Apri il menu principale
Ballao
comune
(IT) Ballào
(SC) Ballàu
Ballao – Stemma Ballao – Bandiera
Ballao – Veduta
Chiesa di Santa Maria Maddalena
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaSud Sardegna
Amministrazione
SindacoSeverino Cubeddu (lista civica) dal 31/05/2015
Territorio
Coordinate39°32′56.49″N 9°21′45.92″E / 39.549026°N 9.362755°E39.549026; 9.362755 (Ballao)Coordinate: 39°32′56.49″N 9°21′45.92″E / 39.549026°N 9.362755°E39.549026; 9.362755 (Ballao)
Altitudine98 m s.l.m.
Superficie46,63 km²
Abitanti797[2] (30-4-2017)
Densità17,09 ab./km²
Comuni confinantiArmungia, Escalaplano, Goni, Perdasdefogu (NU), San Nicolò Gerrei, Silius, Villaputzu.
Altre informazioni
Cod. postale09040
Prefisso070
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT111003
Cod. catastaleA597
TargaSU[1]
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti(IT) ballaesi
(SC) ballaesus
Patronosanta Maria Maddalena
Giorno festivo22 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ballao
Ballao
Ballao – Mappa
Posizione del comune di Ballao
nella provincia del Sud Sardegna
Sito istituzionale

Ballao (bal'laːɔ[3], Ballàu in sardo[4])[Chiarire... va sanata la discordanza con la voce Toponimi della Sardegna...] è un comune italiano di 797 abitanti della provincia del Sud Sardegna.

Indice

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

Ballao è situato nella subregione del Gerrei; il paese si sviluppa in prossimità di un'ansa del Flumendosa[5] a circa 90 m s.l.m. Il territorio comunale si estende per 46 km².[6]

ClimaModifica

Il clima si presenta afoso in estate e umido in inverno.[5]

Origini del nomeModifica

L'origine del nome potrebbe derivare dalla parola spagnola balay (cesto, conca)[5] o dal fenicio baal (signore).[7]

StoriaModifica

Abitata dalle genti della civiltà nuragica, fu poi sede di una mansio romana e territorio bizantino.[7][8]

Durante il medioevo appartenne al Giudicato di Cagliari e fece parte della curatoria del Gerrei. Nel 1258, alla caduta del giudicato, passò per breve tempo al Giudicato di Arborea, nel 1300 alla Repubblica di Pisa e nel 1324 alla Corona d'Aragona[8]. Nel 1681 fu incorporato nella contea di Villasalto, feudo della famiglia Zatrillas, e un ventennio più tardi nel marchesato di Villaclara, feudo prima degli Zatrillas e poi dei Vivaldi Pasqua. Restò feudo di quest'ultima famiglia fino al 1839, quando venne riscattato.

Nel 1834, Goffredo Casalis descrisse il villaggio con queste parole:[9]

«[...] situato alla falda boreale di un alto colle [...] Si ha per tradizione che questo popolo abbia avuto origine dall'antico ora deserto villaggio di Nuraji, che era fondato a non molta distanza. Consta di 110 case. [...] Il clima è caldo e umido. [...] Vi è stabilita l'istruzione per i giovinetti [...] Si fabbricano in questo paese mattoni, tegoli [...] La popolazione di Ballao nel 1805 computossi di anime 812, nel 1826 di 718, e nel 1833 di 784 [...] Le malattie, in cui si succumbe, sono per lo spesso febbri perniciose, e pleurisie. [...] Grande è la fertilità di questa terra [...] Le fonti sono frequentissime in questo territorio [...] Bagnasi questo territorio dal Dosa [...]»

SimboliModifica

Il Presidente della Repubblica, Ciampi, con Decreto Presidenziale, datato 23 luglio 2004, ha concesso al Comune di Ballao lo stemma e il gonfalone. La figura posta come emblema dello stemma e del gonfalone è un cinghiale.[10]

StemmaModifica

«D'azzurro, al cinghiale di nero, armato di argento, passante sulla pianura di verde; al capo palato di quattro pezzi, d'oro e di rosso. Ornamenti esteriori da Comune.»

(Decreto Presidenziale, 23 luglio 2004[10])

GonfaloneModifica

«Drappo partito di rosso e di verde, riccamente ornato di ricami d'argento e caricato dallo stemma sopra descritto con la iscrizione centrata in argento, recante la denominazione del Comune. Le parti di metallo e i cordoni saranno argentati. L'asta verticale sarà ricoperta di velluto dei colori del drappo, alternati, con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta con nastri tricolorati dai colori nazionali frangiati d'argento.»

(Decreto Presidenziale, 23 luglio 2004[10])

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Architetture religioseModifica

All'interno del territorio sono presenti alcune chiese di origine bizantina:[5]

  • Santa Cruxi (Santa Croce)
  • Sant'Arroccu (San Rocco)
  • Santa Maria Nuraxi (Santa Maria Cleofe)
  • Santu Pedru (San Pietro)

Molte di queste chiese erano inizialmente dedicate a santi orientali a causa della grande affluenza di monaci bizantini nella zona. Successivamente allo Scisma d'Oriente questi monaci furono costretti ad abbandonare l'isola e le chiese vennero ricostruite seguendo lo stile romanico.[5]

Siti archeologiciModifica

Presso la località Santa Maria de Nurai era situato Nuraxi, un antico villaggio di origine medievale che si spopolò nel XIV secolo a causa di una epidemia di peste.[11]

Funtana CobertaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Pozzo sacro di Funtana Coberta.

Pozzo sacro di origine nuragica la cui costruzione si può datare fra il 1200 e l'850 a.C. Gli antichi abitanti vi celebravano i riti legati al culto delle acque. Al suo interno sono stati rinvenuti reperti in bronzo tra cui spade votive, pannelli oxhide e bronzetti.

Architetture civiliModifica

MiniereModifica

Nella zona della frazione Corti Rosas, a circa 4 km dall'abitato, è presente una miniera di 15 ettari ormai in disuso.[12]

Nel 1796 l'ingegnere piemontese Belly segnalò la presenza di stibnite nell'area. La miniera ebbe un notevole sviluppo negli anni del fascismo e arrivò a contare (insieme alla miniera di Su Suergiu) un migliaio di operai. La produzione andò avanti fino agli anni settanta.[13]

Nel corso dell'attività di estrazione venne segnalata la presenza di antimonio, arsenopirite, barite, bornite, calcite, calcopirite, cetineite, chermesite, diopside, fluorite, marcasite, pirite, quarzo, sheelite, stibiconite, sénarmontite, valentinite, wollastonite.[12][13]

La miniera fa oggi parte del Parco Geominerario Storico ed Ambientale della Sardegna.[8]

Aree naturaliModifica

Zona di caccia e funghi, è anche metà di naturalisti. La zona offre la possibilità di cimentarsi nella pesca e nel canottaggio.[7] Il paesaggio è caratterizzato dalla presenza del Flumendosa. La vegetazione è composta principalmente da tamerici, oleandri e piante fluviali. A livello di fauna è possibile trovare germani, aironi cenerini, nutrie, fagiani, gruccioni e tartarughe.[5]

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[14]

 


Lingue e dialettiModifica

La variante del sardo parlata a Ballao è il campidanese sarrabese.

Tradizioni e folcloreModifica

RicorrenzeModifica

Sempre Goffredo Casalis scrisse:

«La festività di s. Maria de Nuraxi ha qualche cosa di singolare che merita rimarcarsi. Al primo sole del lunedì dopo la Pasqua di Risurrezione, giorno destinato a queste celebrità, levasi dalla parrocchiale, e nel solito modo ed ordine delle religiose supplicazioni, fra il devoto cantico delle preghiere del rosario, e i frequenti spari d'allegrezza conducesi il veneratissimo simulacro della Vergine alla sua antica sede. Ivi assiste tutta la moltitudine alla messa solenne, dopo la quale attendesi ai balli ed ai conviti, che è una bellissima cosa a vedersi.»

Tra le principali ricorrenze:

  • Santa Maria Cleofe: ogni lunedì dell'Angelo si festeggia in onore di Santa Maria di Cleofe (denominata dai ballaese "Santa Maria Nuraxi") in una chiesa campestre ai confini con Silius. I festeggiamenti e la processione sono accompagnati da canti e balli tipici sardi.[5]
  • Santu Predu: si festeggia in onore del santo in una chiesa posta a circa 1 km dall'abitato. Seguono festeggiamenti e una processione.[5]
  • Santa Maria Maddalena: a partire dal XIII secolo, il 22 luglio, si festeggia la patrona del paese in una chiesa a lei consacrata. I festeggiamenti durano solitamente 3 o 4 giorni.[5]
  • Santa Vitalia: un tempo una delle feste più importanti del Gerrei, si celebra ogni primo lunedì di ottobre. Seguivano festeggiamenti e fiere.[5]
  • Is Aimedasa: il 2 novembre i bambini, rappresentando le anime dei defunti, vanno per le case a chiedere dolci e frutta.[5]

Il costume tradizione è ormai in disuso e anche l'artigianato tipico del paese rischia di scomparire.[5] Nella zona è molto praticata la caccia, soprattutto battute per il cinghiale.[5]

CulturaModifica

BibliotecheModifica

A partire dal 1983 Ballao è servito da una biblioteca comunale il cui patrimonio è composto da circa 9000 volumi.[15]

CucinaModifica

La cucina tradizionale si compone di alcuni dolci come: is perichittusu de entu, is perichittusu normali, is pabassinas, pistoccheddusu de crobi, pardule, amaretti, pistoccheddusu de caffei e arrubbiousu.[5]

Geografia antropicaModifica

EconomiaModifica

A livello agricolo si coltivano cereali, frumento, ortaggi, foraggi, olivi, agrumi, viti e altra frutta. Si allevano bovini, suini, ovini e caprini.[7]

L'artigianato è specializzato nella produzione di cesti e stuoie.[7]

Piccole aziende operano nei comparti di pesca, piscicoltura ed edilizia.[7]

Il terziario è composto da una sufficiente rete distributiva ma necessità di servizi qualificati e strutture sociali rilevanti.[7]

Infrastrutture e trasportiModifica

AmministrazioneModifica

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
23 aprile 1995 16 aprile 2000 Francesco Maria Manca liste civiche di centro-sinistra Sindaco [16]
16 aprile 2000 8 maggio 2005 Pier Luigi Romolo Pilia lista civica Sindaco [17]
8 maggio 2005 30 maggio 2010 Francesco Maria Manca lista civica Sindaco [18]
30 maggio 2010 31 maggio 2015 Severino Cubeddu lista civica "Cambiare si Può" Sindaco [19]
31 maggio 2015 - Severino Cubeddu lista civica "Uniusu Po Sa Idda Ballao" Sindaco [20]

SportModifica

NoteModifica

  1. ^ Sigla provvisoria definita dal Consiglio di Stato con parere n° 1264 del 30 maggio 2017, in attesa di recepimento nella tabella allegata al Regolamento del codice della strada
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2017.
  3. ^ Ballao, dizionario.rai.it. URL consultato il 5 agosto 2011.
  4. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 58.
  5. ^ a b c d e f g h i j k l m n Ballao, spazioinwind.libero.it. URL consultato il 27 novembre 2011.
  6. ^ Ballao, comune-di.it. URL consultato il 9 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  7. ^ a b c d e f g BALLAO (CA), italiapedia.it. URL consultato il 4 dicembre 2011.
  8. ^ a b c BALLAO (GERREI), galsgt.it. URL consultato l'11 marzo 2012.
  9. ^ Goffredo Casalis, Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli stati di S. M. il Re di Sardegna, Volume 2, 1834.
  10. ^ a b c Stemma e gonfalone, comune.ballao.ca.it. URL consultato il 9 luglio 2012.
  11. ^ Villaggi Scomparsi del Giudicato di Cagliari[collegamento interrotto], sardegnaomnia.altervista.org. URL consultato il 15 marzo 2012.
  12. ^ a b La miniera, comune.ballao.ca.it. URL consultato il 5 febbraio 2012.
  13. ^ a b Miniera di Corti Rosas, minieredisardegna.it. URL consultato il 27 novembre 2011.
  14. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  15. ^ Biblioteca, comune.ballao.ca.it. URL consultato il 10 luglio 2012.
  16. ^ Comunali 23/04/1995, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.
  17. ^ Comunali 16/04/2000, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.
  18. ^ Comunali 08/05/2005, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.
  19. ^ Comunali 30/05/2010, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.
  20. ^ Comunali 31/05/2015, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN132429883
  Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna