Apri il menu principale

Bad Guy (film)

film del 2001 diretto da Kim Ki-duk
Bad Guy
Bad Guy (2001).png
Una scena del film
Titolo originaleNabbeun namja
Lingua originalecoreano
Paese di produzioneCorea del Sud
Anno2001
Durata100 min
Rapporto1,85 : 1
Generedrammatico
RegiaKim Ki-duk
SceneggiaturaKim Ki-duk
ProduttoreLee Seung-jae
Produttore esecutivoKim Seung-beom
Casa di produzioneCJ Entertainment
FotografiaHwang Cheol-hyeon
MontaggioHang Seong-won
MusichePark Ho-jun
Interpreti e personaggi

Bad Guy è un film del 2001 diretto da Kim Ki-duk, su un uomo che intrappola una donna nella prostituzione, e poi diventa protettivo verso di lei.

Nella colonna sonora del film è presente il brano I tuoi fiori di Etta Scollo, come motivo dominante.

TramaModifica

Una ragazza di nome Sun-hwa è seduta su una panchina, quando un uomo insolito arriva e si siede al suo fianco. Lei si rende conto che l'uomo la sta fissando e si allontana irritata. Il suo ragazzo arriva e mentre stanno parlando, l'uomo silenzioso la afferra e la bacia con forza. Il suo ragazzo cerca di tirarlo via senza risultato. Quando l'aggressione termina, la donna esige delle scuse. L'uomo comincia ad allontanarsi ma alcuni soldati tra la folla riescono a trattenerlo. La donna lo insulta e gli sputa in faccia. Lui rimane in silenzio.

Più tardi, la donna è in una libreria e strappa la pagina di un libro d'arte che non può permettersi di acquistare. Si accorge di un portafogli poggiato sullo scaffale e furtivamente lo infila nella sua borsetta, non sapendo che il proprietario è un socio dell'uomo che l'ha molestata. Mentre lascia il negozio è avvicinata dal proprietario del portafogli, che ne chiede la restituzione, sostenendo che conteneva 10 milioni di won. Sun-hwa non è in grado di restituire la somma, e lui propone una soluzione: un prestito garantito dalla sua libertà. Dopo un periodo di tempo lei è ancora debitrice dello strozzino e a questo punto, viene salvata dall'uomo silenzioso. Viene portata in un piccolo bordello, dove dovrà prostituirsi finché il suo finto debito non sarà saldato.

Chiede alla signora il permesso di vedere il suo ragazzo in modo tale da perdere la sua verginità con lui, ma quando il suo ragazzo non reagisce, l'uomo silenzioso attacca il fidanzato nella loro auto. Adattarsi alla sua nuova vita è dura e la sua innocenza è rapidamente portata via. L'uomo silenzioso, un pappone di nome Han-gi, la guarda attraverso uno specchio semiriflettente installato nella sua stanza.

Uno degli uomini di Han-gi si infatua della donna, pagando per dormire con lei e chiedendogli scusa per aver rovinato la sua vita. Lei lo convince ad aiutarla a fuggire, lui tira le sbarre di ferro dalla sua finestra e lei sguscia via. La sua libertà è di breve durata, il protettore la trova e la riporta al bordello. Prima, però, la porta su una spiaggia, dove è testimone del suicidio di una donna per annegamento. Nella sabbia la donna trova una fotografia strappata. Tornando al bordello la donna ricostruisce la foto, attaccandola al suo specchio; ha tutti i pezzi tranne i volti della coppia raffigurata.

L'uomo silenzioso viene ferito da un rivale, ma quando torna dall'ospedale vieta qualsiasi forma di ritorsione. Ma uno dei suoi uomini uccide il suo aggressore; Han-gi si confessa alla polizia per salvare l'uomo da un'esecuzione certa. Quest'ultimo è consumato dal senso di colpa e commette un crimine in modo che possa essere inviato alla stessa prigione. Il giorno previsto per l'esecuzione riesce a fuggire dalla sua cella, trova l'uomo silenzioso, e confessa tutto alle guardie, facendo così rilasciare il suo capo.

Alla fine la donna si rende conto che è spiata nella sua stanza, e distrugge lo specchio per scoprirvi dietro Han-gi, che paga il debito della donna. Una volta libera trova, nella sabbia della spiaggia, i volti della coppia nella foto: sono quelli di Han-gi e Sun-hwa. Infine decide di restare con lui, vendendo se stessa ai pescatori nella parte posteriore di un camion per guadagnarsi da vivere.

DistribuzioneModifica

In Italia è stato distribuito all'interno del "Cofanetto Kim Ki-duk" della Minerva Video nel 2007[1] e, due anni dopo, anche come DVD singolo.

NoteModifica

  1. ^ Cofanetto Kim Ki-duk, ibs.it. URL consultato il 28 agosto 2014.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema