Apri il menu principale

Banna (torrente)

affluente del fiume italiano Po
Banna
Banna a poirino.jpg
StatoItalia Italia
RegioniPiemonte Piemonte
ProvinceAsti Asti
Torino Torino
Lunghezza28 km
Portata media5,7 m³/s[1]
Bacino idrografico484,3 km²[1]
Altitudine sorgente280 m s.l.m.
Nascecollina di Buttigliera d'Asti
AffluentiRioverde, Rio Stellone
SfociaPo presso Moncalieri
44°57′12″N 7°42′19″E / 44.953333°N 7.705278°E44.953333; 7.705278Coordinate: 44°57′12″N 7°42′19″E / 44.953333°N 7.705278°E44.953333; 7.705278
Mappa del fiume

Il Banna è un torrente che scorre in nelle provincie di Asti e di Torino. Affluente di destra del fiume Po, si getta in esso appena a monte della confluenza in quest'ultimo del Tepice.
Nonostante i due torrenti abbiano bacini, idrograficamente indipendenti per la loro vicinanza e per le caratteristiche geografiche simili, essi vengono analizzati insieme nei documenti di pianificazione idrica ufficiali.[2]

Questo corso d'acqua dà il proprio nome alla magnifica tenuta dei marchesi Spinola sita al confine tra Poirino e Villanova d'Asti.

PercorsoModifica

Nasce a circa 300 m s.l.m. da un ramo sorgentizio chiamato Rio Bannetto che nasce tra le colline di Buttigliera d'Asti.
Puntando verso sud raggiunge Villanova d'Asti dove transita nei pressi dell'omonima uscita dell'autostrada Torino-Piacenza e devia il proprio corso verso ovest. Arriva quindi in provincia di Torino e riceve da destra le acque del Rio Borgallo. Passato appena a nord di Poirino, dove interseca l'ex SS 29 del Colle di Cadibona, riceve da sinistra l'apporto del Rioverde. Dopo aver attraversato l'abitato di Santena, scorre tra i comuni di Cambiano, Moncalieri e Villastellone: qui riceve l'importante apporto idrico dal Rio Stellone.
Confluisce infine nel Po poco a sud di Bauducchi (Moncalieri).[3]

Affluenti principaliModifica

  • Rio Borgallo (destra);
  • Rio Robeirano (sinistra);
  • Rio Valgorrera (sinistra);
  • Rio Riassolo (destra);
  • Rio Santena (destra);
  • Rioverde (sinistra);
  • Rio Stellone (sinistra);

RegimeModifica

Portata media mensile (in m³)
Stazione idrometrica : confluenza Po (1951 - 1991)
 
Fonte : AA.VV., Piano di tutela della acque - Allegato tecnico II.h/1 Bilancio delle disponibilità idriche naturali e valutazione dell'incidenza dei prelievi - Bilancio idrologico - Rapporto tecnico; tabella 8, pag. 28; luglio 2004; Regione Piemonte (consultato nel dicembre 2011)

Nonostante il bacino idrografico ridotto, il Banna può vantare di una portata media di 5,7 m³/s[1], un valore piuttosto elevato considerando il tipo del torrente ed il regime idrologico stesso.

ProblematicheModifica

 
Il ponte sulla ex SS 29 a Poirino

Il corso del torrente è particolarmente inquinato. L'indice di Stato Ambientale del Corso d'Acqua (SACA) nel 2002 è stato rilevato come "scadente" nelle stazioni di rilevamento di Poirino e di Moncalieri, e l'ittiofauna risulta quasi assente gran parte del suo corso. [2]
Il Banna ha anche causato vari eventi alluvionali. L'ultimo in ordine di tempo si è verificato nel 1994 quando il torrente ha invaso varie zone di Poirino e Santena, provocando anche un decesso.

NoteModifica

  1. ^ a b c Caratterizzazione bacini idrografici (elab.I.c/7) - Allegato tecnico al Piano di Tutela delle Acque, Regione Piemonte, rev. del 1º luglio 2004 (on-line in formato .pdf su [1] Archiviato il 3 marzo 2016 in Internet Archive.)
  2. ^ a b Piano di tutela delle acque (AI 08 - Banna Tepice); Regione Piemonte - Direzione Pianificazione delle Risorse Idriche, 2007 (on-line in formato .pdf) Archiviato il 19 maggio 2014 in Internet Archive.
  3. ^ Carta Tecnica Regionale raster 1:10.000 (vers.3.0) della Regione Piemonte, 2007

BibliografiaModifica

  • Anselmo Tropeano, Eventi alluvionali nel Torrente Banna, Torino, SPE, 1974.

Altri progettiModifica

  Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte