito dell'approvazione del governo per finanziare questo network con il canone TV. Nel corso della sua breve storia, i piani online della BBC sono stati oggetto di vessazioni da parte dei suoi rivali commerciali, che hanno portato a varie consultazioni pubbliche e revisioni governative per indagare sulle loro affermazioni secondo cui la sua ampia presenza e il finanziamento pubblico distorcano il mercato del Regno Unito.

La rete ha subito diverse modifiche al nome da quando è stato lanciato. Originariamente battezzata BBC Online, è stata poi rimarchiata BBCi (che a sua volta era il nome del marchio per i servizi di TV interattiva) prima di essere chiamata bbc.co.uk ed infine ritornare a BBC Online nel 2008.[1]

Quest servizio web della BBC è uno dei siti più visitati i sempre (il 55 ° secondo Alexa nel gennaio 2013)[2] e il sito di notizie più grande del mondo.[3] Nel 2007, conteneva oltre due milioni di pagine.[4]

Il 26 febbraio 2010 The Times affermò che Mark Thompson, allora direttore generale della BBC, aveva proposto che l'uscita web della BBC dovesse essere ridotta del 50%, con numeri di staff e budget online ridotti del 25% nel tentativo di ridimensionare le operazioni della BBC e consentire ai rivali commerciali più spazio.[5] Il 2 marzo, l'emittente stessa riferì che avrebbe anche tagliato del 25% le spese per i siti Web e che avrebbe chiuso BBC 6 Music e l'Asian Network .[6][7] Il 24 gennaio 2011 vennero annunciati i lievi tagli confermati del 25% con un deficit di 34 milioni di sterline. Ciò comportò la chiusura di diversi siti, tra cui BBC Switch, BBC Blast, 6-0-6 e l'annuncio di piani di vendita sul sito creato da Douglas Adams h2g2.[8]

NoteModifica

  1. ^ BBC launches PSB partnerships, BBC Press Office, 11 dicembre 2008. URL consultato il 13 dicembre 2008 (archiviato il 14 dicembre 2008).
  2. ^ / site / ds / top_sites? ts_mode = global & lang = none Alexa Top 500 Sites Archiviato il 2 marzo 2009 in Internet Archive. Alexa
  3. ^ [1] BlogHug - 50 siti Web di notizie popolari
  4. ^ BBC launches PSB partnerships, BBC Press Office, 11 dicembre 2008. URL consultato il 13 dicembre 2008 (archiviato il 14 dicembre 2008).
  5. ^ .ece "BBC signals an end to era of expansion" 26 febbraio 2010
  6. ^ "BBC Proposes Deep Cuts in Web Site" 2 marzo 2010
  7. ^ "BBC 6 Music and Asian Network face axe in shake-up" 2 marzo 2010
  8. ^ BBC to cut online budget by 25%, in BBC Online, 24 gennaio 2011. URL consultato il 24 gennaio 2011 (archiviato il 25 gennaio 2011).

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica