BTR-T
BTRTHeavyAPC1.jpg
Descrizione
Tipoveicolo da combattimento della fanteria pesante
Equipaggio2+5
ProgettistaOmsktransmash
Dimensioni e peso
Lunghezza6,45 m
Larghezza3,27 m
Altezza2,4 m
Peso38,5 t
Propulsione e tecnica
Motorediesel
Potenza520 hp
Rapporto peso/potenza14 hp/t
Trazionecingoli
Sospensionibarre di torsione
Prestazioni
Velocità su strada50 km/h
Velocità fuori strada25 km/h
Autonomia500 km
Armamento e corazzatura
Armamento primariovedi armamento
Corazzaturareattiva, 320 mm
voci di veicoli militari da trasporto presenti su Wikipedia

Il Bronetransporter-Tyazhelyy o BTR-T (in lingua russa: "Бронетранспортёр-Тяжелый": veicolo da trasporto - pesante) è un veicolo da combattimento della fanteria pesante russo, progettato dall'azienda statale Omsktransmash.

SviluppoModifica

Il veicolo è basato sullo scafo del carro armato T-55 ed è la risposta all'esigenza di un mezzo pesante, altamente protetto e ben armato, adatto al combattimento in combattimento urbano.[1] L'esigenza di un veicolo pesante da combattimento della fanteria emerse dopo la prima guerra cecena, durante la quale i trasporto truppe BTR-80 e BMP-2 subirono perdite enormi nelle aree urbane per mano dei ribelli armati di RPG. Di conseguenza, il progetto incorporava una spessa protezione, con elementi di corazza reattiva, e un potente armamento con un sufficiente angolo di elevazione per ingaggiare bersagli in edifici a più piani.

La scelta dello scafo del T-55 invece di un carro più moderno probabilmente è dovuta a motivi di bilancio, con un occhio al potenziale mercato per la conversione di un carro tanto diffuso a livello mondiale. Probabilmente tale scelta è anche ispirata al veicolo israeliano Achzarit, sviluppato negli anni ottanta con le stesse modifiche. Tuttavia il progetto russo non ha ottenuto contratti di esportazione.

ArmamentoModifica

La torretta può essere configurata per ospitare diverse combinazioni di armi:

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Mezzi corazzati: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mezzi corazzati