Apri il menu principale
Bad Kissingen
comune
Bad Kissingen – Stemma
Bad Kissingen – Veduta
Localizzazione
StatoGermania Germania
LandFlag of Bavaria (striped).svg Baviera
DistrettoUnterfranken Wappen.svg Bassa Franconia
CircondarioBad Kissingen
Territorio
Coordinate50°12′N 10°04′E / 50.2°N 10.066667°E50.2; 10.066667 (Bad Kissingen)Coordinate: 50°12′N 10°04′E / 50.2°N 10.066667°E50.2; 10.066667 (Bad Kissingen)
Altitudine220 m s.l.m.
Superficie69,42 km²
Abitanti24 218 (2006-12-31)
Densità348,86 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale97688
Prefisso0971
Fuso orarioUTC+1
Codice Destatis09 6 72 114
TargaKG
Cartografia
Mappa di localizzazione: Germania
Bad Kissingen
Bad Kissingen
Sito istituzionale

Bad Kissingen è un comune tedesco di 24.218 abitanti, situato nel land della Baviera. È bagnato dalla Saale di Franconia, un affluente del Meno. Kissingen è una città nota per gli effetti curativi delle acque termali. Questa città è di fama mondiale.

StoriaModifica

Bad Kissingen è menzionato per la prima volta nel 801 con il nome di Chizzicha, ed è diventato famoso per le sue sorgenti minerali, attestate dal 823. Nel 1279 Kissingen è menzionato come "oppidum" (città). Nel 1394 la città venne al Vescovato di Würzburg. Dal XVI secolo Kissingen si trovava reputazione come spa. Kissingen appartiene alla Baviera dal 1814. Il 10 luglio 1866 la città è stata sito di una battaglia tra le truppe prussiane e bavarese, durante la guerra austro-prussiana del 1866. La battaglia si è conclusa con la vittoria della Prussia. Nel XIX secolo, Kissingen è diventato un luogo alla moda in cui sovrani europei si sono trovati includerà l'imperatrice Elisabetta d'Austria (Sisi), lo zar Alessandro II e il re Ludwig II di Baviera, che ha rinominato nel 1883 Kissingen a "Bad Kissingen". Scrittori (Lev Tolstoj), compositori (Gioachino Rossini), (Cyrill Kistler) e artisti (Adolph von Menzel) sono stati anche tra gli ospiti illustri. Il Cancelliere tedesco Otto von Bismarck ha visitato molte volte le terme di Kissingen e nel 1874 nel corso del "Kulturkampf" ha sopravvissuto un tentativo di assassinio del cattolico Eduard Kullmann. Nel 1877 è stato scritto la dettatura di Kissingen (tedesco: "Kissinger Diktat"), in cui Bismarck ha spiegato i principi della sua politica estera. L'ex casa di Bismarck a Kissingen è ora il Museo Bismarck. Nel giugno 1911 il Ministro degli Esteri tedesco, Alfred von Kiderlen-Waechter, e l'ambasciatore francese Jules Cambon avevano negoziato a Bad Kissingen sul Marocco senza trovare una soluzione. Il fallimento dei negoziati porta alla Crisi di Agadir. Nel 1945 Bad Kissingen fu occupato dalle truppe americane senza combattere.[1]

Nel 2015 ci sono stati oltre 246 000 visitatori che hanno soggiornato più di 1,5 milioni di notti[2].

CulturaModifica

Eventi più importanti:

  • Ogni inverno si svolge un evento chiamato "Kissinger Winterzauber"
  • Il "Kissinger Sommer" che si svolge in estate è un festival de la musica classica[3]
  • Alla fine di luglio si svolge il fisso "Rakoczy Fest"[4]

Cosa visitareModifica

  • Il giardino spa ("Kurgarten") con i portici ("Arkadenbau") di Friedrich von Gärtner e la sala passeggiate ("Wandelhalle") di Max Littmann (1838-1913).
  • Il teatro (Kurtheater), anche di Max Littmann (inaugurato nel 1905)
  • Il "Regentenbau" di Max Littmann, sala da concerto, inaugurato nel 1913
  • Museo Bismarck
  • le terme
  • Castello Botenlauben, sede del Conte Otto von Botenlauben (poeta et crociato)

AmministrazioneModifica

GemellaggiModifica

Città gemellate con Bad Kissingen:

NoteModifica

  1. ^ Thomas Ahnert, Peter Weidisch: 1200 Jahre Bad Kissingen, 801-2001, Facetten einer Stadtgeschichte, Bad Kissingen 2001, (ISBN 3-929278-16-2)
  2. ^ Copia archiviata (PDF), su statistik.bayern.de. URL consultato il 2 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2017).
  3. ^ http://www.bayerische-staatsbaeder.de/it/time-out-ispiratore/kissinger-sommer-it
  4. ^ http://www.bayerische-staatsbaeder.de/it/time-out-ispiratore/festival-di-rakoczy

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN153616607 · LCCN (ENn81090717 · GND (DE4030875-3 · WorldCat Identities (ENn81-090717
  Portale Germania: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Germania